Salta i links e vai al contenuto

Eritrofobia, paura di arrossire

Lettere scritte dall'autore  
La lettera è pubblicata a Pagina 1

L'autore ha scritto 2 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

34 commenti

Pagine: 1 2 3 4

  1. 11
    luca -

    rimedio: non c’è rimedio…lasciate stare psicologi o psicofarmaci
    l’unico modo è accettarsi per quello che si è,,,,cosa impossibile in
    questa società…ognuno ha i suoi problemi si sa ma voi non potete
    capire perbenisti del c...o cosa si prova ad imbattersi nell’
    eritrofobia…non è un semplice arrossire per timidezza è un tipo un
    tic perenne che non passa mai…c’è sempre li dentro di te e non
    riesci ad isolarlo a farlo andare via ti mangia la vita…piano
    piano…ogni giorno è sempre una piccola sconfitta…vai a fare la
    spesa e diventi paonazzo, dai qualche esame all’ università e diventi
    paonazzo,dentro di te sai,essendoci abituato, che qualsiasi cosa che
    dovrai fare sarà marchiata dalla sconfitta dalla vergogna dal
    sentirsi derisi,dall’ imbarazzo.. gente che ride, ti sfotte, pensa che
    tu non abbia le palle solo perchè trasmetti l’immagine del
    timido..questo sangue che arriva e ti trasforma nel timido per
    antonomasia mi spiegate perche’ non sono timido????
    leggevo alcune risposte..arrossisci? ci sono problemi piu’
    seri…questo è un problema serissimo e nessuno lo capisce e ti fa
    vivere in un limbo di tristezza e frenandoti in tutto…
    in tutti i sogni che vorresti realizzare facendoti spesso sentire
    inferiore agli altri…bene io vi dico che vorrei vedere le persone
    che dicono che non è niente di serio venire prese in giro, sentirsi a
    disagio con tutti che ti fissano e ridono per anni e anni…uscire di
    casa e sapere che sarai deriso..e che non potrai apparire ne metterti
    in mostra come fanno tutti..uno sconforto che non potete capire voi
    perbenisti che siete i primi ad andare dall’ estetista per le
    sopracciglia o per farvi una lampada in piu’ e apparire sempre alla
    moda:_) in una società cosi’è difficile convivere con qualche
    imperfezione ma convivere con un fuoco che esplode sul tuo volto ogni
    qualvolta fai un discorso in pubblico o fai la spesa è veramente
    complicato..solo voi che lo provate potete
    capirlo..meglioOperarsiAlnervosimpCheRifarsiLeTette!

  2. 12
    maura -

    ciao sono maura,penso che sia un problema gravissimo arrossire io pensavo che ero l’unica,ne sofro parecchio e ci stò male un molto,ho 29 anni vorrei risolvere anche io questo problema da sola non c’è la faccio se esisteva davvero l’intervento lo avrei fatto subito,vivo la vita in un incubo e ti capisco perfettamente…io non c’è la faccio piu’….

  3. 13
    Silvia -

    Ciao!Ho letto i vari commenti e son stata sorpresa nello scoprire che non son l’unica ad avere questo problema e questo non sapete quanto mi abbia sollevata. Ho 22 anni. Sono completamente d’accordo con chi ha detto che non è vero che non è un problema perchè per noi che ne soffriamo lo è, e molto anche. Da piccola non mi succedeva quasi mai, poi mi è successo un episodio in particolare e da lì in poi ha iniziato a succedermi sempre più spesso, anche se già da prima mi ero accorta che la cosa si accutizzava. Ad un certo punto ho iniziato ad arrossire anche per un ciao detto da mia sorella, non scherzo. La mia vita era diventata un inferno perchè non riuscivo a controllare i rossori, mi chiudevo sempre di più, avevo sempre meno stima in me stessa e ad un certo punto ho iniziato a non uscire più di casa per la paura di arrossire. No potete immaginare quanto vi capisca qundo dite che vi ha limitato la vita. Poi mi son decisa ad andare da uno psicologo e questo mi ha sicuramente aiutato, ma non del tutto perchè la cosa mi succede ancora oggi anche se molto meno. Quando sento che il rossore sta per salire cerco di immaginare che non succeda, cerco di controllarmi ma non ho ancora trovato la soluzione perchè non ne sono ancora uscita..e anch’io non sono assolutamente una persona timida, anzi!Adoro stare in mezzo alle persone ed è appunto per questo che la mia vita è diventata difficile perchè il rossore si scontrava col mio essere. Quindi vi chiedo: come cavolo si fa a venirne fuori?????? Perchè per fortuna sono una persona estremamente ottimista e sono sicura che prima o dopo dovrà andarsene questa cosa, ma non so come fare..di certo scarto operazioni chirurgiche: evitate tutto questo, dipende solo dalla nostra testa, non è un problema fisico! Che dobbiamo fare? Ci deve pur essere una soluzione perchè anche a me, a volte, capita d’aver paura che possa limitarmi la vita.Aver paura d’andare al supermercato perchè alla cassa qundo devi pagare diventi paonazzo non è il massi

  4. 14
    egor -

    La mettete giù dura, forse vi date troppa importanza, ha ragione chi vi suggerisce di fregarvene degli altri e io direi anche un po’ di voi stessi. Accettate la cosa e la cosa svanirà. Se vi vergognate di vergognarvi provate a vergognarvi di vergognarvi di vergognarvi…
    Anch’io ho avuto lo stesso problema e l’ho contrastato sbattendomene fino a ché si è stufato lui. Se proprio ci tenete a vergognarvi, senza offesa, dovreste semmai vergognarvi dell’italiano dei vostri messaggi, sembra che non abbiate passato nemmeno la quinta elementare,
    Magari questa vergogna vi distrarrebbe dalle altre, quindi prima dell’operazione compratevi una grammatica.

  5. 15
    Stefania -

    Ciao Ragazzi,mi chiamo Stefania e ho 22 anni…anche io come voi ho un limite che ultimamente invade la mia sfera sociale,quello dell’eritrofobia. Inizialmente pensavo fosse solo una cosa passeggera,ma adesso mi rendo conto che non lo è,anzi cerco di evitare luoghi troppo luminosi che mettano in evidenza il mio eventuale rossore! Quando ero più piccola non mi succedeva mai,da quando ho 16 anni che mi succede di frequente,fino ai 20 si è manifestato con particolare evidenza e in casi anche che nn implicavano situazioni imbarazzanti,adesso si è attenuata un pò la cosa,ma qualora diventi io IL CENTRO DELL’ATTENZIONE (ad esempio durante un discorso) comincio ad impanicarmi per paura di diventare rossa e puntualmente lo divento! Non riesco a controllare alcun tipo di emozione.Dipende dalle situazioni e dalle persone con cui mi confronto:Se ad esempio so che la persona che mi sta di fronte è più colta di me,mi inibisce il fatto di poter dire qualche cazzata e quindi preferisco nn esprimere il mio pensiero;al contrario quando mi trovo di fronte a persone “più ignoranti” riesco a far valere le mie opinioni evitanto anche di arrossire.Ho paura di mettermi alla prova perchè fondamentalmente ho paura che io possa diventare rossa (tendente al viola) a volte!! Secondo voi è qualcosa che passerà con il tempo? razionalizzando ”perchè si dovrebbe diventare rossi”?? non riesco a capirlo e nn riesco ad affrontare la situazione nel momento in cui mi si presenta.Molte persone mi dicono che è una cosa bella,è un’espressione dell’IO,ma io nn sono d’accordo forse perchè sono io in prima persona ad avere questo problema. Credo che prima o poi ne parlerò con una psicologa,chissà se mi sarà di aiuto,non tanto ad eliminare il rossore,ma piuttosto a conviverci nella maniera più spensierata possibile e tenere la situazione sotto controllo qualora misi presenti davanti una situazione di forte imbarazzo.

  6. 16
    fede -

    per chi dice che diventare rossi nn è un problema e perchè nn lo ha mai vissuto.Io ho solo 14 anni e questa fobia mi stà uccidendo nn riesco a stare cn gli altri per il timore di diventere sempre rossa.
    Ad esempio io questa sera dovrei andare ad una festa ma nn so se andarci perchè ho paura che quando sarò là appena uno mi saluterà io diventerò rossa e quindi tutti dopo mi prenderanno in giro cm posso fare?avete consigli?

  7. 17
    Diana -

    Ho lo stesso problema…Do ragione a chi dice di cercare la cura dentro noi stessi,di acquistare sicurezza,perchè confermo che è proprio l’insicurezza una delle principali cause scatenanti..Ma allo stesso tempo posso dire alle stesse persone che tutto questo è come “il gatto che si morde la coda” perchè è seriamente difficile sentirsi sicuri con questo problema,che sembra vivo e pronto a rovinare ogni tentativo d’esser forti. Per fare un esempio a chi fortunatamente non capisce,pensate di dover alzarvi in piedi,ad una cena,e fare un bel discorso serio sapendo di avere una grossa e visibile caccola sulla punta del naso!!! Credetemi,non è molto diverso.Riuscireste a fregarvene,ad esser disinvolti,a sentirvi sicuri? Ho pensato all’intervento,ma non mi piace l’idea di fare al mio corpo qualcosa di così innaturale. Proverò a documentarmi in merito all’agopuntura,se qualcuno ne sa qualcosa lo prego di rispondere. Mi piacerebbe organizzare una bella cena fra tutti noi “peperoni”…scommetto che per una volta il rossore non sarebbe un problema…ci facciamo un pensierino? Io sono piemontese…

  8. 18
    fede -

    mi piace molto la tua idea diana.
    poi per la mia festa è andato tutto bene perchè grazie alle mie amiche,che mi hanno aiutato,si sono diventata spesso rossa,ma nn ci facevo grazie a loro molto caso per questo mi sono sentita meglio.
    Mi date dei consigli per l’anno scolastico su come nn diventare rossa?vi prego aiutatemi

  9. 19
    CECìLìETTAヅ -

    Anche io ho questo problema..però per fortuna non mi capita molto spesso..ma la maggior parte delle volte nei momenti meno oppurtuni..
    Diana hai avuto una bella idea..io sarei disponibile a esserci..

  10. 20
    Diana -

    Ciao ancora a tutte e tutti…Vi lascio il mio indirizzo msn,nel caso vogliate fare due chiacchiere ogni tanto o contattarmi via mail..Nel primo caso non mi troverete spesso,ma alle mail risponderò sicuramente. Magari potremmo scambiarci qlc piccolo trucchetto o cercare insieme un punto di forza…Un abbraccio a tutti!
    traversata@live.it

Pagine: 1 2 3 4

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili