Salta i links e vai al contenuto

Una storia da favola che si trasforma in un incubo

Ciao a tutti. Vi scrivo questa lettera in un grande momento di crisi, con me stessa ma soprattutto con il mio ragazzo. Io ho vent’anni lui ventisei.
Ci siamo conosciuti quasi un anno fa. La nostra storia fino alla settimana scorsa sembrava una favola. Non c’è stato mai un momento di perplessità. La mattina appena apriva gli occhi mi dichiarava quanto stesse bene con me e quanto mi amasse. Mi pensava continuamente e quando eravamo lontani per motivi di studio o lavoro ci sentivamo al telefono anche dieci i quindici volte al giorno. Stavamo bene e addirittura avevamo anche scelto il nome della nostra futura bambina, che ovviamente non è venuta perché io non posso avere figli. Sicuramente a questo punto starete pensando che le cose siano andate troppo veloci, che i nostri discorsi erano precoci visto che stavamo insieme da meno di un anno, ma io ero sicura di lui, e lui di me. La settimana scorsa arriva una chiamata inquietante sul suo cellulare. Una ragazza che aveva conosciuto tre anni fa, che (non giudicate) aspettava un bambino da lui lo ha insultato per mezz’ora. Questo bimbo non è mai nato perché lei ha deciso di abortire (tutta la mia comprensione) anche se il mio ragazzo aveva intenzione di starle vicino se le cose fossero andate diversamente. Purtroppo lui quando lei era in ospedale non è riuscito ad andare. Forse era spaventato, forse immaturo. Lui dopo questa chiamata si è chiuso in se stesso. È caduto in uno stato depressivo perché si sente in colpa di come si è comportato. Questa ragazza non capisco il perché abbia fatto quella chiamata, ma non la condanno assolutamente. Io al mio ragazzo gli ho dato tutta la mia comprensione spingendolo ad avere un chiarimento con lei, ad arginare la situazione per quanto possibile. Lui non vuole più sentirmi. Dice che mi ama troppo ma non riesce mentalmente ad affrontare la nostra relazione con serenità finché non risolverà questa situazione. Io non so che fare. Più di avergli dato il mio appoggio, più di non giudicarlo non so che fare. Cosa posso fargli capire quanto mi faccia stare male questa situazione? Come posso avvicinarmi a lui in questa situazione quasi irreale? Grazie in anticipo per i vostri consigli e sono pronta anche ad ascoltare chi avrà da additare il mio comportamento come sbagliato o immaturo. OJO

L'autore ha scritto 2 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

3 commenti a

Una storia da favola che si trasforma in un incubo

  1. 1
    Noway -

    3 anni fa.
    LEI ha deciso di abortire.
    Insomma, con tutto il dolore che capisco possa avere ed essere lacerante, cosa vuole dal tuo ragazzo?
    Non si può sfogare con lui, ok, lui ha sbagliato, ma è esagerato rintracciarlo per dirgli un sacco di parole su un suo comportamento (seppur grave) di 3 anni prima.
    Ormai è tardi, le strade si sono divise, lei pensi alla sua vita.
    Tu stai vicino al tuo ragazzo, insisti, continua a ripetergli che quello è il PASSATO, che non può trascinarsi una colpa per tutta la vita, che ora ci siete voi e lui si deve prendere cura di TE, che tu hai bisogno di lui.
    Non capisco che situazione deve risolvere con quella ragazza, dopo che le dice “mi dispiace” che deve succedere?
    E’stato brutto, ha sbagliato, ma deve voltare pagina.

  2. 2
    colam's -

    Per esperienza indiretta posso dire che l’elaborazione di un aborto varia molto da persona a persona. Conosco persone ambosessi che, almeno visti da fuori, non se ne fanno un problema. Ne conosco anche (sempre ambosessi) per le quali prima di abortire erano abbastanza convinte, ma dopo l’aborto hanno vivono male.

    Probabilmente questa ragazza e lui sono della seconda categoria. Sentono ormai che hanno un ipotetico figlio sulla coscienza. Lei lo odia visceralmente forse perche’ pensa che lui avrebbe dovuto prendersi le sue responsabilita’ o almeno fare di tutto per impedirgli questo gesto. Lui forse, dopo la telefonata, comincia a pensarla nello stesso modo.

    Tu comunque non c’entri proprio nulla e credo che non hai nulla da rimproverarti.

  3. 3
    marcella -

    ci sono troppi buchi neri nel tuo racconto,forse tu non ne sai piu di noi, ma lui sa di piu di quanto ti ha raccontato. perche sentirsi incolpa non subito quando lei a abortito, e perche’ lei e’ arrivata a fare cio’ quali sono i motivi base? come fa lui, pur sapendo di avere una storia cosi, di 3 anni prima, con questo peso sullo stomaco, a portare avanti una relazione iddilliaca con te??? pensava forse, che visto, che lei avesse abortito, il (conto) non lo avrebbe pagato, prima o poi???
    fattele queste domande, esci dal libro delle favore, il mondo ci riserva delle brutte sorprese.io ci starei ancora piu male, per il fatto di buttare all’aria una creatura, visto che tanta gente fa il diavolo a quattro per averne uno.

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili