Salta i links e vai al contenuto

Amare un uomo sposato… quanta sofferenza!!!

Lettere scritte dall'autore  
La lettera è pubblicata a Pagina 1

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

706 commenti

Pagine: 1 2 3 4 5 6 71

  1. 31
    sarah -

    Agata la tua scelta fa del male agli altri per questo la condanno,due genitori sono liberissimi di lasciarsi e di vivere allla luce del sole le loro storie,i persoaggi che hai citato vivevano in tempi in cui un matrimonio salvava intere nazioni,non prendere esempio dalla storia,siamo nel 2012 tesoro…ora se tu preferisci fare l’amante allora significa solo due cose:
    1. sei talmente succube di quest’uomo che non ti rendi conto che controlla la tua vita e mentre tu ti pigli le sue briciole lui si terrà la sua sicurezza e quando ci saranno crisi e problemi tra voi sarai buttata via!
    2. non sei in grado di affrontare una relazione se lui stesse solo con te cosa faresti?un uomo divorziato ha comunque dei doveri e forse quest’eventualità ti spaventerebbe ancora di più,probabilmente non ti importa di realizzarti come donna,di avere una famiglia o forse l’hai avuta non lo so ma la tua scelta coinvolge altre persone e se non hai sensi di colpa sei solo spregevole,mi ricordi molto il mio ex,anche lui allontanava i sensi di colpa,inventava mille scuse per non rendersi conto di ciò che faceva ma la verità è che la coscienza l’abbiamo tutti semplicemente quelli come voi non aprono la porta qunaod bussa e fanno finta di nulla.Non ti augurerò buona fortuna,perchè condanno i tradimente e sappi che un legame come un matrimonio non è sacro per la chiesa,per Dio o è un contratto scritto,per me è una vera promessa d’amore,il tuo amore clandestino,proprio perchè tale non ha valore perchè un tradimento non va di pari passo con l’amore,puoi avere passione,attrazione ma non amore,l’amore è anche lasciar andare una persona se ciò fa del male alle persone,l’amore è saper anche dire di no se c’è dolore,l’amore è coraggio,l’amore non è traditore,non è egoista e non sta nei vicoli buii,nascosto agli occhi degli altri,vivi quello che credi ma un giorno la vita ti presenterà il conto e dovrai pagarlo.

  2. 32
    someonelikeyou -

    Cara Agata, se hai voglia di parlare e magari sfogarti ti propongo di scambiarci qualche email, poichè nn vedo come il contributo caustico di jinny e sarah possa aiutarti e aiutarci a stare un po’ su di morale… Ti lascio la mia email qui, se ti va di parlare saró felice di risponderti! Un abbraccio (eithne.enya@gmail.com)

    Ad Agata, Nicola e tutti gli altri: fate un esame a voi stessi e finitela di criticare le altrui scelte… Siamo liberi, no?! In questo forum evidentemente no!!!

  3. 33
    AGATA -

    Sono personali punti di vista i vostri e li rispetto ma, ripeto, non condivido e non mi fanno avere alcun dubbio o rimorso o ripensamento sul mio modo di vedere le cose e sulle mie decisioni. Ragiono con la mia testa. Cio’ che accade in un rapporto a due non possono conoscerlo altre persone, neppure le piu’ vicine. Pertanto decisioni ed osservazioni spettano solo ai due componenti della coppia.

  4. 34
    LUNA -

    AGATA, è vero, non conosco la tua storia nel dettaglio, ma, pur non essendo io moralista, perdonami ma ho anch’io l’impressione che tu confonda epoche e situazioni. Non è ‘moralista’ e ‘giudicante’ osservare di per sè che tra la scelta di separarsi e divorziare e rifarsi realmente una vita a tutti gli effetti e non farlo vi è una sostanziale differenza, per TUTTE le parti coinvolte. Non è moralista e giudicante osservare che un tempo il divorzio non esisteva e anche il fatto che un uomo avesse una o più amanti veniva ‘tollerato’, tanto più se l’uomo era in una posizione di potere, per una serie di ragioni. Ma ciò non significa che la sofferenza insieme ai vantaggi non vi fosse. Citi aspetti romantici e quasi eroici senza valutare molteplici contesti. Anche la posizione delle favorite dei re, e il fatto che la petacci fu una delle amanti e donne di mussolini, la più nota anche perché ne condivise la fine, ma non certo la sola. E che ci son storie ben poco edificanti e romantiche connesse agli amori del duce. Ciò, per inciso, non lo dico con intenti politici. Ma se tiri in ballo la storia e la società e ne parli come se fosse un romanzo rosa

  5. 35
    LUNA -

    (genere per il quale, peraltro, ho rispetto) sei tu a valutare solo ciò che ti va bene ti salti agli occhi. Non esiste una legge di natura per cui gli amori clandestini siano ‘più autentici’, tanto più nel 2012, di quelli ufficiali. E due vite in grigio, pur nella loro valenza compensatoria, per come io la vedo, e non per moralismo, non ne fanno una vissuta in chiaro, con tutta la completa profondità e serenità e espansione di un rapporto unico che vive e funziona da solo. Ciò che si sia mariti, mogli, amanti. Posso anche dirmi che ho scelto e sto filosoficamente bene con quello che ho, ma, a meno che non abbia davvero un mio personale desiderio e interesse a vivere con meno (desiderio, no adattamento) non mi sentirò mai felice e serena quanto se potessi espandermi e crescere realmente e liberamente in un rapporto e ciò vale che io sia una moglie tradita, traditrice o un’amante. Son molto poco schematica e non mi serve una fede al dito per amare o essere romantica o trovare affinità con il mio uomo. Ma che sia in multiproprietà una differenza la farebbe eccome. A saperlo non mi terrei un marito traditore e penso che sarebbe mio pieno diritto saperlo e scegliere se mi sta bene la coppia aperta. idem se fosse ‘aperta’ perché il mio fidanzato ha una moglie. Poi certo son scelte personali. Ma non è questione di schemi o di scarsa conoscenza della vita o di giudizio dire ‘io ho un’altra idea di cosa sia poter crescere in e con un rapporto’

  6. 36
    someonelikeyou -

    Luna, dici delle cose corrette, ma sulla comunicazione sappiamo che gli uomini sono un po’ carenti. Pensi che possa esistere un uomo che dopo sposato proponga alla moglie una vita da coppia aperta senza essere sbattuto fuori casa? Se nn lo dicono è perchè sanno che la moglie non accetterebbe mai una comproprietà dichiarata. Magari c’è il caso in cui sa e fa finta di nn sapere (avrà i suoi buoni motivi).
    È difficile far passare il concetto fondamentale secondo cui la comunicazione deve stare all’interno della relazione, nn deve incrociarsi con l’altra (es. L’amante nn va dalla moglie a parlare). Ergo compete all’uomo in multiproprietà.

  7. 37
    sarah -

    qui siamo al delirio…uomo in multiproprietà…ecco gli amori di oggi…ognuno fa i suoi conti,ognuno sceglie di essere la persona che è, lui sceglie di essere meschino e può farlo perchè ci sono varie donne su un piatto d’argento a cui sta bene ma se queste donne non ci fossero ci sarebbero meno tentazioni,certo questo non significa che uno non sia comunque meschino ma almeno facciamoci i conti con noi stessi,io non ci credo che si può essere felici e fieri di se stessi stando nell’ombra e sapendo che di mezzo c’è una famiglia che può rompersi da un momento all’altro,nel momento in cui accettiamo una relazione clandestina diventiamo complici del traditori e non siamo certo migliori,bisogna chiedersi se è questo che vogliamo essere…persone così prive di sensibilità da non pensare “al posto di lei potrei esserci io” e la scusa “lei magari sa e fa finta di niente” non regge perchè magari se a votle può esserci dietro una moglie vipera,altre volte c’è una che lotta,che ingoia il rospo e cerca di salvare il salvabile,c’è una che ama.La moglie pensa alla figlia,ai figli se ce ne sono,alla casa,al lavoro,alle bollette,al suo rapporto,ai genitori,suoceri(spesso invadenti),alla scuola,ai problemi quotidiani, l’amante non vive niente di tutto questo con lui ma solo il letto,per questo lui viene tutto bello profumato,fa l’eterno ragazzino che flirta perennemente ma bisognarebbe anche crescere e capire che quando ci sono crisi non è altrove che dobbiamo cercare la soluzione(che poi soluzione non è)ma è dentro di noi,nella nostra vita,nella nostra famiglia,poi per carità se non va non va,ci si può lasciare ma accontentarsi di essere amante(perchè è un adagiarsi alal situazione e non una scelta di vita)è solo per paura di affrontare la pienezza del rapporto vero e proprio.
    Luna, come sempre scegli le parole giuste ma neanche quelle possono far capire l’enorme dolore che queste persone causano. L’uomo non saprà comunicare ma se la donna fa l’amante si nasconde…allora è meglio?no e continuando nell’errore non si risolve nulla,le relazioni clandestine luna,lo sai, portano dolore ovunque,per quanta passione puoi provare anch’esse si affievoliscono e muoiono, le cicatrici lasciate da un tradimento si estingueranno mai?Detesto molto queste persone che non vogliono essere giudicate ma giudicano loro stesse chi è contro la loro totale mancanza di sensibilità e di rispetto,so di essere dura ma se ne avessi il potere io farei pagare a ogni amante il prezzo del loro inganno e questa si chiama giustizia.

  8. 38
    LUNA -

    Sì, penso che possa esistere un uomo che propone una coppia aperta e non viene sbattuto fuori di casa, e penso anche che ciò possa esistere per la donna, idem.
    Quello che mi chiederei, per esempio, è perché una persona deve aspettare di sposarsi o di andare a convivere con una persona secondo una certa visione comune per poi palesare (o nascondere) il fatto che vorrebbe una coppia aperta. Oggi la maggior parte delle persone si sposa quando dovrebbe conoscersi già un pochino, almeno da questo punto di vista.
    Se la mia esigenza fosse la coppia aperta lo direi a chi incontro PRIMA, non DOPO e cercherei un partner compatibile.
    Ma se parliamo di coppia aperta nel senso “tradimento” allora, scusa, ma mi viene da dirti questo:
    se lui confessa il tradimento la moglie lo sbatte fuori di casa.
    Certo, se lui (o lei) sta vivendo solo un diversivo è un bel casino, perché essere sbattuti fuori di casa da una moglie a cui tieni per il semplice fatto che ti stavi prendendo un diversivo non è una soluzione. Se il problema era di comunicazione vallo a spiegare una volta che comunque sei costretto/a comunicare alla moglie o al marito a cui tieni che invece di cercare una via insieme per trovare la comunicazione si sono messe in mezzo altre persone, che hanno avuto una funzione, ma che non sono poi così importanti.
    Personalmente conosco persone a cui ciò è successo. Successo il casino hanno recuperato la comunicazione e hanno salvato l’amore, però non è che il fatto di aver messo in mezzo altre persone sia stato un giovamento. E’ stato trovare la via meno funzionale per guardarsi in faccia e risolvere dei problemi che potevano essere risolti.
    Se il traditore è terrorizzato all’idea di divorziare, perdere la faccia davanti ai genitori e cugini di terzo grado, dover affittare un’altra casa, rinunciare alle vacanze dal suocero e dover pagare gli alimenti ai figli o di farli soffrire… beh, non è che ci siano grandi soluzioni, o resti traditore seriale silente tutta la vita (ma comunque sei un paraculo, consentimi, perché appunto gradirei saperlo che ho davanti un traditore seriale) o vivi una vita parallela tutta la vita (a scapito anche di chi la vive con te) oppure prima o poi le palle di affrontare la situazione devi trovarle, a meno che, appunto, non ti esploda comunque tra le mani, al che dovrai comunque trovare delle soluzioni, e forse avrai anche più casini.

    Ma se lui ama te e vuole vivere con te e l’ostacolo è la moglie, nel momento in cui la moglie gli rende la sua libertà non dovrebbe essere un favore che gli fa? Lo butta fuori di casa e lui viene a stare con te, senza un rimpianto, perché non amava più la moglie e stava solo per dovere o per sport? Chissà perché, però, nel 99 per cento dei casi non è così. Quello che viene a vivere con te senza rimpianti è quello che non aspetta che sia la moglie a dargli un calcio nel sedere o che sia l’amante a fargli un ultimatum.

  9. 39
    LUNA -

    perché, per quanto sicuramente quelle fasi di passaggio siano tese, nevrotiche, dolorose, la persona che vuole venire via con te comincia ben presto a cercare di capire come risolvere le cose in quella direzione. Perché un conto è la compensazione per una storia che ha dei problemi, un altro è incontrare la persona veramente speciale con cui pensi che potresti rifarti una vita.

    Guarda che io non sto dicendo che sia facile, ma ti parlo anche con una certa cognizione. Per esempio per vent’anni un mio breve ex di gioventù, che era un traditore seriale per sua insicurezza, ha tradito sua moglie raccontando le solite storie che lei qua e lei là e povero lui.
    Arrivava anche a raccontare che erano separati e ormai vivevano in due case diverse mentre vivevano in casa insieme e andavano a fare la gita domenicale sorridenti. All’occorrenza negava anche di avere due figli, cosa che ovviamente poteva fare solo per rapporti brevi e occasionali, comunque sia lo so perché sono donne che hanno avuto delle relazioni brevi con lui che me lo hanno raccontato.
    (perché alcune le conoscevo, e sapevano che in gioventù ero stata la sua ragazza, quindi mi parlavano di lui come di una conoscenza comune. A volte poi, pensa quanto è fuori, era lui stesso a tirare in ballo me, con loro, perché me lo venissero a dire… – calcola che a me non me ne può fregar di meno, non fosse che mi è sempre dispiaciuto per la moglie e i suoi figli, perché insomma vivere bene è altro e per empatia mi dispiaceva per loro). Ha continuato così per tutta la vita, finché ad un certo punto ha lasciato davvero sua moglie, ma non l’ha tirata un anno… ha fatto un figlio con un’altra donna e ha lasciato moglie e figli. Perché la amava più di tutte quelle con cui si era copiosamente relazionato prima? Perché era giunto per lui il momento di lasciare? fatto sta che comunque l’uomo più indeciso del mondo si è deciso. Ora ho i miei dubbi che non tradirà anche lei, una gran bella ragazza, e ti dico anche perché.
    Lui non ha mai tradito compagne (me inclusa, perché di sicuro lo ha fatto, troppo patologica sua la cosa) che erano arpie, cessi, donne di poca personalità o carattere, donne che si trascuravano o trascuravano lui o che per contro gli stavano troppo addosso… quando tornò alla carica con me, anni dopo (e si prese un calcio nel sedere, dato da me che sorridevo per inciso per quanto mi pareva fuori luogo il suo tentativo di approccio… e per inciso lo avevo lasciato io, quando lui aveva tentato di tenere il piede in due scarpe) mi disse una cosa che mi aveva già detto, e cioè che lui di me era gelosissimo. E so che lo era davvero. E non perché io gli dessi motivo. Ma lui era troppo insicuro per avere una donna sola. Quindi SOME sai tu, ma ti consiglio di non pensare ai luoghi comuni, ma di cercare di capire chi DAVVERO hai davanti a te, come vive i rapporti, cosa pensa, e perché, da parte sua, sta tradendo.

  10. 40
    someonelikeyou -

    Luna, è esattamente quello che sto facendo passo dopo passo. Nn posso iniziare un estenuante interrogatorio ma devo rispettare i tempi di risposta di una persona. Nn è il caso che hai citato, al contrario è estremamente sicuro di se e nn girano pettegolezzi su altre storie clandestine. Se fosse un traditore seriale l’avrei lasciato perdere subito. Nn ho intenzione di entrare nella lista delle conquiste di un seduttore di professione. Ho solo bisogno di tempo e parole giuste. Nn voglio assillarlo, capisci? A me da’ fastidio e lui ha lo stesso carattere mio, quindi evito il pressing. Di solito facendo così è lui che parla e io preferisco. Ho capito che ci vuole pazienza. Cara Luna, dai degli spunti ottimi senza offendere e me ne rallegro. Grazie del contributo.

Pagine: 1 2 3 4 5 6 71

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili