Salta i links e vai al contenuto

La valigia sul letto (separarsi oppure no?)

La valigia sul letto. Vuole che vada via. Forse lo ha sempre voluto. Ora ha solo colto l’occasione. Ha scoperto che mi sento per telefono con una persona, che forse la incontrerò. Perche’ e’ una persona che capace di tenerezza. Lei no. Eppure stiamo insieme da 21 anni, due figli quasi maggiorenni. Ho cercato di rimanere con lei, in questi anni, anche senza trasporto da parte sua, abilissima a convincermi che la colpa fosse sempre mia. Un titolo di studio, il suo, molto inferiore al mio, pochissimi interessi, lei, tanti io. Ma le ho voluto sempre bene, ho sempre pensato che potesse cambiare ed uscire dal suo “autismo sentimentale”, che imparasse a leggere un giornale, ad appassionarsi delle cose che mi appassionano. Ho smesso di guidare : la mia mente ha dato un senso alla relazione fingendo di non saper piu’ guidare, creando una “utilita’ marginale” nel rapporto : almeno lei serva a qualcosa. Ottima donna di casa, ottima lavoratrice ( adora il suo lavoro di cassa, alle poste!), ottima madre. Zero come moglie. Lei dice che e’ colpa dei miei tradimenti : vero’, qualche volta mi sono appassionato ad altre storie, ma gliene ho sempre parlato, lei non ha mai fatto autocritica. Mi ha solo criticato, accusato, non ha mai voluto comprendere i motivi per cui cercavo qualcosa al di fuori del matrimonio. Da anni ripete che avesse soldi se ne andrebbe, che non prova niente per me. Ora scopre le mie telefonate, si traveste da pazza : per lei se una donna si mostra interessata a me e’ solo una zoc…, dice che non puo’ continuare a tollerare, che me ne devo andare. Cosi’ la valigia sul letto. Che faccio? La faccio? Intanto domani dovrei incontrare lei. Una cosa improvvisa e inaspettata. Lei. La prima a cui se dici di averla pensata, ti risponde che ti ha pensato anche lei. Non basta, lo so, vive a 400 chilometri. Non basta neanche vedersi un giorno. Eppure, lo confesso, mi permette di vivere a mezz’aria. Lei, la moglie, se ne accorge : non e’ abituata a vedermi felice. “Ipocrita, Poveraccio, Patetico” le sue parole. E poi riprende la sua vita : lavoro, cena ai figli, supermercati, sonno pomeridiano e film su sky. “Te ne devi andare”, dice. E ripete. Lo so, la soluzione sarebbe la migliore, ma penso ai figli, penso al portafogli, penso che la ricerca di un momento di felicita’, in mezzo a questi anni di buio, mi potra’ costare cara. la valigia e’ ancora sul letto.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Controversie - Famiglia

19 commenti a

La valigia sul letto (separarsi oppure no?)

Pagine: 1 2

  1. 1
    Alessandro -

    Signore,

    dal suo testo si denota perfettamente la sua scarsa considerazione di sua moglie, il suo ritenersi su un gradino della scala sociale superiore a quello della sua compagna (un titolo di studio, il suo, molto inferiore al mio). Lei inoltre ha tradito la sua compagna e non prova(o almeno non mostra di provare) alcun rimorso.

    Forse è il caso che prenda la valigia che è sul letto, e si avvii velocemente verso la porta.

    Alessandro

  2. 2
    enduzzo -

    Come prima cosa mi verrebbe da dire che se non è solo l’euforia del momento ma a quest’altra lei ci tieni davvero e c’è possibilità di un futuro concreto dovresti andare. Poi però penso che il futuro è sopratutto e principalmente il tuo… quindi dovresti andare in ogni caso.. vivere per mantenere un’apparenza non serve, è una vita sacrificata, cercare il momento di felità costa sempre caro ma almeno si vive davvero.

  3. 3
    kombo -

    Sembra che questa storia sia arrivata alla fine. Quindi, tanto vale prenderne atto.

    Ai tuoi figli non fa bene respirare un clima simile. La vostra separazione semmai depurerà l’aria, e così anche loro saranno più sereni.

    Puoi decidere di continuare ad avvelenarti l’esistenza, oppure scegliere ciò che ti fa stare meglio. Vedi tu.

  4. 4
    Giusy61 -

    mi ha colpito una frase…”: lavoro, cena ai figli, supermercati, sonno pomeridiano e film su sky. “.
    una nuova persona..ok..nuovi interessi x carità..quello che non capisco è la continua ricerca di qualcosa e non coltivare ciò che si a..di sicuro è stancante..ma tutto gira sù questo..finita la passione..
    valigia sul letto?..a bè io la tengo sotto il letto…ma vivo sola e sono felice di esserlo…quando mi và ..faccio la valigia e vado da qualche parte..dai retta prenditi tempo e da solo..poi con calma realizzi chi vuoi e dove vuoi..

  5. 5
    toroseduto -

    “Gli amori di plastica” La lettura di questa lettera, ha rievocato nella mia mente il titolo di una canzone. Che tra l’altro non ho mai sentito. Ma rende molto bene il mio pensiero.
    Sto scoprendo che il tradimento sta diventando uno strumento di ricatto. Sarà un segno dei tempi bui in cui viviamo.
    Credere che al di là della porta di casa ci sia sempre qualcosa di meglio che ci aspetta è pura utopia!
    Se una moglie è stanca di essere tradita, diamo la colpa di tutto a lei che non capisce…ma cosa c’è da capire? Un amore che non ha funzionato? le aspettative deluse?
    Prima di chiudere la valigia, pensaci bene. Anche se sembra che già sia fuori tempo massimo, c’è un nuovo “amore di plastica” da scoprire. Ma si, via così fino alla fine dei giorni, la ricerca della felicità è un diritto sacrosanto! Salvo scoprire che è tutto da verificare, una donna non è una macchina nuova, poi se è la madre dei tuoi due figli, vuol dire che almeno all’inizio è stato molto di più.
    Quanti ritorni a casa con relativo squallore ho visto!
    Il fallimento di un matrimonio è una brutta bestia che si insinua tra le costole, le viscere e la ragione di ritrovare il bandolo della matassa. Ci sono questi due figli, voluti e amati (spero) Queste sono le certezze, la fuori ci sono le incognite, non basta aver trovato qualcuna “tenera-e-dolce”. Oggi si dovrebbero mettere le date di scadenza anche sui sentimenti. Ci prodighiamo per mettere su una famiglia, nessuno ci ha raccontato che per il benessere nostro e della famiglia c’è da lottare, ingoiare qualcosa di indigesto, ma porsi sempre l’obiettivo di fare del nostro meglio.
    Non è più tempo di eroi, siamo in corsa, la vita ci sfugge tra le mani, bisogna far presto, il prossimo “viaggio” sarà senz’altro migliore, il prossimo dei prossimi sarà LA PERFEZIONE.
    Che fatica arrivarci! Meno male che le energie ce lo consentono.
    Quello che ci lasciamo indietro? Non era per noi, abbiamo tante risorse, che il pianeta ci va stretto! TS

  6. 6
    Ema -

    Per quello che ne sai tu una buona autocritica se la può essere fatta pure lei, ma le è anche risultata inutile visti i tuoi continui tradimenti… del resto, come si può uscire da un “autismo sentimentale” se ci si ritrova sempre accanto ad un uomo che ti tradisce??? Perchè lavorare per migliorare un matrimonio, quando l’altra metà rema contro?

    Adesso, dopo aver sopportato per quasi 21 anni, dopo aver dato tempo ai figli di crescere e diventare quasi maggiorenni, dopo essersi dedicata al lavoro (che anche se “non prestigiosio” come dici tu, evidentemenete l’ha soddisfatta), e probabilmente dopo essersi data il tempo di guardare (e sperare) che tu smettessi di tradirla, ha trovato il coraggio e la forza di dirti di andartene e lasciarla libera di chiudere la vostra relazione.
    E probabilmente d’ora in poi si sentirà finalmente libera e serena di dedicarsi ai suoi interessi ed alle sue passioni, senza sentire più sulle spalle il peso di un rapporto carente di rispetto.
    Dopo questi anni che saranno stati di buio anche per lei, tu occupati pure del tuo spiraglio di luce col nuovo “momento ” di felicità… e non preoccuparti di tua (quasi ex) moglie che sicuramente nel frattempo inizierà a godersi il bagliore che le sta comparendo davanti.

    Per quanto riguarda i figli, non preoccuparti che quando sapranno la verità capiranno e saranno felici di vedere una madre più serena…

    per quanto riguarda il tuo portafoglio… beh, dipende se tua moglie preferirà godersi la nuova vita aiutata anche dai tuoi soldi o se preferirà liberarsi di te in tutto e per tutto.

    Un in bocca al lupo…a tua moglie ovviamente.

    Ah un pensiero per te:
    come potevi pretendere che la tua compagna smettesse di essere “zero come moglie” se per 21 anni ha avuto accanto un uomo che è stato zero come marito…

    Si legge nelle tue ultime parole che non ti importa di lei nè che le porti rispetto… quando dice che te ne devi andare non pensi a lei, al matrimonio e a voi due… pensi a te stesso, al tuo portafoglio, a cosa è meglio per te e al tuo nuovo momento di felicità…

    Portale un po’ di rispetto almeno adesso e fa come ti chiede… andatevene, tu e la tua valigia.

  7. 7
    key -

    Eccone un altro, con la testa imbevuta di emozioni e tradimenti da imputare unicamente ad una moglie incapace di far vibrare le corde dell’intelletto….brrrr
    Mi piace di più tua moglie, se permetti, con il suo umile lavoro alle poste (ma pensa tu), e le corse al supermercato, il riposo pomeridiano ed il film serale su skype…per non parlare delle cene ai figli, ma quale orrore!!!!
    Un consiglio, vattene, la renderai sicuramente una donna felice, forse lei è troppo matura per farlo, ma tu, eterno peter pan..che ci stai a fare ancora a casa? Con una donna così priva di struttura culturale?
    Vai a leggere il giornale altrove e tutto si sistemerà!

  8. 8
    lol -

    hahaha! hey key! anche a te piacciono i film su skype? io li adoro! ti va se ti do il mio contatto sky e ci sentiamo? così ne parliamo… ROFL

  9. 9
    ortensia -

    Chi ha prima scritto è stato molto molto politicamente corretto. Io non lo sarò ti dirò che come uomo e marito fai solo schifo a leggerti.
    Giudico quello che hai scritto e i tuoi pensieri e tanto basta per affermare che questa donna è stata anche molto paziente..ti ha messo la valigia sul letto..avresti dovuto rincasare con una valigia sulla porta e la serratura chiusa.
    No ti nascondere dietro al fatto che la tua donna ..la madre dei tuoi figli sposata da te volontariamente non è stata la moglie perfetta.
    Il suo esame di coscienza se lo sarà fatto solo che tu non te lo sei fatto per nulla. Sei un immaturo che colpevolizza gli altri perchè non ha gli attribuiti per farsi carico delle proprie e azioni e conseguenze..Tu hai giurato fedeltà…tu per primo hai tradito…perchè dovevi essere perdonato? per quale ragione ? 21 anni e sopportare un uomo che è dei più bassi fondi morali nonostante abbia un titolodi studio superiore è un martirio che non si merita di portare avanti.
    Lei nel suo ritmo di vita ha avuto una passione il lavoro.. un’altra più grande l’amore per i suoi figli..le cene le ha preparate te.. e tu ti sei solo annoiato nelle mutande. Lo sai da solo quanto schifo fai come uomo e ancora cerchi di dare colpe agli altri. Guardati allo specchio che quello che deve nascondersi sei tu e le parole di tua moglie sono vere. Mille interessi egoisti…mille voglie di libertà…una donna che ti dice mi manchi…sono bastate due paroline…per dimenticarsi di tutto e fare calcoli economici. Nemmeno sai quanto le donne possono prendere in giro te facendo le dolci dandoti l’illusione di essere importante..se poi è anche più giovane bene.. quella valigia la rifarai di nuovo . Lo dico da ragazza sulla 30ina. Pensi ai tuoi soldi… ma pensa ad aver il coraggio che non hai. Non ami la nuova donna non ami tua moglie.. forse nemmeno i tuoi figli.. ami solo te stesso ma sei pure vigliacco da non aver il coraggio di farlo fino in fondo. VERGOGNATI e vattene da quella casa.

  10. 10
    Mau -

    “… Penso al portafoglio.. ”

    In questa lettera, avara di sentimenti piena di miseria, gli eventi ruotano intorno al portafoglio.

    Ogni altro commento lo ritengo superfluo.

Pagine: 1 2

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili