Salta i links e vai al contenuto

Quanto mi sono fatta male ancora

Lettere scritte dall'autore  

Ciao ragazzi, ho riletto la mia precedente lettera di aprile e ho sentito quanto mi aveva fatto bene scrivere al Direttore. Ci posso riprovare con questa nuova lettera. La mia vita è cambiata da aprile ovviamente ma purtroppo mi sono rinfilata in una storia senza pari e dallo sfondo infelice. Forte del pensiero di non voler più nessun uomo nella mia vita, già a fine maggio ho purtroppo incontrato uno che doveva invece starmi alla larga. Chiaramente questa “luce” sapeva bene come farmi sua, ed io, nella mia debolezza, ci sono cascata in pieno. Secondo me è a causa di un attrazione assurda e non ho saputo io a tenermi alla larga. Risultato, mi sono innamorata alla follia, ma sempre e solo io. Direi che ha saputo ingannarmi nel modo giusto per poter soddisfare le sue necessità di seguito. Non ho nemmeno voglia di descrivervi l’oggetto, dico solo dannatamente bello. Un sorriso proibito, un fisico perfetto e non c’è bisogno di aggiungere altro. Non volevo rinunciare a queste emozioni inebrianti, ed ecco la frittata è fatta. Ci sono stati diversi incontri… ma questa storia non ha avuto un futuro perché puntualmente dopo certi e vari contatti e incontri ha pensato bene ogni volta di sparire nel nulla per qualche periodo non rispondendo più ai miei messaggi. Al che, dopo un po’ho iniziato a infastidirmi pesantemente. Ma si può stare ai comodi di uno solo perché si è innamorati ed è bello da morire… non basta!!! Purtroppo!!! L’ho perso perché ho smesso di essere così disponibile ad ogni sua improvvisa apparizione, alla quale non ero più pronta a reagire con entusiasmo a un prossimo incontro. Anzi, più passava il tempo più ho accumulato rabbia nei suoi confronti. Si, perché secondo me ha una faccia tosta a continuare in una maniera del genere. Ero arrabbiata… non sono mai riuscita ad accusarlo più di tanto, anche perché non sono sicuro di chi sia e spero ancora nella sua bontà di cuore. Non ci siamo più visti, sono più di 2 mesi… ogni tanto si affaccia in chat inutilmente, mi tiene agganciata. Non l’ho dimenticato, a volte torno a rileggere le nostre chat, rivedere immagini… non ho il coraggio di metterlo da parte. Basterebbe bloccarlo su Facebook e WhatsApp. Ragazze e ragazzi voi come siete messi, spero meglio di me, perché la sofferenza, nella quale mi tuffo per non poter avere il suo amore disinteressato, mi distrugge. Bisogna che la smetto, ma davvero!!! È quando???

L'autore ha scritto 5 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

12 commenti

Pagine: 1 2

  1. 1
    Rossella -

    Per vivere con leggerezza bisogna assumersi la responsabilità di fare una stima del rischio. Ieri prima dell’alba mi sono svegliata, come spesso accade, e mi sono messa ad ascoltare la voce del mio cuore. Ci sono volte, invece, in cui capita di sfogarsi sognando, per ingannare il tempo e sperare di riprendere sonno. Nel secondo caso si tratta di un atto momentaneo e senza conseguenze che si risolve nell’incapacità di compiere azioni volte ad un fine. Nel primo caso ti senti quasi in dovere di annotare i tuoi pensieri, perché questi ti sembrano talmente grandi da richiedere di essere antologizzati. Per me altra cosa è la scrittura. Non ho mai scritto niente di serio (con fonti archivistiche, tesi da confutare, ecc.) In genere non curo neanche l’ortografia. Scrivo come mi viene perché provo anche un certo pudore nel rileggere quello che mi è passato per la mente. Sarebbe un lavoro troppo impegnativo che mi toglierebbe certamente molte energie.

  2. 2
    Rossella -

    Questi resoconti, perché quando li partorisci diventano tali, ti spogliano della tua personalità e del tuo carattere, ti consentono di sfoderare una grinta che sorprende il tuo interlocutore, ma che non ti appartiene e ti riduce ad essere un involucro che pensa ed esce sconfitto dall’incontro con gli altri e che per questa ragione è capace di vivere solo d’apparenze. Questa consapevolezza, nella vita in generale, ti porta a fare grandi rinunce perché le maschere ci rendono delle persone sole anche tra la gente. Quando impari ad apprezzarli scopri di essere una persona libera di chiamare le cose con il loro nome senza far ricadere su altri i tuoi egoismi. Per tornare al punto di partenza bisognerebbe sforzarsi di aprire le vedute e di non far prevalere il perbenismo, il moralismo e l’ipocrisia.

    In bocca al lupo!

  3. 3
    Golem -

    Tutto normale cara. All’ormone non si comanda, e ora ne paghi il fio, la sanzione. “Fee” in inglese come ha giustamente sottolineato tempo fa il Professor Yog.
    In casi come questi che dire, non ti scoraggiare.

  4. 4
    Genny -

    Grazie Rossella, dicevo che mi conviene smetterla con certe cose, del tipo aggrapparmi al passato. Non so ma è proprio un vizio. Poi aspettare che certe persone prendono iniziative, sognare e desiderare cose che non sono in mio controllo. Aspetto sempre a qualcosa e nel frattempo la vita scorre. Ho vissuto momenti belli e per questo ringrazio. Sono rimasta sola dopo che ci siamo allontanati. È adesso non so più che fare. Sono triste, non volevo che i momenti belli passavano. Inizio a pensare che odio a stare sola con me. Cosa soffro a fare. E mi sento stanca. Domani devo partire. Vado a trovare i miei che vivono lontano per stare con loro quasi 3 settimane. Questo mi fa paura. Mi sono allontanata da loro da 20 anni, addirittura cambiando paese. Forse gli do colpa del mio malessere. Io con loro ho problemi, mi creano tensione, mi sento accusata. Loro da me vogliono qualcosa, ma io sono stanca di pensare a quello che interessa loro. Non ho più le forze a fare quello che vogliono loro ma che non è quello che desidero io. Parlo soprattutto del rapporto con mia madre. Lei sa cosa vuole da me ma di me non sa niente. Non ha mai voluto ascoltarmi. Dannazione. Ha sempre messo i suoi bisogni davanti ai miei che sono sua figlia.

  5. 5
    Genny -

    Grazie Golem, sempre pronto per una risposta gentile. Comunque mi fa rabbia il fatto di essermene innamorata mentre lui ha continuato la sua parte tranquillo. Ho ignorato tutti segnali, campanelli d’allarme e quant’altro. Avrei una voglia matta di insultarlo perché mi sento ingannata. La mia insegnante di canto diceva che lui non mi ha rispettato. L’inizio come si chiama… corteggiamento…e la finalità qual’è …andarci a letto …e per chi non ha voglia di impegnarsi significa poi non rispondere se non si ha voglia, anche per giorni? Poi si riappare e si riprende quello che si ha lasciato in sospeso in maniera così elegante???? Ed io cosa ho fatto….mi sono rimessa a disposizione per questo grande amore!!! Diciamo che mi sono fatta trattare con poco garbo. È per che caxxo ho accettato un trattamento del genere? …. forse perché sono abituata a essere trattata in questo modo. Caxxo, mi viene in mente mia madre…lei è stata sempre arrabbiata con me…io ero una bambina…mai disponibile per me è i miei bisogni… Scusate ma cosa c’entra con il tipo in questione???? Mi verrebbe da dire vaffa nc a mia madre. ..per come mi ha trattato da bambina, e che potevo fare se non accettare il suo comportamento.

  6. 6
    Golem -

    “È per che caxxo ho accettato un trattamento del genere? …. forse perché sono abituata a essere trattata in questo modo.”
    Perfetto: non ti stimi per colpa anche di chi avrebbe dovuto incotaggiare la tua chiara intelligenza se sei arrivata a quella conclusione.
    Tu hai presente gli All Blacks, i rugbisti neozelandesi che si caricano con la spettacolare “Haka” prima dell’incontro? Ecco, fai la stessa cosa quando si tratta di sesso, caricati di “te”, di amorproprio. Perchè l’innamoramento è una battaglia dove perde il più debole. L’amore è il contrario.

  7. 7
    Yog -

    Non è che se uno vuole venire a letto con te è amore interessato. È il minimo sindacale. È il resto che è difficilissimo avere.

  8. 8
    Genny -

    Ciao Yog, dai per la verità mi ero imbarcata con uno senza calcolare possibili conseguenze. Non avevo pensato a chi sono io e ne a chi è l’altro…e mi sono buttata. Inutile piangere sul latte versato. Io in quelle situazioni non me ne frega mai del dopo. Non ho ancora imparato a dire di no a certe droghe che sono in circolazione. Imparerò…in quelle situazioni si perde il controllo… ciò che è successo a me. E qual’è la droga alla quale mi riferisco???? L’innamoramento. Io che mi innamoro di un uomo. Questione di un attimo. Successo un mare di volte. Perché mi succede? Questi uomini mi sanno dare emozioni forti. Sono uomini belli, interessati al mio corpo. Direi che sono una donna attraente, ho qualcosa che attira. Più di qualcosa…dolce, genuina, per non dire ingenua. A loro piace prendere quello che ho da offrire. È lo offro con gioia e loro prendono con astuzia, rubano quello che non amano ma che gli piace. Sono uomini che non offrono con amore ma con la prospettiva di prendersi il premio per poi andarsene soddisfatti. Non hanno necessità di offrirsi con gioia e sincerità. Ma pare che proprio questi tipi mi piacciono. Sono capaci di lusingare con sguardi interessati, affamati. Non so cosa c’è sotto… sicuramente…

  9. 9
    Genny -

    Sicuramente… storie di abusi….ho un buon libro al riguardo, infanzia intossicata di Susan Forward.

  10. 10
    Yog -

    Boh, continuo a non capire, Genny. Se non si danno da fare sono bradipi, se si godono sono astuti. Ma non ti viene in mente che piace a tutti e due e stop?

Pagine: 1 2

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili