Salta i links e vai al contenuto

Rimaniamo amici? Ancora a pezzi dopo un anno

Lettere scritte dall'autore  

E’ la prima volta che scrivo su un sito del genere ma voglio raccontare a qualcuno questa storia. Tre anni fa ho iniziato una relazione con una ragazza di 6 anni più piccola di me, io di 29, lei 23, partimmo subito in quinta, provammo emozioni indescrivibili, lei era costantemente nei miei pensieri ed io nei suoi, ce lo dimostravamo continuamente con le parole, con gli atteggiamenti, con tutto.
Specifico che non era la mia prima storia importante, mi ero ripreso da poco da una storia di 5 anni ma con la ex tutto andava bene, avevamo “chiarito”, ogni tanto ci sentivamo, entrambi avevamo una vita felice con piccole relazioni sporadiche e poco importanti dal punto di vista emotivo; avevo degli amici, una vita che mi piaceva… insomma, non ero sicuramente lì disperato ad aspettare lei.
Dopo un anno e mezzo circa inizia la crisi di coppia, ormai vivevamo praticamente insieme (lei a casa mia o io a casa sua), lavoravamo entrambi e non avevamo problemi economici, avevamo passato un periodo perfetto di amore ed emozioni veramente forti, sembrava che la vita dovesse per sempre essere in discesa, eravamo pieni di progetti e di sogni di vita, quando la guardavo negli occhi vedevo gli occhi che volevo vedere per tutta la vita e non passava giorno che, dopo la pausa pranzo, non mi trovavo un bellissimo messaggio sul telefono e non passava giorno a cui non cercavo di risponderle con parole altrettanto belle.

Una relazione perfetta in uno scenario un po’ triste… periodo in cui gli amici cominciano a non farsi tanto sentire perchè presi con le loro relazioni/vite/problemi/pochi soldi o poca voglia di uscire come si era sempre fatto, una città un po’ morta da un punto di vista degli stimoli e dei divertimenti, in pratica, due persone contente con ancora tanta voglia di sentirsi come a ventanni isolati in un ambiente freddo e ostile con poche possibilità di stringere nuove amicizie.

Se l’ambiente non fosse stato sufficiente, iniziano anche i nostri problemi…
Lei voleva cambiare lavoro, questa decisione era molto pesante per lei, ma l’ambiente dove si era trovata la metteva fortemente sotto stress. Stessa cosa per me, posto di lavoro con nessuna possibilità di salita e conflitti interni al limite del mobbing. Poco importava, noi eravamo uniti e nei nostri progetti c’era quello di trasferirsi, avremmo stretto i denti per l’inverno, messo da parte dei riparmi, fatto le nostre vacanze estive ed a settembre saremmo partiti. Non sarebbe stata una cosa semplice ma non volevamo rimanere incatenati a quella vita.

Inverno, giorni di forte stress, vita sessuale quasi inesistente, entrambi stressati da paura, io cerco conforto in lei, lei cerca conforto nel ritrovare una vita sociale, uscire con colleghe, amici di amici, spasimanti che si fingono amici (ps: mai fatto scenate di gelosia o simile, al massimo detto cose del tipo “secondo me ……, ma mi fido di te”), impegnarsi in 10000 attività.

Io mi accorgo che così la cosa non va e cerco di fare qualcosa, organizzare per uscire tal volta io e lei o anche io e lei ed i suoi amici, cercare di parlarle, di andare a volte da qualche parte e ricorstruire magari anche una vita sessuale… Niente

Mi mettevo d’accordo per fare una cena diversa dal solito ed uscire insieme, lei spesso dopo cena diceva di essere stanca e voler andare a dormire. Spesso tornava dopo essere uscito con le amiche e vedevo la sua faccia cambiare dal felice al quasi infastidita di essere tornata da me.

Passo sei mesi da incubo, tutte le mattine un lavoro che odiavo e tutte le sere a cercare di nascondere il mio stress, a cercare di essere nella forma migliore possibile, cercare in ogni suo atteggiamento, sguardo, espressione un qualcosa che mi dicesse: “Non è finita davvero, è solo un brutto periodo che finirà e tornerete felici”.

Arrivano le due settimane di vacanza che tanto speravo ci avrebbero fatto rilassare e ritemprato, ma nulla, alcuni miei atteggiamenti sembrano darle fastidio, passa svariato tempo al telefono con le amiche, parliamo di nostri problemi e nei suoi discorsi non vedo nessun: “tutto si risolverà”. Tornati dalle vacanze, lei dice di non amarmi più, ma che comunque mi voleva tanto bene, ormai mi vedeva come un fratello e non mi avrebbe voluto perdere per nulla al mondo.

Giorni di disperazione, analista, voglia di morire, delorazepam per dormire, tanto lavoro su me stesso (fondamentalmente ho carenze di affetto), rapporto con lei al minimo. Ad un certo punto decido di stare meglio e che è arrivato il momento di cambiare città e lavoro.

A distanza di qualche mese ho una nuova vita, tanti amici che mi vogliono bene, ho mantenuto un minimo di rapporto con lei… un’oretta in chat al mese o giù di lì, sono soddisfatto ma mi manca qualcosa… Ho cercato di portare avanti qualcosa che somigliasse ad una relazione, sono passato tra il “paranoico per la paura che mi lasci” al “non mi interessa nulla di lei ma un po’ di sesso e qualcuno che è interessato a me mi da un surrogato di ciò che mi manca”.

Il mese scorso lei è venuta a trovarmi, aveva bisogno di qualche giorno di pausa, voleva qualcuno di fidato che le volesse bene con cui parlare, ha una relazione da incubo, è insieme una persona che le ha fatto di tutto… Fine della fiera dopo essere stati bene due giorni, lei si è allontanata come faceva in quei periodi che dicevo “da incubo”. Torna a casa, ritorna col tipo ed io sono di nuovo a pezzi, ormai è un mese che non sento un minimo di calore umano che non sia quello degli amici che però non sono una ragazza che ti ama. Ripenso a quel periodo e mi sento una persona poco piacevole, sessualmente non attraente, il bravo ragazzo, tanto buono di spirito ma che non ispira nulla a nessuno. Ho carenza di affetto.
Oggi mi ha chiamato per chiedermi se passiamo una settimana in vacanza insieme, il suo lui non ci sarà, ma dobbiamo essere con qualcun altro se no lui è geloso.

Vorrei sparire ma so che mi mancherebbe tantissimo, forse le chiederò prima di tutto di chiarirci, di parlare un po’ di quei brutti periodi, non l’abbiamo ancora fatto ed a pensare a tutto quello che ho passato mi si contrae ancora lo stomaco… Nessuna idea sul da farsi, solo tanti bei ricordi di un periodo che pensavo sarebbe durato per sempre…

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

14 commenti

Pagine: 1 2

  1. 1
    wild steel -

    che pacchia le femmine.
    fanno e disfano come vogliono.
    uomini ma vi immaginate se al vostro minimo rutto ci fossero almeno 10 strafighe che vi dicano quanto sia soave il suono emesso, quanto romantico e profumato sia vedervi digerire dopo una birra e una frittata di cipolle?
    questo è quello che vivono queste schifose, ogni santo giorno della loro vita.
    e più ruttano e più strafighe hanno a disposizione per alimentare il proprio ego.
    naturalmente, fuor di metafora, visto che ultimamente per scrivere qui sopra ci vuole il traduttore dati gli addormentati che girano, voi siete le femmine, i rutti sono i loro schifosi comportamenti da viziate e le strafighe sono gli zerbini.
    e la colpa di chi è? semplice, degli zerbini stessi.
    ci danneggiano tutti.
    maledetti loro, e maledette le femmine.

  2. 2
    Artorius -

    Per carità, rifiuta la vacanza insieme, tanto, e te lo dico brutalmente, lei non tornerà.. Vuole soltato compagnia quando si sente sola, ma poi finisce lì. Devi essere forte e troncare ogni rapporto. Personalmente credo che non si possa rimarere amici dopo una storia: c’è sempre uno dei due ancora innamorato e l’altro che se ne approfitta, se può.

  3. 3
    Andrea74 -

    Caro Tm8118, io a fare quella famosa settimana di vacanza alla quale accenni alla fine della lettera:

    A. Non ci andrei, se hai delle minime velleità su di lei tipo “tornare insieme” o cose così. Se vuoi chiarire, come dici tu, fallo prima ed in base a quello che vi direte… decidi.

    B. Ci andrei eccome, se non intendi tornarci insieme ma vuoi solo parlare un po’ e buttarla per l’ultima volta, ragione, peraltro che le ha fatto decidere di invitarti.

    Okkio perché lei mi sembra una vera CANAGLIA. Se ci vai in vacanza probabilmente te la sgancia e sai perché? Perché se quando il suo basterdo quando torna la tratta troppo male e lei non ce la fa più.. a quel punto potrà ragionevolmente pensare di avere ancora la porticina mezza aperta con te, grazie alla rimpatriata sessuale estiva.

    OKKIO, mi sembra che stai soffrendo, forse è meglio che rinunci anche alla sco…ta della staffa…

  4. 4
    Kid -

    ..Veramente è ora che cambi atteggiamento.
    Sei stato troppo morbido e filosofo della fiducia , quando stavate insieme.
    Quando qualcosa non ti “piace” , indipendentemente dalla questione “Io mi fido di te “, non si deve concedere la libertà che si avrebbe solo se si fosse single . Non è detto che questo cambi le cose ma che almeno serva per far capire , che stress o voglia di libertà o meno , c’è in primis la regola del rispetto!Altrimenti , si finisce per essere usati finchè fà comodo . Allora è meglio “imporsi” o rompere ed ognuno per la sua strada.
    Per il post , cioè adesso , intanto pensa alla tua vita e divertiti , e se il viandante bussa alla porta è bene che porti qualcosa in dono oppure è bene che manco si presenti . Cos’è viene nuovamente a prendere la tua compagnia e la tua speranza ?
    Non deve venire a prendere niente , invece , perchè t’ha fatto le scarpe , quindi deve dare!
    Deve dare! Due paroline che in certi menti egoistiche e opportunistiche neanche passano per l’anticamera del cervello .
    Ma se nessuno glielo insegna …….ehhhhhhhhh!
    Lei propone , tu accetti e non ti accorgi quanto e cosa ti “prende”.
    Vai oltre le cose , vai oltre cosa fà e dice lei , pensa solo a ciò che è giusto o sbagliato per te, quando qualcuno ha sbagliato nei tuoi confronti . Il resto non conta. C’è solo la tua dignità.
    E questa ragazza ancora non l’ha trovato chi la mette in riga , come si deve!

  5. 5
    Phil95 -

    Ciao!

    Mi è piaciuto molto il tuo stile di scrivere, sembrava quasi di vedere un film!

    Diciamo pure che lo stress e il troppo carico di impegni hanno una loro colpa, in parte….e lei comunque mi sembra di aver capito che nulla o poco ha fatto per ricompensare i tuoi sforzi, quindi tu non hai colpe perché non la hai trascurata ma hai sempre cercato di porla al centro dell’attenzione: hai sempre ed in ogni caso dato te stesso!
    Può darsi che lei fosse veramente stanca della vita che facevate ma se così fosse lei doveva comunque parlarne con te: i problemi, ricordatelo, si risolvono parlando e non facendo finta che loro stessi non esistano….
    Hai mai pensato che poteva aver iniziato qualche relazione? Magari conosceva già il tipo con cui è ora e col quale non è contenta perché lui la tratta male….forse lei incomincia a capire quale grande sbaglio ha commesso allontanandosi da te ma io direi che è un po’ tardi per tentare di riparare il danno, no?
    D’altronde tu ti sei rifatto una vita e a quanto vedo stai ottenendo risultati migliori di lei….un consiglio per migliorare ancora di più? Non considerarla, non chiamarla, non ascoltarla….ignorala! Perché se tu tornerai da lei, i problemi ricominceranno tutti da capo, ne sono assolutamente certo!
    Non andare per nessun motivo in vacanza con lei ora….stiamo scherzando? Non renderti uno zerbino!
    Ripeto quello che hai fatto e che stai facendo va benissimo, avanti così!
    In conclusione ritengo che sia molto importante tentare un chiarimento ma dopo chi si è visto si è visto ed ognuno per la sua strada!
    Intanto incomincia a guardarti in giro, che ne dici?

    Saluti!

  6. 6
    ile -

    o mio dio questa ragazza è orribile…….non credo che si soffermi molto a pensare che non può che farti del male questa situazione….è normale che tu da persona innamorata nutra ancora una forte speranza che ti porta a pensare che tutto questo possa cambiare ma le probabilità che possa succedere vista la situazione e visto il tuo ruolo di ruota di scorta mi sembrano molto scarse…….mi dispiace dirti questo ma per il tuo bene non accettare assolutamente di partire insieme a lei….al ritorno la prima cosa che farebbe sarebbe tornare da lui e tu rimarresti ancora una volta senza di lei.
    il consiglio che posso darti è di amarti un pò di più….solo questo….e vedrai che tutto sarà diverso,migliore…..

  7. 7
    Andrea74 -

    @Ile: “al ritorno la prima cosa che farebbe sarebbe tornare da lui e tu rimarresti ancora una volta senza di lei”: parole sante… caro autore della lettera te lo abbiamo detto già in due, in soli 6 commenti…

  8. 8
    Andrea -

    Purtroppo ha ragione Wild Steel (troppo esilarante la metafora), è in questo che fallisce il nostro modo moderno di intendere le relazioni.
    Sempre il solito copione, periodo di stress, lei che inizia ad uscire con le amiche, qualche volta a ballare, la palestra, il corso di fotografia e tempo pochi mesi esce fuori il nuovo pollo.
    Mentre un tempo era: periodo di stress, lei che stringe i denti, riflette sul suo rapporto e passati alcuni mesi vede il proprio uomo con altri occhi (ovviamente se questo non ha combinato qualcosa di serio)

    Ogni tanto ci penso anche io, hanno davvero fortune senza limiti e non se ne rendono conto. Una donna mediamente carina è come se facesse la spesa al supermercato, dove va va ha sempre l’imbarazzo della scelta.

  9. 9
    MR X -

    Si ok, ma tanto è così che va….che vogliamo fare? Vogliamo continuare a star qua a piangerci addosso, o vogliamo agire di conseguenza e adattarci?…. Bisogna diventare delle pietre! Tirare fuori le palline e andare avanti dritti per la nostra strada, che siano loro a venirci dietro, e se non vogliono, be’ che si fottano qualcun altro! UOMINI FUORI LE PALLE!!!!!!!!!!!!!!!

  10. 10
    Andrea74 -

    @Andrea: già… la cosa che personalmente mi fa incazzare di più è quando tornano per la rimpatriata sessuale. Se l’uomo non soffre più, si diverte per una notte insieme a lei e allora va benissimo. Ma se ci stai ancora male, la lei di turno non esita a dartela, e poi tu ti fai dei castelli di carta mentali che la metà bastano..

    E ripeto: non inviti il tuo ex in vacanza per mangiarci il gelato sotto l’ombrellone. Questa ci vuole far sesso per tenere aperta la porticina. Canaglia seriale…

Pagine: 1 2

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili