Salta i links e vai al contenuto

Ti amerò per sempre

  

Nella vita nessuno può giudicare le scelte delle persone, vi dico questo per esperienza perche io giudicavo le persone .La mia vita e stata di scelte non volute per colpa della mia famiglia vi racconto questo per farvi capire che non si giudica le persone per gli errori che si fanno l mia storia e iniziato quando ero una ragazzina di appena 13 anni in quell anno conobbi per caso un ragazzetto di quasi 16 anni ci innamorammo subito la nostra storia alla mia famiglia non piaceva pero lo accettarono comunque siamo stati 4 anni insieme gli anni piu belli della mia vita,mio padre e sua madre iniziarono a litigare fra di loro e misero a noi di mezzo tanto che fecero noi ci lasciammo pero ogni tanto di nascosto ci vedevamo ci amavamo in ogni senso era la mia vita poi un giorno mio padre si accorse che noi non avevamo smesso di vederci e mi fece allontanare dal mio paese e quando lui venne a sapere che ero andata via vece di tutto per cercarmi ,io invece i mieie genitori mi fecero sapere che lui stava insieme ad altra io volevo morire quel periodo ho sofferto e credevo di averlo odiato cosi iniziai a sopravivere uscivo conoscevo gente inizia a fare cose di una 18 enne cosi dopo un po decisi di tornare al paese i miei capirono che io non lo amavo piu ,ma non era cosi però io sapevo che lui aveva conosciuta un altra ragazza e io per orgoglio mi facevo vedere con altre persone ci siamo fatti tanto male,cosi chiesi hai miei genitori di andare via da quel paese ma non servi a nulla lui mi cercava mi voleva ma io niente l’orgoglio di donna mi faceva rifiutare il suo corteggiamento poi era pure la paura di combattere con la mia famiglia ero stanca dopo tanto conobbi un ragazzo hai miei non piaceva tanto per non cambiare pero stavolta decisi io loro potevano dire e fare di tutto ma gli dissi che se non smettevano io andavo via con lui e cosi feci ed e stato la scelta piu sbagliata che potevo fare sono passati quasi 14 anni che sto con sta persona abbiamo una figlia di 10 anni io ho 33 anni ,una bella sera stando sul mio pc come tutte le sera da ormai tre anni che faccio questo nel mese di dicembre mi arrivo un mess su facebook tutto pensavo ma non il mio ex non ci credevo lessi quel mess piu di 5 volte e senza pensarci un minuto di piu lo risposi lui si era sposato aveva una bimba di 5 anni ci mettemo a raccontare la nostra vita tra na parola tira l altra mi chiese il mio numero di tel da quel giorno non e passato un giorno senza sentirci e senza star male perche ci amiamo ancora come a l’epoca pero noi abbiamo due famiglie dei figli e non possiamo far del male a loro per adesso stiamo cosi poi chi sa ma io lo amo piu della mia vita ecco perche dico che non si giudica le persone dalle propria storia la vita e strana ,e se il tuo cuore ama qualcuno puo passare pure 100 anni malui e li nel tuo cuore.

L'autore ha scritto 3 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Me Stesso

15 commenti a

Ti amerò per sempre

Pagine: 1 2

  1. 1
    rossana -

    Cara Paola,
    ho letto le tue precedenti lettere e sono d’accordo con le sole tre persone (su 52 risposte) che si sono sforzate di comprenderti, pur non apprezzando le tue scelte.

    non si dovrebbe mai giudicare nè l’intelligenza nè la maturità emotiva nè le capacità di scegliere veramente di nessuno. spesso la vita è costellata di errori, non sempre per colpa nostra, e tutti ci possiamo trovare, prima o poi, in questa o in un’altra circostanza, a fare come meglio sappiamo e possiamo, di rado esattamente come avremmo voluto…

    tuttavia, non mi sembra corretto che tu continui ad intrattenere una relazione telefonica con il tuo ex, anche se ti sembra di impazzire d’amore per lui, come quando eravate adolescenti. e proprio su questo vorrei metterti in guardia: nei ricordi si tende a rammentare, a seconda dei casi, il bene o il male, dimenticando che entrambi non erano mai nei fatti così assoluti. inoltre, crescendo si cambia ed è possibile che l’intesa e l’armonia di allora non sia più possibile.

    se proprio vuoi una soluzione a mezza strada, riduci il più possibile i contatti con il tuo ex cercando di spostare il rapporto su una base di sincera e onesta amicizia. altro non dovrebbe poter sussistere, essendo entrambi impegnati. da certe scelte non è quasi mai possibile tornare indietro.

    temo ti faccia troppe illusioni sull’uomo che hai di certo molto amato. forse potrebbe anche essere utile per entrambi decidere di interrompere del tutto i rapporti, che avvengono alle spalle dei rispettivi consorti. da questa esperienza potreste trarre suggerimenti utili per capire meglio la portata dei vostri sentimenti, che con la lontananza diventano troppo facilmente idealizzabili.

    non ti scoraggiare: cerca di trovare la soluzione migliore per porre rimedio a quanto ti sembra di aver sbagliato. tieni presente innanzitutto il benessere di tua figlia e dei suoi figli, pur senza dimenticare che anche tu, come persona, hai diritto di orientare il tuo futuro, senza contare che, andando avanti come stai facendo ora, la tua relazione con l’ex potrebbe essere scoperta da tuo marito e questo potrebbe fargli più male di un tuo onesto dialogo con lui.

    considera anche la prospettiva di separarti per meglio valutare l’affetto che di certo provi nei suoi confronti, che magari potrebbe permetterti, con il suo aiuto, di rivitalizzare il vostro rapporto.

    difficile suggerirti cosa fare: tu sola puoi scegliere, anche tenendo conto della tua situazione economica e delle tue possibilità di autonomia in tutti i sensi. non contare, però, sulla possbilità che anche il tuo ex lasci la sua famiglia: raramente gli uomini lo fanno…

    fai chiarezza in te e intorno a te. evita di crogiolarti in fantasie e in sogni non più realizzabili.

  2. 2
    Robert -

    Le amicizie dell infanzia sono le piu forti.
    Compreso quella piu speciale che porta con se l amore.
    È comprensibile che ancora provi sentimenti forti.
    Vai… Corri…

  3. 3
    rossana -

    Robert,
    non finisci mai di stupirmi!!!

  4. 4
    John -

    Robert, perdonami, mai quanta superficialità nel tuo post. Non stiamo parlando di storielle, ma di famiglie e di figli. E nella lettera non sono trattati i rapporti all’interno delle stesse, non possiamo sapere che equilibri e affetti ci sono in quelle famiglie. Al di là dell’autrice della lettera, che non sembra la classica in cerca di nuove farfalline, ma una persona tormentata e con molti rimpianti, consigliare a qualcuno di distruggere in un colpo due famiglie mi sembra veramente….bò, non trovo le parole.

    Rossana, mi sembri in un brutto momento (credo di percepirlo anche da poche sfumature qua e là), sbaglio? Ottimo primo post e poi l’ultimo….mmh, traspariva un non so che di approvazione alle parole, ripeto, molto superficiali, di Robert.

    Ancora Robert: non è un attacco alla tua persona, ma a ciò che hai scritto in qs singolo post. La tua mi sembra un po’ la posizione di chi fa il gay col sedere degli altri. E se fossi tu quel marito o quella moglie inconsapevoli, che per anni si sono spesi per i rispettivi partner e ora rischiano di perdere tutto?

  5. 5
    rossana -

    John,
    essendo un essere umano che non ama cristallizzarsi, è abbastanza logico che io non sia sempre PERFETTAMENTE coerente con me stessa, che possa avere dei dubbi, delle intuizioni sbagliate o dei momenti di defaillance. a mio avviso, è salutare che sia così…

    non me la sono sentita di dare un solo suggerimento (quello che avrei voluto), proprio per la presenza delle due famiglie e ho preferito dare un ventaglio di scelte, pur rendenomi conto che Paola, se non ha già deciso, è molto vicina alla SUA decisione.

    per quel poco che ho potuto indirettamente conoscere Robert, immagino abbia almeno una cinquantina d’anni, parecchia esperienza di vita e grande apertura mentale. non ho letto mai un suo commento superficiale…

    domanda giocosa: tu preferisci i rimorsi o i rimpianti?

  6. 6
    John -

    Rossana, non metto in discussione lo spessore morale di Robert (anche perchè non so niente di lui quindi sarebbe ridicolo farlo) ma ribadisco che il suo post non mi è piaciuto. So che nella vita si può sbagliare e, anche se forse non ti sembra dai miei post, credo di avere anch’io una buona apertura mentale, non però quando si tratta di calpestare qualcuno per portare avanti se stessi. Rimorsi o rimpianti? Preferisco i rimpianti, brutti se derivanti dalla consapevolezza di non aver avuto le palle per fare qualcosa d’importante( e in qs periodo sto vivendo una cosa del genere), buoni se derivanti dall’aver evitato di sotterrare qualcuno pensando solo ai miei isitinti e alle mie debolezze.

  7. 7
    rossana -

    John,
    certo che hai anche tu una buona apertura mentale (di gran lunga superiore alla media) ma, pur non avendo Robert affatto bisogno della mia difesa indiretta, mi è sembrata ingiusta la tua classificazione di superficialità.

    a me è parso coraggioso nell’affermare il suo modo di sentire (in controtendenza), che si avvicina molto al mio, solo che io sono stata più prudente, pur intuendo, come forse ha fatto anche lui, quale sarà la prosecuzione della storia.

    Paola sa benissimo che lei e il suo vecchio amore stanno facendo del male alle loro famiglie e ai loro compagni. ciononostante si sentono tutti i giorni al telefono da più di sei mesi (stanno già “tradendo”). le sue parole “da quel giorno non e passato un giorno senza sentirci e senza star male” suonano molto forti, come il sentimento che li lega (“io lo amo piu della mia vita”).

    inoltre, Paola è già lontana da suo marito da parecchio tempo: “stando sul mio pc come tutte le sera da ormai tre anni che faccio questo”, indipendentemente da cosa abbia o non abbia fatto il marito per far sì che lei già non sia più con lui. questi sono fatti, di cui non si può non tener conto.

    voglio spezzare un’ultima lancia a favore della famiglia, suggerendo a Paola di smettere di parlare al telefono con l’uomo che ama e di incontrarlo invece una sola volta all’anno, per poche ore. in questo modo, nessuno avrebbe a soffrire troppo.

    dubito però che saranno capaci di resistere: questo potrebbe accadere soltanto se uno di loro fosse pronto per la santificazione e se l’altro rispettasse la sua scelta.

    una cosa è il suggerire per il bene, altra è essere capaci di dominare se stessi nel tempo (anche solo sentimentalmente), di fronte a simili tentazioni. Paola non è più una ragazzina e saprà certamente scegliere la strada giusta PER LEI. deciderà se preferisce sua figlia e suo marito a sé e se preferisce avere rimorsi o rimpianti, anche se, in questo momento, non è in grado di prevedere cosa deriverà dall’opzione che deciderà di seguire.

    la sua situazione è quasi tragica. le auguro soltanto di non restare a metà strada, come sta facendo. anche perchè, prima o poi, gli amanti virtuali sarebbero scoperti, sempre che non sia questo quello che in fondo desiderano…

    io ho preferito i rimorsi, anche se nel momento in cui ho tracciato la mia strada non ne ero perfettamente consapevole, o non volevo esserlo. posso dirti soltanto che per me i rimorsi diminuiscono nel tempo mentre mi sa che i rimpianti ingigantiscono con il passare degli anni. abbiamo una sola vita e siamo nati liberi di vivere o di morire come meglio ci aggrada o come meglio siamo capaci di fare…

    ammiro molto, però, quelli che come te preferiscono i rimpianti. ne ho conosciuto uno da vicino, che ho amato e poi quasi odiato, per qualche anno, per la sua scelta finale, che si è dimostrata giusta ma che ha fatto soffrire entrambi, salvaguardando una moglie che meritava ben poco, avendolo tradito con il padre e il fratello di lui

    un abbraccio.

  8. 8
    Mariù -

    Ke storia incredibile…e adesso c’è in gioco qll maturità ke era mancata a 13 anni.

  9. 9
    Kid -

    …’mbè , ‘na maturità ………

    Ma perchè l’essere umano non ha mai pace?

    Perchè si deve sempre cercare un motivo di felicità -sofferenza ?

    Anche quando c’avrebbe tutto e quel tutto è dipeso dalla proprie scelte!

    Che scegliete a fare , se non ne valutate le conseguenze?

    Che vi mettete a fare su Fb con un marito e figli?
    A pescare , indovina chi?
    Se non gli ex , per primi?

    E mi volete far credere che c’è il destino dietro che vi ha riunito?
    Ma andate al circo voi e le vostre storielle da bambini dell’asilo!
    Non vi vergognate ? Ormai siete grandi!
    Ma anche se non vi riesce , un minimo di esempio ai figli no?
    Che magari un giorno scoprono che la mamma amava un altro uomo e non papà, il loro papà , e l’ha rivisto su facebook!
    Figli di uno sbaglio e non dell’amore dei loro genitori!
    Ma per piacere………………………..
    Ma con che faccia vi guardate allo specchio?
    Dignità , parola sconosciuta e semmai cancellata dal vocabolario!Quando sei genitore il tuo primo ruolo, nella vita , è quello di educatore , non quello di portare avanti le tue minchiate personali ……..

    La scelta l’hai fatta , la bicicletta l’hai voluta e ora pedala! Altro che ste bambinate!

  10. 10
    Mariù -

    Intendevo prp qst cn “maturità” .

Pagine: 1 2

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili