Salta i links e vai al contenuto

Uomini senza palle, un cliché femminile

  

La cosa m’infastidisce molto. Per cui sarò, forse, arrogante.
Sento spesso (troppo spesso) donne che si riempiono la bocca di questa meravigliosa formuletta che fa (con voce tipo cronista dell’istituto luce): “voglio un uomo con le palle”, oppure “ecco il solito senza palle”, o ancora “una volta sì che l’uomo sapeva trattare con la donna”.

Intanto, non so se l’avevate notato, donne, ma per molti uomini “di una volta”, “avere le palle” significava essere rozzi, maschilisti e tendenzialmente uguali a ignoranti testoni che si fanno portare le ciabatte e la birra appena seduti davanti alla TV dopo il lavoro. Cioè l’opposto della rivoluzione femminista che la categoria ha voluto, vuole e probabilmente vorrà. Sempre che non desideriate confermare quel che spesso si dice in giro, e cioè che “quel che una donna dice di volere, è ben diverso da qual che vuole”. O vogliamo, per caso, dar spago a questo cliché maschile?

Peccato che però, quando ne trovate uno, o vi dà fastidio, o non lo sapete gestire, o restate “stranite” della serie “ma cos’ha questo? è matto? che vada a quel paese”, oppure diventate aggressive di risposta. Tipo “lesa maestà femminile”, perché spesso a molte donne piace fare e disfare a proprio piacimento, dettando le regole, e decidendo anche le sfumature delle cose. Vorreste l’uomo “con le palle”, ma a gettone. O sbaglio? Che poi è la critica che la donna muove all’uomo quando vorrebbe una moglie… che non rompe.

Personalmente, ho trovato solo poche donne realmente capaci di rispondere, senza diventare isteriche o docili come scoiattoli, a qualcuno che le affronta, senza scappare. Anche perché non è detto che chi non risponde usando “le palle”, ne sia privo. Forse lo fa solo perché non ne trova il motivo…

Chiedo al gentile pubblico femminile di chiarirmi cosa intende quando usa questo modo di dire che fa sentire più… donne? magari con un po’ di onestà intellettuale visto che non dobbiamo fare altro che scambiarci opinioni tra frequentatori di un blog. Opinioni tra anonimi.

L'autore ha scritto 37 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Attualità - Riflessioni

121 commenti a

Uomini senza palle, un cliché femminile

Pagine: 1 2 3 13

  1. 1
    Criss -

    la risposta te la sei data da solo: “se le affronti, scappano”. Ci potrà anche essere un 50% di uomini senza palle, ma di donne ne abbiamo il 100%. Il sinonimo di donna è “cacasotto”.

  2. 2
    Francy -

    Sinceramente io non ho mai usato tale termine,anche se devo dire che fra le mie amiche e colleghe qualcuna lo usa..Non credo neanche che lo dica perche’ come dici tu vorrebbe un’uomo all’antica rozzo ecc..ma semplicemente perche’e’ una persona che non prende nessuna decisione in qualunque problema quotidiano del vivere..diciamo “pappamolla”e lascia tutto in mano alla sua compagna..In tanti rapporti c’e’ sempre chi guida,e chi si lascia guidare,chi sbraita chi tace e se ne va..i caratteri sono diversi,bisognerebbe che ci fosse un sereno dialogo fra entrambi e avere lo stesso livello decisionale..utopia?? Io credo di no..non voglio un uono con due palle..ma un’uomo “intelligente” ciao

  3. 3
    eternity -

    Ciao Spectre,
    per quel che penso io è un espressione che può essere rivolta non solo agli uomini ma indistintamente a tutte quelle persone non capaci di assumersi un minimo di “Responsabilità”.
    A chiunque,vive senza dare un “senso” nei rapporti che intesse giorno per giorno.
    Ti abbraccio

  4. 4
    maniola -

    Cos’è per me “un uomo con le palle”? Ebbene,per me un uomo di siffatta specie è quell’uomo che si assume sempre e sottolineo sempre il coraggio dei propri pensieri,delle proprie opinioni,la responsabilità delle proprie iniziative,delle proprie azioni,delle proprie scelte.Colui che ha chiaro il concetto di cosa sia il rispetto per sè e soprattutto per gli altri.Colui che abbia il coraggio di guardare dentro se stesso e sappia dare corpo e voce alle proprie emozioni.Ciao,Spectre

  5. 5
    milli73 -

    ok.
    che significa avere un uomo con dei veri attributi?
    io parlo per me chiaramente.
    significa affrontare la vita giorno per giorno senza aver paura di decidere, significa non badare al giudizio degli altri continuando a seguire la strada prefissata, significa non avere paura delle proprie scelte sopratutto quelle sbagliate affrontando le responsabilità.
    significa proteggere la propria donna ,sempre 🙂
    questo per me è un uomo con le palle.
    chiaramente questa formuletta è un luogo comune….
    come per voi uomini dire che una donna è di facili costumi…

  6. 6
    Sergio -

    Scusa milli ma che vuol dire? “significa non avere paura delle proprie scelte sopratutto quelle sbagliate affrontando le responsabilità.”

    Un uomo che fa scelte e sa che sono sbagliate… è un cretino…

  7. 7
    andy -

    nn ci siamo.
    nn so più come sbattere la testa con voi.

    con voi uomini veri con un cervello.
    ke vi perdete in un bicchiere d’acqua.

    le parole se le porta via il vento.

    le donne si innamorano davvero.
    non conta un perchè.
    si innamorano come tutti gli uomini.
    perkè hai le palle o perkè sei dolce, perkè sei bello o perkè hai il naso aquilino, perkè hai la voce rauca o quella di un tenore, perkè sei capellone, o calvo e con l’orecchino.

    come noi si innamorano senza un vero perkè.

    il problema è ke poi si annoiano.
    e quando si annoiano ti lasciano.
    e perkè si annoiano?
    perkè HANNO SCELTA.

    e mi direte: prima la scelta l’avevano ugualmente perkè nn lasciavano caro andy?

    perkè si sentivan giudicate GIUSTAMENTE come MERETRICI.
    si giudicavan tra di loro, le giudicavano i parenti, i padri le cacciavano a calci da casa (“hai disonorato la famiglia, meretrice!”) e venivano additate dal paese, dalla cittadina o dal quartiere di città: “è lei! è quella la meretrice che ha lasciato il fidanzato/marito, povero caro!”.

    ora invece son delle eroine perkè ne cambian tre all’anno e fanno a gara a chi fa sesso con il più dotato.
    questo è tutto.
    se avete in mente di prendervi una ragazza normale, carina e bella, nn abbiate dubbi.
    fin quando avrà scelta vi lascerà.

    se avete i capelli lunghi, si prenderà uno con i capelli corti, se siete magri, si prenderà il grasso, se siete brutti, il bello.

    nn conta se le maltrattate o le trattate da principesse.
    son solo VIZIATE, posso scegliere e… scelgono.

    se stan con voi, nn siete dei grand viveur, degli uomini veri o con le palle.
    stan con voi perchè CONVIENE A LORO STARCI, per motivi ke nn saprete mai.
    magari è perchè nn vi puzzano i piedi e voi invece pensate ke è perkè vi trovano intelligenti e saggi.

    se nn le costringiamo come na volta a star chiuse in casa.. nn abbiate dubbi.
    la vostra felicità in amore è già sentenziata e voi nn lo sapete.

    o imparate ad amare voi stessi, o vi trovate na cessa o una con figli a carico (ki le vuole?)

  8. 8
    andy -

    leggete il commento numero 5.

    il nulla.
    il nulla scritto.
    un’accozzaglia di nulla senza senso pratico e logico.

    le donne sono come dei bimbi viziati cresciuti che quando hanno una cosa ne vogliono un’altra, poi la ottengono e rivogliono quell’altra che hanno perso.

    come un bimbo appunto, con 1000 euro in un negozio di giocattoli che vuole il gioco da 1001 euro.
    poi si accontenta di quello di 999 euro, ma una volta che ci ha giocato per un pò, poi vuole tornare dentro al supermercato.

    il papà che lo asseconda ridandogli i soldini è la bellezza.
    quando i soldi sono finiti (cioè la bellezza se ne è andata) si ritrovano cresciute e sono costrette a tenersi l’ultimo giocattolo che hanno per le mani che magari era pure il peggiore di tutti.
    così passano la vita a bofonchiare, a lamentarsi fin quando magari anche l’ultimo giocattolo si rompe…

    e allora si iscrivono su badoo.
    ma sarà troppo tardi.
    sono cose elementari, normali regole psicologiche.

    ma volete che una viziata riconosca di esserlo?
    no di certo.

    allora ti sparano sti mitici concetti, senza una sostanza costruttiva, che sono solo delle gran frescacce ipocrite, frasi pseudo intellettual-profonde.. “voglio l’uomo con le palle”, con cui tentano ipocritamente di coprire, mentendo prima a loro stesse e poi di conseguenza anche agli altri.. il loro semplice essere meretrici.

    in gamba spectre, goditele e mandale dove meritano.
    accumula soldini e quando te ne sei godute un pò, ti prendi una bella russa e la mantieni senza sposarti.

    tanto è uguale a quanto opportunismo, ma vuoi mettere?
    una 20enne fresca e attiva che ti fa sorridere con una di ste viziatacce che quando invecchierà, sarà isterica, pallosa e acida, recriminando perchè è finita la pacchia?
    brrrrrrrrrrrrrrrrrrrr

    spectre, sergio, siamo salvi.
    noi che non ci siamo sposati siamo salvi e non ce ne rendiamo conto.
    anzi io ora si.

    e ora tocca a me infierire su di loro.
    SENZA PIETA’.

    “voglio l’uomo così, voglio questo e quello..”

    IN CUCINAAAA!

  9. 9
    milli73 -

    va bene mi son spiegata male…
    è logico che se le fa pensa che non lo siano in quel momento…
    nel tempo si accorge di aver sbagliato e si prende le responsabilità ,intendevo questo. si trovano scuse di ogni genere per non ammettere i propri errori.
    non hai mai sbagliato nella vita tu?
    casp. se non ti è mai capitato… mi complimento saresti l’unico uomo su questa terra..

  10. 10
    Ema -

    Ciao Spectre,
    cosa vuol dire xme “persona con le palle”… parlo di “persona” perchè il concetto va indistintamente bene per uomini e per donne, ed è quello utilizzato per coloro che nn si tirano indietro davanti alle difficolà, che nn scelgono una strada semplicemente perchè è quella più facile, che si assumono le responsabilità di ciò che fanno e che dicono, che sanno affrontare la vita e gli altri con onestà e umiltà, che sanno trovare la forza di lottare per quello in cui credono davvero, che percorrono il loro cammino a testa alta convinti delle loro scelte, cercando di nn far del male agli altri ma anche avendo un po’ di egoismo per nn far male a se stessi, senza farsi impaurire dai giudizi degli altri, senza farsi frenare dalle conseguenze, positive o negative che siano.
    Di certo questo nn vuol dire che una persona “con le palle” nn si possa mai trovare a vivere momenti di difficoltà, paure o incertezze.. questo è normale che accada, è umano per tutti, e sicuramente anche la persona “con le palle” spesso ne esce sconfitta e amareggiata, e farà fatica a tirarsi di nuovo in piedi… “le palle” nn anestetizzano da niente, chi le ha nn è esente dai problemi, semplicemente forse ha più coraggio e determinazione nell’affrontarli.
    Di certo se accanto ad un uomo con le palle ci fosse una donna con le palle sarebbe la cosa migliore.
    Nn penso che “con le palle” ci si nasca per forza… credo che ognuno di noi possa decidere se averle o no, ovviamente in base al carattere c’è chi ne ha di più e chi di meno, ma ognuno di noi è comunque libero di decidere come affrontare e portare avanti la propria vita, sia nelle cose positive che in quelle negative, e quindi libero di avere le palle oppure no.
    Concordo con te nel dire che di fondo, chi nn usa le palle nn significa per forza che nn le abbia.. semplicemente forse in quel momento nn è mosso da un motivo valido per usarle.

    Un saluto, da una donna che di palle forse ne ha solo una, ma si impegna ad usarla.. ciao!

Pagine: 1 2 3 13

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili