Salta i links e vai al contenuto

Opportunità strategica di un areoporto

Lettere scritte dall'autore  Massimo Luotti

Il mondo, l’evoluzione della società, delle culture, dei “costumi”, delle abitudini e degli di stili di vita, delle modalità di scambio, del mondo degli affari, del turismo è veicolato, condizionato e reso possibile e competitivo dalla possibilità e competitività/efficienza/economicità con cui possono avvenire gli scambi, le relazioni, le interconnessioni.

L’evoluzione , nella storia dell’umanità, è stata infatti resa possibile dalle dai “mezzi di comunicazione” di cui le società umane hanno potuto disporre, tra cui, in primis, i mezzi di trasporto.

Non a caso le prime “civilità” sono sorte e si sono sviluppate lungo le coste marine e lungo i corsi d’acqua. (il Nilo, il Gange, il Volga,…il Po, etc).

Come i corpi degli esseri viventi vivono, crescono e si sviluppano grazie al sistema sanguigno e linfatico che veicolano lo scambio dell’ ossigeno. delle sostanze nutritive e l’asporto delle tossine e etc. così, analogamente, avviene nei territori abitati dall’uomo di cui le vie di comunicazione ed i mezzi di trasporto rappresentano il sistema vascolare.

Come i corpi cadono in necrosi per insufficiente irrorazione sanguigna, così i territori abitati dall’uomo, cadono in degrado economico e culturale nella misura in cui non sono sufficientemente serviti, supportati da adeguati e competitivi sistemi, mezzi, ed infrastrutture di comunicazion/trasporto: strade, ferrovie, porti, linee marittime, aeroporti, rotte aeree .
L’economia, il turismo, il commercio, il business, ma non solo, sono variabili subordinate alla competitività ed alla ricchezza delle infrastrutture e dei mezzi di comunicazione su cui un territorio per connettersi con gli altri: “altri” che oggi no sono più i paesi confinanti, ma il mondo intero.

I territori mal o poco serviti sono condannati ad un inesorabile declino, emarginazione, perdita di competitività.

Oggi,e sempre più lo sarà in futuro, la risorsa più scarsa,e quindi più importante di cui dispone, è il tempo, la “tempestività”, il “time to market”.

Pertanto, tanto più un mezzo, un sistema consente di economizzare il tempo, il disagio, la fatica, tanto più quel sistema sarà competitivo, efficiente ed ad alto valore aggiunto.

L’ubicazione di una città, un tempo, era un punti lungo una direttrice che congiungeva due punti estremi; oggi, con il trasporto aereo, le città stanno diventando sempre più punto di incrocio, di intersezione, di una rosa di venti costituita da rotte aeree che si intersecano “world life”.

Se Parma non vuole vivere di nostalgia, prigioniera di un passato che sta diventando sempre più remoto, deve pensare coniugando il proprio destino con il tempo futuro e sempre più prossimo.

Certo, tutto ha un costo ma ciò che conta è il rapporto costo/beneficio; a meno che non si voglia aderire a quanto sosteneva l’economista John Maynard Keynes all’indomani della Grande Depressione degli anni 30, per rispondere a coloro che promuovevano misure di austerità per risolvere la crisi e garantire un futuro solido e sostenibile. “nel lungo termine saremo tutti morti”, così anteponendo l’oggi al domani (debito pubblico compreso).

Massimo Luotti

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Condividi: Opportunità strategica di un areoporto

Altre sul tema

Altre nella categoria: riflessioni

1 commento a "Opportunità strategica di un areoporto"

  1. 1
    white knight -

    Gentile sig. Luotti, una sola parola: APPLAUSI. Ottimo articolo e, pur non conoscendo la situazione di Parma, condivido ogni sua parola. Abito in un’altra area rispetto alla sua ma anche qui ogni qualvolta qualcuno propone un’innovazione infrastrutturale, c’è sempre tutta la schiera dei NO, fatta da coloro che preferiscono vivere prigionieri del passato, delle proprie paure e delle proprie ideologie.
    Contadini nostalgici della campagna, comunisti contrari allo sviluppo economico, ambientalisti contrari allo sviluppo urbano, bottegai contrari alla grande distribuzione… il nostro paese necessità di ammodernamento a 360º e questo stronzi lo vorrebbero per sempre relegato al ruolo di mega-provincia…

Lascia un commento

Massimo 2 commenti per lettera alla volta

Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'informativa sulla privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso browser (da qualsiasi browser e dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili