Salta i links e vai al contenuto

Problemi e fine della vita

Lettere scritte dall'autore  

Ciao a tutti, voglio solamente scrivere il mio problema, dato che è impossibile per me parlarne con amici o altri.
La mia situazione è tragica, non da ora, ma da anni. E si è aggravata.
Ho sempre avuto difficoltà ad avere rapporti con le ragazze, e di fatti non ne ho mai avuti e questo mi ha sempre dato fastidio. Mi sono affidato ad uno psichiatra a 22 anni, che mi ha diagnosticato un disturbo ossessivo compulsivo da auto erotismo, da dipendenza da pornografia.
Sono sempre stata una persona insicura e sono sempre stato lo sfigato, con nessuna autostima.
Frustrato sempre, cercavo di risolvere le mie frustrazioni tramite la masturbazione.
Il problema che poi è subentrato è che non ho più erezioni e non mi eccito più, perchè non desidero il corpo della donna.
Sono un pezzo di ghiaccio.
Ho avuto 2 depressioni, che mi hanno fatto perdere il lavoro.
Ho provato a 24 anni a riprendere gli studi, ma senza concluderli.
In me era già presente la volontà di farla finita, anche per il fatto che tra gli amici dovevo per forza fingere , di non essere più vergine.
Con le poche ragazze che sono stato, non sono mai riuscito e forse non volevo fare nulla.

Ora a 29 anni, quasi 30, qualche mese fa sono andato con una prostituta e mi sono preso qualche infezione e ne subisco le conseguenze.
Consulto dottori, faccio esami negativi e lo psichiatra dice che sono ipocondriaco.

Oggi, che scrivo questa lettera ho comprato delle fascette. Ho intenzione di mettere fine alla mia vita.
Non ho nessun valido motivo per vivere e invece di migliorare la mia vita la ho peggiorata.
Vivo male, evito gli amici e di uscire da qualche anno.
Non mi gratifica nulla.

Ho quasi 30 anni e la mia vita non vale nulla e sono riuscito anche a togliermi la salute.
Ho disonorato la mia famiglia, la vita, e chi di me si fida.

Volevo andare in australia, ma dopo la cosa che ho fatto e sopratutto ho paura di aver infettato qualcuno.
Non ho motivi per vivere anche perchè sono completamente incapace di provare a ridere.
Ho solamente paura che con la mia morte mia madre possa stare male. Del resto proverei sollievo a non esserci più.
Ho vissuto la mia poca vita avendo paura delle persone che mi potessero far male, tanto è vero che alle medie quando andavo in palestra andavo a cambiarmi nei bagni.

Penso a me come padre. Non avrei nessun diritto. E poi chi si prenderebbe un disagiato.

Sono costretto a porre fine alla mia vita che non sono stato ingrado di dare significato e un senso.
Io 30 anni così non me li immaginavo, a piangere sempre e ad essere totalmente incapace di avere relazioni.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Condividi su Facebook Problemi e fine della vita

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso

4 commenti

  1. 1
    valerio -

    Farla finita è una soluzione sulla quale ho riflettuto a lungo e che nonostante il comune pensare ho sempre rispettato ma come dici tu faresti soffrire altre persone e quindi non è una soluzione da pensare.

      Il punto invece è che nella vita occorre credere in se stessi altrimenti fallisce in tutto ma proprio in tutto.

    E come si fa se non ce l hai? Si deve diciamo far finta di ..ad esempio se voglio riuscire con le ragazze devo credermi uno che piace , una specie di recita, autoconvinzione . A meno che non sei autolesionista vedrai i risultati , anche piccoli che siano . Poi se la base di paartenza è proprio pessima un po ci si deve accontentare . Provarci

  2. 2
    guido90 -

    Innanzitutto non sei un disagiato. Sei semplicemente una persona con comuni problemi, risolvibili. Come hai notato qui sul forum..siamo tutti messi bene… Chi piú chi meno…io in primis sto attraversando un periodaccio. Ma credi che il suicidio sia davvero la soluzione ai tuoi problemi? Io credo di no. Forza e coraggio, prendi in mano la tua vita e dalle un senso…hai 30 anni, sei nel pieno della giovinezza.non è mai troppo tardi per essere felici. Un abbraccio

  3. 3
    eccom -

    Non avete capito bene.
    Io oltre a non riuscire a fare niente, mi sono preso un’infezione sessualmente trasmissibile perchè sono andato con una prostituta.
    I medici e gli esami dicono il contrario, ma io ho disagi nella parte intima.
    Ho paura di aver infettato mio fratello usando il suo accappatoio.
    Non ho proprio nessun motivo per stare inquesto mondo.
    Ho passato le festività con fastidi al pene e ora anche all’ano.
    Non riesco a guardare la vita nel verso giusto e non merito perdono per ciò che ho fatto.
    Ho disonorato tutta la mia famiglia e tutto questo per provare a me stesso che posso avere rapporti.
    A 30 anni non si può ripartire da zero. Anche se facessi tutto da zero quando vivrò da solo avrò sempre questo maledetto problema e i medici sono inutili.
    Maledetta la mia insicurezza e maledetto me stesso.Che i figli dei dottori provino ciò che sto provando io una maledizione una vita da morto. PErchè questo mi sento un morto.

  4. 4
    LORENZO -

    ciao! sicuramente la solitudine ti ha portato a chiuderti in te stesso rifugendoti nella auto erotismo e pornografia. Questo è un problema serio che devi curare perchè rischi di soddisfare la libido da solo. Devi fare attenzione perchè così facendo nessuna donna ti darà mai soddisfazione. il tuo auto erotismo è da paragonare alla droga, ne sei dipendente e sappiamo bene che avere una dipendenza ti porta solo piacere solo soddisfandola. Devi curarti perchè nessuna donna al momento ti può dare piacere. Poi il problema di salute, sei certo di averlo avuto? ci sono degli esami che lo attestano? guarda ceh si può curare tutto eccetto l’hiv. Devi uscire dal tuo guscio, ritrovare l’autostima, magari con un professionista e pian piano avere delle relazioni con le donne.

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso dispositivo (da qualsiasi dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili