Salta i links e vai al contenuto

Rimpianto occasioni, panico…

Gentili utenti, spero di trovare sfogo qui, sto impazzendo e sto andando nel panico… Sono un ragazzo di 26 anni, dopo un anno dalla laurea in cui non ho avuto buone occasioni in Italia, ho avuto due offerte di lavoro dall’estero, una più prestigiosa come azienda anche se retribuita poco o niente, e l’altra dove mi trovo ora, molto meno importante, ma mi sono fatto convincere da un appoggio che avevo qui, e da una persona con cui è finita malissimo mentre ero già fuori e che probabilmente sarebbe venuta qui per motivo di studio e quindi avremmo potuto magari cominciare una vita qua… Il problema è che con questa persona è finita malissimo, il lavoro è pessimo e Probabilmente finirà alla fine del mese e mi ritrovo a piedi… Mi odio, sto soffrendo di attacchi di panico per essere stato tanto stupido, non aver riflettuto con la mia testa, ora mi tocca tornare in Italia probabilmente e che faccio? Ritorno al mio tirocinio non pagato? Torno a casa dei miei con la coda fra le gambe? Come si può pretendere di voler cambiare la propria vita e poi rifiutare occasioni tanto importanti quando si presentano? Dio…mi sento di meritare la mia vita pessima, in cui la paura e l’ansia la fanno da padrone… Il fatto è che alla mia età sento che i giochi sono fatti, quella sarebbe stata l’occasione che probabilmente avrebbe cambiato la mia vita come volevo, ma non ho avuto il coraggio di cambiare… Piango e mi sento stupido, non so come andare avanti… Sto pensando di farla finita ultimamente, era tutto un castello di sabbia…

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere con argomenti simili:

Continua a leggere lettere della categoria: Lavoro - Me Stesso
Una lettera scelta dal caso proprio per te...

4 commenti a

Rimpianto occasioni, panico…

  1. 1
    Angwhy -

    Non ho capito qual’era la grande occasione,quella retribuita poco o niente?non è chiaro.comunque nella vita si fanno esperienze che possono andare bene o male,non mi sembra il caso di drammatizzare,cerca di fare bene il tuo lavoro senza farti troppe seghe mentali

  2. 2
    sanpaolo -

    ciao, non ho ben capito..hai avuto due occasioni, una buona e una meno buona..la ragazza con cui stavi poteva seguirti solo nel posto dell’occasione meno buona, giusto ?
    poi ti ha mollato, e te la stai prendendo con te stesso per non aver scelto l’altra occasione ?
    scusa ma e’per capire meglio e non dare consigli senza senso.

  3. 3
    Yog -

    I giochi sono fatti al momento della nascita: Lapo Elkann ha miliardi di euro e l’unica cosa che sa fare è farsi le strisce, quindi capisci anche tu che c’è comunque una certa dose di casualità. Perciò non dare troppa importanza a queste vaccate, se non hai la fortuna di essere nato benestante un lavoro vale un altro, sono tutti uguali, dopo 40 anni ti sarai rotto i cog*ioni di qualsiasi cosa. Piuttosto bevi e tromba, a 26 anni puoi farlo senza remore e all’estero la birra è migliore.

  4. 4
    Bohemien82 -

    A 26 anni i giochi sono fatti dici?
    Ma che dici..ne ho 10 più di te e ho ancora tanta fame. É verissimo che il mondo del lavoro é in crisi ma non per questo ci si deve arrendere. Intanto leviamoci dalla testa che il futuro sia un buon lavoro dipendente a tempo indeterminato. Io ce l’ho ma é il minore dei miei interessi. Ti do un consiglio si imprenditore di te stesso, non cercare lavoro ma crealo oppure attrailo a te. Si pronto a rischiare, perdere e a correggere il tiro. 3 anni fa anche io mi sentivo di non aver concretizzato nulla ed ero molto insoddisfatto: oggi ho una rendita passiva e un paio di quote societarie. Se ti accorgi che ti stai scavando la fossa che fai? O meglio cosa dovresti fare? Semplice, smettere di scavare! Consiglio: inizia col leggere “L’uomo più ricco di Babilonia“ e “ Padre ricco padre povero”. Dammi retta, devi cambiare mindset.

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili