Salta i links e vai al contenuto

ehm… mi presento

  

Sto così male e da cosi tanto tempo che neanche più ricordo.
Non ho mai pensato minimamente al suicidio, perché sarebbe stato BANALE e SCONTATO.
Avrebbe dato un’idea falsata di quanto soffro. Avrebbe sminuito enormemente la mia sofferenza.
Non ci sono ne gesti, ne parole per certe ‘sofferenze’, se così si possono chiamare.
Mettere una maschera, e fare come se nulla fosse, come se fosse tutto ‘normale’, anzi esasperando la ‘vitalità’, ostentando voglia e progettualità, è stato il modo che ho trovato che più adeguatamente poteva dare un’idea della misura della ‘sofferenza’, del baratro, dell’apocalittico e innimaginabile e inesprimibile e insondabile devastante BURRONE in cui ero.. e sono..
Un gusto proprio di far di tutto, in tutti i modi, per DIMENTICARSI DI Sè il più possibile, cercare di SBARAZZARSI DI Sè nel migliore dei modi, col massimo disgusto e disprezzo. Un ODIO così PROFONDO per se stessi, così radicato, che ormai si dimentica di averlo. Di essere così. Addirittura CHIUDERE con tutta questa questione, e ‘gettarsi nel mondo’, nella vita, come nulla fosse. Nel qualunquismo. Ingannare non solo gli altri, ma anche se stessi fino all’inverosimile.
Una continua sfida e derisione a se stessi e agli ALTRI.

In realtà, si spera che un giorno qualcuno realmente capirà..cosa è capitato

Ammazzarsi sarebbe troppo poco

Vuol dire che un poco ancora ti credi. Sei ancora un poco vicino a te stesso.
Anche questo mio stesso scrivere, queste esatte parole qui, non è altro che la ‘messa in piedi’ del solito ‘teatro’, della creazione di mondo per non sentire il burrone, per il gusto di annientarlo, annichilirlo.. in realtà perchè sembra il miglior modo per richiamarlo e renderlo evidente e perché sembra il modo più adeguato a dare una misura di quanto si ‘soffra’.

Ammazzarsi sarebbe troppo poco

Da anni vivo così, morta, totalmente morta dentro, e nessuno sa che io viva questo. Nessuno se lo immagina. Non ci crederebbe nessuno.

Non riesco, da taaanto, da quando ero bambina (ora ho 30 anni), a sentir più nulla in modo autentico.

Ho preso tutti per il culo, per i fondelli. Nessuno crede in me. Certo, per forza. E nemmeno io voglio aver a che fare con nessuno. Sono tutti schifosamente stronzi, luridi, bastardi. Non credo più minimamente a nessuno. Sono stata più di 3 anni da una psicoterapeuta, dopo aver fatto 8 anni di altre cose. E L’HO PRESA SOLO CHE PER IL CULO. Ho speso migliaia di € senza averli, PER IL GUSTO DI PAGARE PER FARMI TROVARE, E NON FARMI NEANCHE TROVARE. Non le ho mai minimamente dato l’idea di stare messa a questo modo. MAI. E questo mi ha dato un gusto INDESCRIVIBILE

E’ così, odio profondamente la vita, e non posso farci nulla.

Ho fatto impazzire tutti i ragazzi con cui sono stata. NON HO MAI DATO NULLA A NESSUNO. MAI. Ho sempre fatto la parte della vittima. In realtà, li ho trattati sempre MALISSIMO. Sembravano loro gli stronzi. In realtà LO ERO IO. ahahaaaaaaaaaaaaah!

Ho fatto e stò facendo impazzire i miei genitori, che alla fine NON MI HANNO FATTO MANCARE NIENTE.

ahahaaaaaaaaaaaaaaaaaah!

Un bacione a tutti

Odio la vita, in essa non c’è nulla da trovare. Proprio nulla.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso

29 commenti a

ehm… mi presento

Pagine: 1 2 3

  1. 1
    Roberto -

    HO FATTO PERDERE TEMPO a chi per caso è inciampato sul mio racconto!
    Aggiungi anche questi alla tua lista.
    Anni fa ho conosciuto una donna come te. Io ora sono felice, per fortuna senza lei

  2. 2
    limonene -

    oddio, una lettera cosi’ idiota non credo di averla mai letta. se odi cosi’ tanto la vita, se prendi tutti per i fondelli, se tratti male le persone, se sprechi il tuo denaro per far perdere tempo alla psicoterapeuta che potrebbe invece aiutare qualcun altro che ne ha veramente bisogno, non capisco cosa ci stai a fare su questo sito. concordo con roberto, fai anche perdere tempo alle persone che capitano per caso su questa tua lettera. secondo me tu non sei una malata di mente, sei solo una malata di noia, ti immagino come una persona a cui non manca nulla nella vita e per questo ti annoi talmente tanto da crearti dei problemi da sola. ti consiglio di trovarti qualche lavoro o qualche hobby che occupi il tuo temoi, vedrai che poi ti passa l’odio per la vita e per le persone e la smetti di rompere le scatole alla gente prendendola per i fondelli. beh, credo di aver scritto anche troppo. saluti.

  3. 3
    AlbertoGuitar -

    Io non ti conosco, ma ho capito che hai perso ogni speranza.
    Il fatto che hai sempre preso per il culo le persone che ti stavano vicino ha la sua gravità, ma non hai commesso un omicidio.
    Hai detto che da quando eri piccola non riesci a sentire più nulla, questo porta a pensare che o ti è successo qualcosa che ti ha sconvolta da piccola, oppure hai avuto la sfortuna di incontrare tante di quelle persone false, immature e vigliacche che ti hanno fatto perdere la fiducia in te stessa negli altri e nella vita in generale e con il passare del tempo vedendo che tutto andava storto hai pensato che fosse solo colpa tua.
    Io lo so che a parlare sembra tutto facile ma sta tutto nelle tue mani, la vita è una sola e le opportunità per migliorarla sono tante, penso anche che tu sia solo colpevole di una grossa richiesta di attenzioni e lasciami dire che è una cosa normale.
    Ogni persona reagisce in maniera diversa di fronte gli ostacoli della vita, tu magari hai reagito creandoti dei complessi che se ci fai caso ti impediscono di amare e di essere amata.
    Prova a chiederti se vuoi che la tua vita vada avanti così…

  4. 4
    rossana -

    edns,
    credo tu stia proprio male e che la psicoterapeuta non sia molto brava, altrimenti in tre anni avrebbe dovuto capire chi sei e riuscire ad aiutarti almeno un poco. a meno che anche lei si sia presa gioco di te, incassando semplicemente i tuoi soldi.

    ma almeno sai “cosa ti è capitato”? perchè ti senti così? è da lì che dovresti partire, se la tua non è solo noia e cattivo carattere…

    un abbraccio

  5. 5
    colam's -

    Io non direi che questa lettera e’ “idiota”, direi che mi sembra “purtroppo sincera”.

    E anzi se fosse sincera, come mi sembra, avrebbe il merito di dare voce in modo chiaro a questo vento di morte e autodistruzione che, personalmente, sento soffiare da un po’ di tempo.

  6. 6
    Mezzaluna -

    E quindi?

  7. 7
    edns -

    Ciao ragazzi, intanto grazie davvero che mi avete risposto. Non avrei mai detto che qualcuno avrebbe risposto.Sai pensi sempre che rispondano agli altri.. Allora si, di cose me ne sono successe, e parecchie.Ho fatto un commento a ‘michele’di 19 anni(‘suicidio passato’ mi sembra il nome del post suo),li ho scritto alcune cose..si,me ne son capitate di ogni..da quando ho 8 anni è iniziato l’inferno,e prima,sai com’è,con una madre che non stava affatto bene.. Ho scritto però che non mi è mai mancato nulla,che stò facendo impazzire i miei che non mi han mai fatto mancare nulla, che ho sempre preso io tutti per il culo etc..ma è vero è anche no:cioè, se io dovessi ragionare dal pdv più scontato e più diffuso..io son stata davvero una ‘vittima’ (dai 13 ai 19 anni con un ragazzo che era violento con me,e appena presa la maturita,xk prima nn potevo xk avevo scuola,stavo scappando all’estero xfuggir da lui).x non parlar dei miei,separati da qnd avevo 8 anni,me ne han fatti di ogni..manipolazione,falsi,depressi schizzati che fingono.Mi hanno tot cosparso di vergogna,annientata,auto lesionata.Mi son sempre poi avvicinata alle persone simili a loro,cioè false.Non continuo con la storia,mi fermo qui.Dicevo che:io sempre ho immaginato che uscir dal probl=di trovar chissà cosa di magico.Son sempre stata così rancorosa verso loro,che per fargliela pesare e pagare ancor più,mi son tenuta tutto dentro,da masochista.Odiando e dissimulando la mia rabbia e dolore etc,ho odiato anche me,il sentirmi viva.Dicevo’loro non se lo meritano il mio sorriso e considerazione’quindi..non risolvo,stò cosi nella merda,finche loro se ne accorgeranno e faran di tutto x ripagare,si umilieranno e prostreranno..ma nn è così:mi son solo tirata la zappa sui piedi da sola.Loro non se lo meritano che..io ora STIA BENE,cioè non sia più sotto l’influsso dei loro schemi diabolici annichilenti falsi.Ma loro non solo mica han fatto chissa cosa x scusarsi,ma ora lo stesso TENTANO IN OGNI MODO di annichilirmi..non han capito una mazza!non son cambiati!non lo faranno mai!il punto è questo-che io stò nasando ora,ma sono coi lavori in corso:’uscire’ dal problema(che non è che una volta uscito,ok,sei sempre dentro e un po fuori),non significa trovar angeli con le trombe e cornamusa,vita euforica,colorata,fantastica,dorata..bensì trovare qualcosa che alla fine hai sempre evitato..perchè ti han insegnato a evitarlo con violenze fisiche e non,ma quel che hai sempre evitato è la VITA,che non ha i colori dell’arcobaleno(talvolta si,ma sono EMOZIONIche van e vengono),bensì è più’neutra’direi..cioè spesso uno non risolve: non solo perchè ha gran dolore e non sa come uscirne,perchè se ti han distrutto una volta,MAI ti potrai ricomporre..spesso è perchè hai troppa rabbia e ti sembra di fargliela pagare se non risolvi.Ma è un tranello della mente per NON FARTI RISOLVERE..perchè magari NON SAI AFFRONTARE QUEL CHE RIMANE una volta uscito dal lesionismo,dalla depressione..infatti chi è depresso vive PANICO se

  8. 8
    edns -

    Infatti chi è depresso vive panico se esce..voglio dire che non solo perchè i pesi son troppo grossi non si risolve(a volte diventa scusa per non risolvere,ma nn xk siamo viziati o merde),ma perchè non si sa stare senza i pesi!non è finito il lavoro una volta tolti i pesi(ogni giorno van tolti,non è che 1 volta tolti finito il lavoro,è ogni giorno da fare..),c’è la domanda sul senso della vita.che non è ‘bella euforica colorata’come spesso chi è nel tunnel immagina,anche perchè ci son quelli che la dipingono cosi,quelli che magari ti’vogliono aiutare’,che dicono di ‘star bene’e credono che tu solo stai male..in realtà è che,non sapendo starci loro..per forza devono convincere anche se,che la vita è stra colorata bellissima spumeggiante..(cioè talvolta vi sono quelle emozioni come talvolta vi è disastro),ma è qualcosa di cui bisogna occuparsi la vita,cioè il fatto di esser vivi,non vita inteso come:le mansioni da svolgere,lavoro stipendio etc.a volte uno usa i reali problemi avuti,per non affrontare vita,il fatto che è vivo,esistente..che è qualcosa di ..non sò neanch’io.ne bello,ne brutto.ma spesso a questo punto si tende a dire’perchè sei viziato continui a crogiolarti nel tuo male’..non è questo che io intendo dire,cosa che x tanto e ank ora mi tendo a dire,e che tante ‘brave’ persone mi han detto (sapessero che danno mi han fatto):sentirsi in colpa xk ci si crogiola è solo l’ennesimo meccanismo per auto sabotarsi,e non incontrare vita,non uscirne mai dal buio..bastonarsi,sia perchè siamo stati bastonati e continuiamo a farlo per i vari motivi,sia bastonarsi perchè ci riteniamo’viziati e codardi’ ad aggrapparci agli schemi distruttivi di bastonamento per paura di vita,son tutti modi per bastonarsi e non incontrare vita..esser vivi è una cosa grossa da affrontare, e magari ci vuole un percorso,uno spazio dedicato apposito, tanto quanto lo si fa per capire e affrontare le bastonate e traumi ricevuti..non è meno impegnativo che capire e affrontare quelli..non siamo viziati perchè continuiamo a crogiolarci..e’ che nessuno,nemmeno psicoterapeuti-psichiatri etc ti dicono questo..che poi il lavoro s’ha da fare anche per il fatto ‘sono vivo’,come per il fatto’mi hanno distrutto’..allora uno non ne esce perchè non si occupa di ciò che rimane se nn son piu distrutto,neanche sa che è da fare..o si inventa un modo di ‘star vivo’,di incanalare la vita,di solito l’amore,che sicuramente è ottimo e sano,e non è invenzione,ma invenzione è credere che basti x incanalare tutto il senso della vita. Ma non basta.anzi,forse amore dovrebbe essere un modo per celebrare la vita,non vice versa. Oh,son brava a parole, ma a fatti..son a pezzi

  9. 9
    rossana -

    edns,
    mi dispiace apprendere che hai subito tanto e comprendo il tuo “male di vivere”, che spesso è stato anche il mio. la mia sintesi (non lontana dalla tua, espressa nelle ultime righe del tuo post) è carenza d’amore, oppure amore ricevuto ma inadatto alla persona a cui era dedicato.

    di recente ho speso tanto tempo e tante energie per Suchende, l’autrice del post che puoi trovare qui: http://www.letterealdirettore.it/incontenibile-disgusto-essere/ ed ho constatato, ancora una volta, che, per ucire da una determinata situazione bisogna VOLERLO veramente, non solo a parole.

    se vuoi, leggi quello che ho scritto per lei, che per molti versi potrebbe essere utile anche a te. poi, magari, possiamo esaminare insieme e discutere i punti che eventualmente potresti voler approfondire.

    scusa se non riparto in quarta: sono stata troppo delusa!

  10. 10
    limonene -

    @ colam’s: hai ragione, questa lettera non e’ “idiota” ma “purtroppo sincera”… solo che cosi’ a prima vista, non so perche’, mi era parso come lo scritto di una persona annoiata che vuole solo far perdere tempo a chi legge. invece c’e’ sotto qualcosa di molto piu’ profondo, un “vento di morte e autodistruzione” che merita davvero di essere ascoltato.
    @ edns: credo di doverti delle scuse, per essere giunta a delle conclusioni fin troppo affrettate e per non aver di certo mancato di offenderti. scusa davvero. mi sembri una persona stanca, delusa, traumatizzata… vorrei poterti aiutare ma l’unica cosa che posso fare e’ darti qualche consiglio ed esserti vicina. come dice rossana, devi essere tu stessa a voler cambiare. e solo quando vorrai davvero cambiare potrai far finalmente capire agli altri cio’ di cui hai bisogno e di conseguenza potrai essere aiutata. non chiuderti in te stessa. in bocca al lupo.

Pagine: 1 2 3

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili