Salta i links e vai al contenuto

Le verità dell’Azerbaigian

Lettere scritte dall'autore  Nara

Egregio Sig. Mentana
Mi chiamo Gunel Huseynova. Sono azerbaigiana. Sono studentessa della facoltà di traduzione presso L`Università di Lingue dell`Azerbaigian.
Vi scrivo sulle realtà dell`Azerbaigian
L’occupazione del Nagorno Karabakh dall’Armenia è una ferita sanguinosa nelle relazioni reciproche tra i popoli Armeno e Azerbaigiano. Da quanti anni, questo problema è rimasto come la situazione acuta e emozionante.
Questo conflitto, iniziato nel 1988 con le rivendicazioni territoriali aperte della parte armena sulle terre storiche dell’Azerbaijan e le sue provocazioni su base etnica, ha portato all’occupazione del 20% del territorio dell’Azerbaigian. L’occupazione ha causato la morte di migliaia di pacifici azerbaigiani, le madri hanno perso i loro figli piccoli e i bambini sono rimasti senza genitori. Il Consiglio di Sicurezza, ONU che funge da principale garante della pace e della sicurezza internazionale, ha adottato quattro risoluzioni sull’occupazione. Le risoluzioni affermavano l’integrità territoriale dell’Azerbaigian e chiedevano il ritiro immediato, completo e incondizionato delle forze di occupazione da tutti i territori dell’Azerbaigian. L’Azerbaigian per quasi 30 anni ha cercato di restituire pacificamente i suoi territori occupati. Tuttavia, negli incontri e nelle discussioni tenuti per quasi 30 anni, il disprezzo dell’Armenia per le norme ei principi del diritto internazionale, il suo rifiuto di impegnarsi in discussioni costruttive, di conseguenza, ha ostacolato il processo di soluzione pacifica.
Il 27 settembre 2020, l’Armenia ha iniziato un attacco per occupare nuovi territori in Azerbaigian. L’attacco ha preso di mira le strutture civili e i civili. A seguito dell’aggressione armena, più di 40 civili sono morti in Azerbaigian. Nonostante l’annuncio di un cessate il fuoco umanitario alle 12:00 del 10 ottobre 2020, l’Armenia ha violato il cessate il fuoco meno di un’ora dopo. 11 ottobre, alle 2 della notte ha lanciato un razzo contro Ganja, la seconda città più grande dell’Azerbaigian. Di conseguenza, 10 civili, inclusi bambini, sono stati uccisi e più di 4 sono rimasti gravemente feriti. Vorrei portare alla vostra attenzione che Ganja è una città lontana dalla linea di contatto e per colpirla sono stati usati razzi balistici.
Il mio popolo non combatte ingiustamente. Noi combattiamo per la giustizia, la protezione del diritto internazionale e la sua attuazione pratica. Stiamo combattendo sulle nostre terre. Non abbiamo esaminato un centimetro di terra armena e non abbiamo preso di mira le sue strutture civili. Nel mondo civilizzato di oggi, i bambini non dovrebbero essere vittime della guerra, le città antiche non dovrebbero essere prese di mira dai razzi e l’aggressore e la vittima non dovrebbero essere trattati allo stesso modo. L’occupazione delle terre azerbaigiane e i crimini di guerra commessi dall’Armenia contro il pacifico popolo azerbaigiano devono essere fermati.
A nome di tutta l’umanità, se le nozioni di pace e giustizia nel mondo non sono ancora morte, Le chiedo di dire stop alla politica aggressiva e al terrorismo dell’Armenia!

Cordiali saluti
Gunel Huseynova

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Condividi su Facebook: Le verità dell’Azerbaigian

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Mondo

2 commenti

  1. 1
    Yog -

    Ehm, qui non so se c’è il Mentana che dici tu. A me Mentana ricorda una battaglia garibaldina, altro non saprei, io c’ho solo quattro lauree ma, lo dico falsamente e solo per modestia, solo triennali e due le ho prese sulla bancarella che sapevano ancora di inchiostro fresco.
    Mentana, al tempo di Garibaldi, fu massacrata come il Nagorno Karabakh, la storia si ripete, ma gioca a zona.

  2. 2
    Nikolas -

    Gli armeni rivendicano il principio dell’autodeterminazione dei popoli.
    Per gli armeni, Nagorno-Karabakh, è un territorio ricompreso nei confini delle ex repubbliche sovietiche, e dal quale è nata la nuova repubblica filo Armena, che non ha mai fatto parte ufficialmente dell’Azerbaigian.
    In base ad una legge sovietica del 1990, se all’interno di una repubblica che decideva il distacco dall’Unione Sovietica vi era una regione autonoma, questa aveva diritto di scegliere attraverso una volontà popolare se seguire o meno la repubblica secessionista nel suo distacco dall’Urss. Nel 1991 l’Azerbaigian decise di lasciare l’Unione Sovietica e diede vita alla repubblica di Azerbaigian. Nello stesso anno il soviet del Nagorno-Karabakh decise di non seguire l’Azerbaigian e votò per la costituzione di una nuova entità statale autonoma.

Lascia un commento

Massimo 2 commenti per lettera alla volta

Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso browser (da qualsiasi browser e dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili