Salta i links e vai al contenuto

Penso di farla finita, ma non so ancora…

La lettera è pubblicata a Pagina 1

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

56 commenti

Pagine: 1 2 3 4 6

  1. 11
    Mari -

    smettila Mario…bellissimo, studi e conosci cose nuove……..l’eta’ non conta nulla …..sii felice e orgoglioso di quello che fai……bravissimo mettici tutto il tuo impegno se hai bisogno di una persona che ti dia forza……eccomi …..io parteggio per te….sei in gamba …non mollare e ultima i tuoi studi……potessi studiare io., purtroppo mi manca il tempo…..

    ciao Mario a presto …metticela tutta

  2. 12
    mario -

    ho fatto fare pace!!!!
    Rospondo a Mari. Grazie per il tifo, ma non è tutto oro
    Oggi, mentre ero in centro, ho vidto un prof il quale mi ha detto se lavoravo. Gli ho detto di no,disoccupato, ma la realtà diversa. Fai i concorsi, studi, ma alla fine non sei nessuno. Conti se porti ivoti o sei qualcuno altrimenti sei l’emerginato dalla società. Questo il vero problme
    signori, se andassimo ad esaminaee bene chi sta bene? Il ricco, Non voglio essere moralista, o essere sicuro. Ho molte insurezze nel campo sentimentale. Se fallisco che garanzia offro alla mia compagna?

  3. 13
    poli -

    Grande Pessa… ci sarebbe sempre bisogno di persone forti e dirette come te…in questo modo si aiutano gli altri!!!! Bisogna reagire, reagire, reagire!!! e poi Mario… non buttarti giu` (nel vero senso del termine) e vedrai che le cose prima o poi si metteranno per il bene… l’importante e` che bisogna crederci e soprattutto avere stima di se stessi… STIMAAAAA!

    Un bacio a tutti, Poli

  4. 14
    mario -

    Dietro a quello che scrivo c’è di più. Da 18 anni ho cercato di inserirmi nel mondo del lavoro, ma ahimé sono sono riusciuto. Sapete a 18 anni, si studia, si lavora nello stesso tempo, si cerca di dare esami universitari.
    Ebbene, concorsi tanti, ma del posto niente.
    Non sono benestante, come molte persone possono pensare, sono l’incontrario, nullatenente. Abitavo in affitto con mia madre, mia nonna, mia sorella (sposata). I miei sono separati. Vivo con mia madre pertanto con uno solo stpendio il suo 800 €, chi mi finanziava gli studi era una signora, però essere ancora così con laurea in tasca, nullatenente, che si fanno sacrifici anche per andare a mangiare una pizza o al ristorante tante volte è difficile.
    Quandoi trovato lavoro presso iil comune, oppure al call center i soldi li davo tutti a mia madre per pagarsi i debiti.
    Ora a 37 anni, non avere né un lavoro né una ragazza per me è difficile.
    Tanti scrivono o pensano che sia tutto facile dire va be, non impoorta. Ma quando interiormente ti senti escluso perchè se guardessero i titoli o lapersona sarebbe diverso, invece purtroppo non è così.
    La situazione non è alle stelle, anzi tutt’altro. Non mi si avvicina neanche una ragazza quando la prima cosa che dicono il lavoro che fai. Perchè non sei andato a lavorare?
    Oppure sei un bravo ragazzo, sei speciale per questo no ti vogliono.
    Lòa stessa cosa quando ho presentto domanda come parcheggiatore ed operatore ecologico.
    La societòà moderna guarda soprattutto al materialismo ed è per questo che sono emarginato, anzi escluso perchè se hai una posizione conti, altrimenti sei un emarginato.

  5. 15
    Mari -

    Mario non fallirai credimi stringi i denti ancora un pochino….e poi raccoglierai i frutti di quello che con fatica stai seminando …e poi scusami se non esci come fai ad avere una vita sentimentale…esci e cerca di conoscere….potresti trovare una ragazza comprensiva che studia come te e capisce le tue problematiche …smettila con il pessimismo….sei fortunato ….poter conoscere cose nuove…. che meraviglia!!!
    ciao piccolo Mario

  6. 16
    mario -

    rispondo a mari

    quante volte sono uscito, quante volte andavpo in giro alla sera lungo il mare, ma niente. andare in disco non mi piace.
    preferisco i pub, ma anche lì niente.
    sono stnco doi girare stanco di andare in giro alla domenica e noto le ragazze con i ragazzi. stanco di sentire dire mi ha tradito mas io sono ancora con lui. stanco di sentire dire mi ha picchiata ma…

  7. 17
    Mimmo -

    Ciao Mario,
    sentimi bene. Tu devi fare una rivoluzione nella tua vita. Parti dal presupposto che, se continuerai ad essere così negativo e senza forze, le cose continueranno ad andare male. E’ una legge fisica. Credimi. Ridi e il mondo riderà con te, piangi e piangerai da solo, diceva qualcuno.
    Non puoi continuare a piangerti addosso, a essere la vittima di tutto, a non volere vedere le altre coppiette perchè ti senti in difetto, a sentirti male perchè non trovi lavoro, pur laureato. Credimi, non lo dico perchè penso che non hai ragione. Ho visto unpo’ di mondo e, purtroppo, su lavoro e amore non posso che comprenderti. Hai ragione in quello che dici. Ma che te ne fai della ragione. La vita è adesso, tu hai 37 anni e te la devi andare a prendere. Con forza.
    Se ti scrivo, peraltro, è perchè mi trovo anch’io in una situazione non semplice. Ho 28 anni e la ragazza con cui sono stato negli ultimi 5 anni e mezzo mi ha appena lasciato. All’improvviso, dice che sono diventato troppo pessimista, che penso troppo a tutto, che non sono deciso nelle scelte, che non sono quello che ero una volta, sereno, leggero e con le spalle larghe. Non so chi ha scritto che le ragazze vogliono chi ha le palle. Beh, caro Mario, sappi che è esattamente così. Devi essere uomo, devi tirarti fuori da questa situazione e affrontarla a viso aperto. Non queste str*nzate con la macchina. Reagisci ca**o!! Non hai lavoro? Vai a fare il magazziniere in un supermercato, credimi non si guadagna male e si vive tranquilli. Te lo dice un laureato, precario e malpagato, che più si addentra nel campo dove vorrebbe lavorare (il giornalismo), più si rende conto che: 1. Non sarà mai possibile; 2. Non è davvero vita quella.
    Io mi sono massacrato per settimane dopo quello che mi è successo. Poi ho finalmente capito la mia situazione e quello che mi chiedeva e imputava lei. Aveva ragione su molto. Lei mi ha salvato, forse non ci rivedremo più, però lo ha fatto.
    Io, Mario, mi sono svegliato una mattina e mi sono detto: “Basta, Mo basta con le seghe mentali, basta con le sofferenze sulle stronzate, basta con le angosce e le ansie”. La vita non è questo. La vita è una partita di calcetto con gli amici, una birra d’estate, quattro risate in compagnia, affrontare un problema e cercare in ogni modo di sdrammatizzarlo, riderci sopra, dargli poco peso. Guarda ho capito questo. E ora sto meglio anche con gli altri. Il male che portiamo dentro si vede all’esterno, non c’è niente da fare. Se stai bene, invece, dai sicurezza. E in questo mondo di sicurezza non ce n’è molta. So quanto è difficile far questo se uno sta male. Devi autoconvincertene, devi azionare una levetta sul tuo cervello e non staccarla più. Quando ti viene una fitta o un pensiero, chiama un amico oppure guardati un film da ridere.
    Poi vedrai che arriverà una ragazza che ti farà crescere i fiori sull’asfalto. Magari, come è capitato a me, una che sarà capace di salvarti, anche dopo.
    Mi raccomando Mario,
    Reagisci!!!

    Ciao,
    Mimm

  8. 18
    mario -

    Caro Mimm,
    vedi ho provato anche come magazziniere, come aiuto cuoco, come cameriere, portiere di notte, parcheggiatore, autolavaggio, call center e molti altri lavori. Sono sempre rimasto a casa, oppure se mi prendevano poi mi lasciavano a casa. Quindi mi sento sconfitto, sai quante persone mi dicono se hai il lavoro hai tutto. Per questo mi sento penalizzato.

  9. 19
    Alessandro -

    Ciao Mario, anch’io sono messo malissimo come te. A 33 anni non ho un lavoro, non ho amici (perchè sono tutti fidanzati o sposati) e anch’io esco da solo e non riesco a conoscere nessuna ragazza con la quale instaurare una bella amicizia perchè sono già impegnate. le persone che conosco mi danno gli stessi consigli che dicono tutti quelli che ti hanno risposto. ma anch’io come te trovo inutile la vita e non riesco a sbloccare niente malgrado i miei tentativi 🙁

  10. 20
    fabry -

    comunque bisogna uscire dal pregiudizio che il suicidio sia una cosa sbagliata, nessuno sa cosa c’è dopo la morte ed inoltre questo è un evento certo nell’esistenza di qualsiasi essere vivente.Quindi su quale base il suicidio è sbagliato????
    La seconda cosa che mi fa urinare dalle risate, gli uomini con le palle, e che vuol dire?????
    Un uomo è con le palle se va in giro con il makkinone e fa vedere che è realizzato.. lapo elkann ne ha di makkinoni è uno con le palle e solo un paraculato? o forse la stessa cosa..
    La verità è che non siamo tutti figli di agnelli quindi non tutti possiamo essere con le “palle”.
    La laurea nn serve a nulla in italia è vero, te lo dice uno con una laurea in ingegneria e socio del mensa italia.
    Certo poi la Carfagna è onorevole, però avere un bel popo è più importante di ogni titolo…
    PS : estenersi da questo forum moralisti e benpensanti siete patetici !!!!

Pagine: 1 2 3 4 6

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili