Salta i links e vai al contenuto

Una vita di rimpianti

Salve a tutti, la mia è una storia per certi aspetti come tante altre, ma ha, purtroppo, una sua originalità, dalla quale non riesco ad uscirne.
Cercherò di spiegarmi in breve, se possibile.
Allora ho poco più di 40 anni, professionista discreto, (nel senso che ho uno stipendio) moglie che lavora e 2 figli, la classica famiglia borghese insomma. Adesso qualcuno sta già pensando, la solita storia, il marito vorrà/si è fatto l’amante, anche questo un classico.
Beh si e no. In 20 anni di fidanzamento/matrimonio non ho mai tradito!
Che eroe!, si dirà, no è che non ci sono mai riuscito, quindi fedele per inettitudine. La mia è, purtroppo, una vecchia storia di grande timidezza, di timidezza patologica che mi ha da sempre condizionato l’esistenza, impedendomi di conquistare durante la mia vita i miei grandi amori. Sono piacente, simpatico, ma estremamente timido; posso apparire a volte anche disinvolto, finché rimango magari in ambito professionale, insomma finché posso indossare una maschera dietro cui nascondermi. Ma quando si tratta di approcciare, con una donna sono una frana totale, sono al livello di un ragazzino di 12 anni impacciato. Non cerco il tradimento, il sesso fine a se stesso, cerco forse l’amore che non ho avuto, le storie che non ho avuto, la giovinezza che non ho vissuto, le emozioni non provate. Ogni 2 o 3 anni incontro una persona che mi interessa molto, ma non riesco a farci nulla. In questi giorni, ho fatto un nuovo incontro con una ragazza, molto più giovane di me, oltre 15 anni! Alla quale sono quanto meno simpatico, ma arrivati al momento in cui dovrei tentare qualcosa, sono cristallizzato nella mia prigione interiore, dalla quale non so uscire, la mia prigione modello di perfezione che odio e che mi ammazza ogni giorno che passa. Non sono riuscito a rendere il mio vero dramma, lo so, e qualcuno magari riderà della mia situazione “infantile” ma vi giuro che è molto più seria e complessa di quello che sembra. Magari mi domanderete, se amo mia moglie, non lo so e non so se riuscirei mai a lasciarla.
Vedo il tempo passare, scorrere tra le mie mani, scivolare via, senza riuscire a fermarlo, senza riuscire a rubargli un po’ di vita non avuta…
Avevo bisogno di dirlo a qualcuno, di sfogarmi. Qualche anno fa sono andato da vari psicologi, per il problema timidezza, e questo è uscito fuori. In genere mi è sempre stato detto che alla fine bisogna fare i conti con le cose in sospeso nel proprio incoscio, ma è proprio quello che non riesco a fare, e così anche quest’ultima ragazza sarà un altro nome nei miei infiniti rimpianti.
grazie.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso

55 commenti a

Una vita di rimpianti

Pagine: 1 2 3 6

  1. 1
    lisina -

    ma io non capisco..cioè ti disperi perchè non riesci a tradire tua moglie???

  2. 2
    isolanelvento -

    Lisina, il punto non è tradire mia moglie. il punto è non riuscire a vivere quella vita non vissuta, per timidezza.

  3. 3
    rossana -

    a me piacerebbe invece sapere se sei mai stato innamorato di tua moglie…

  4. 4
    francy -

    Per me sei molto infantile,sei sposato ma cerchi l’amore..non cerchi sesso..ma cosa stai cercando non si sa..e tua moglie dove la metti in tutte le tue ricerche,che non riesci a fare perché’ sei timido???Piu’ che timido,sei un gran marpione…stii uomini

  5. 5
    Sergio -

    Oddio non ci credo, questa mi mancava ahahahahahahahahah

    Ora sicuramente spunterà qualche idiota che dirà che noi non capiamo nulla e che lui “DEVE BUTTARSI E SEGUIRE IL SUO CUORE”…

    AHAHAHAHAHHAAHAHAH

  6. 6
    PolvereDiStelle -

    Anche se fossi stato fedele non per inettitudine non saresti comunque stato un eroe. La fedeltà è la norma non l’eccezione.
    Mi dispiace per la tua timidezza in generale, ma spero che il Cielo mi salvi dall’incontrare qualcuno come te. Parli di rubare al tempo la vita non avuta, ma allo stesso tempo stai rubando a tua moglie la sua di vita. Se solo sapesse quello che ti passa per la testa credo che dovrebbe lasciarti senza nemmeno degnarti di una parola. Non meriti neanche quella. 20 anni con una persona non avendola mai amata e struggendosi per il fatto di non riuscire a tradirla con la prima che passa il convento. Incredibile! Ci hai fatto anche due figli! E’ veramente assurdo! E non ti vergogni di quello che le stai facendo! Spero proprio di non incontrare mai uno come te. Scusa la durezza, ma con le vite altrui non si gioca.
    Mi fa sorridere il fatto che Andy commenti tutte le lettere scritte da donne, ma sicuramente non si sforzerà di commentare questa. Perchè gli uomini non sbagliano mai.

  7. 7
    diana -

    Che tristezza! Poverina tua moglie… A parte che non mi piace quello che dici e mi dispiace per tua moglie che sicuramente neanche immagina questo tuo sfogo, ma hai mai provato a vivere meglio la tua vita matrimoniale? Cioè a divertirti con tua moglie, una passeggiata imprevista, una cena a sorpresa, qualsiasi cosa che non sia scontata e che faresti eventualmente con un’amante. Poi tu dici “una vita non avuta” ma non puoi cercarla nelle piccole cose? Hai una passione, un interesse? Coltivalo anche coinvolgendo i tuoi figli o tua moglie potresti scoprire lati della tua famiglia che ti sorprenderanno. Lasciati andare ma con loro, almeno provaci, forse ora sei solo annoiato qualche piccola scossa potrebbe aiutarti. Che dire non lo so, in bocca al lupo, però abbi rispetto per tua moglie.

  8. 8
    andy -

    a me invece fa arrabbiare, altro che sorridere, che nonostante tutto la moglie ha chi deve avere affianco e fa la pacchia.

    voi non avete bisogno di tutto ciò, vi prendono, vi corteggiano, state ferme ad un angolo, tradite o lasciate.
    non li avrete mai sti problemi che comunque come al solito vi fanno agio, anche in situazioni così ridicole.

    che poi è persino tutto da vedere.
    lui è inetto ed è vero.
    ma magari ha anche più corna di un cesto di lumache..

  9. 9
    milli73 -

    bo…
    sinceramente non so che dire…
    il fatto è che tu hai sempre avuto una vita da sposato, e non stai male… ma.. ha i rimpianti di quello che potevi fare tanto tempo fa quando non avevi una famiglia?ho capito bene?
    insomma … possibile che non si è mai contenti… ci sono uomini e donne che le famiglie come la tua le desiderano…oppure quando si sposano sperano che sia a lungo termine…
    quello che mi viene da dirti è che non dovresti buttar via un dono così prezioso… e credo che dovresti crescere…

  10. 10
    Sergio -

    Il problema di questi individui è che parlano di vita non vissuta, ma intanto ne distruggono tante altre… sembra quasi che non avendo le palle per affrontare la vita rubino la felicità altrui così possono tranquillamente non sentirsi soli nella propria inettitudine.

Pagine: 1 2 3 6

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili