Salta i links e vai al contenuto

Mi lascia perché non ho un lavoro e mi sento un fallito

Salve… ho 30 e circa 5 mesi fa è finita una relazione durata 6 anni… lei mi lascia a settembre… perché non ho un lavoro… Io che sono limitato nel mondo del lavoro… cioè sono sordo anche se parlo benissimo… è sempre stata così da lì inizio della relazione… dicendomi o ti trovi un lavoro o ti lascio… oppure ti do un mese di tempo… se non trovi in lavoro ritieniti single… lei diceva che in questo modo mi spronava… ma credo sia più una crudeltà.. Io nel mio piccolo non gli ho fatto mai mancare niente… Sempre attento e presente… durante la fase di rabbia 4 mesi dopo che lo cercata e chiesto di tornare perché la cosa si poteva sistemare… lei non ne voleva sapere… E io per rabbia andai in giro dicendo che avevo trovato lavoro e mi misi assieme ad un altra… lei vedendo questo torna… E io che l amavo dimenticai tutto quel tempo che mi aveva umiliato e fatto a pezzi… ci tornai… quando poi scopri che non era vero ed era solo un modo per riaverlo tra le mie braccia cominciò di nuovo con la stessa storia che se non trovavo lavoro mi avrebbe lasciato… tra le famiglie ci fu una grossa discussione i miei non volevano che tornassi insieme a lei per come si era comportata e io nonostante tutto sono andato contro la mia famiglia per stare con lei dormendo fuori casa e non vedere mia madre… lei non ha mai fatto il passo di risolvere la cosa… voleva facessi tutto io… ora sono passati 5 mesi… non riesco a toglierla dalla testa…  è un ossessione… Non so perché… forse perché non mi piace stare solo e mi manca… Non riesco ad immaginarla con un altro… vorrei liberarmi da queste ossessioni… se non posso tornare indietro vorrei dimenticare..   Non dimenticare perché non ci riuscirei mai… ma sto sempre nervoso..  la mattina mi sveglio con l ansia e terrore come sr volessi scappare da qualcosa… la sogno… E sto sempre male… Non riesco ad uscire fuori da questa bolla e sono arrivato al punto di chiamarla e dire torniamo insieme… ma lei con l auto delle amiche è riuscita a far rinascere la sua autostima quella che con me non aveva… mi ha distrutto… fatto a pezzi… Non riesco ad avere contatti con altre donne… apatia totale… ho paura di non uscire da questo incubo. Lei si è fatta una vita… Io non ci riesco… è fissa nella testa…Non so cosa fare… cosa mi consigliate?

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Lavoro - Me Stesso - Salute

39 commenti

Pagine: 1 2 3 4

  1. 1
    llamativo -

    Scusa eh, ma che persona è! Chi ti ama ti accetta. I modi per spronare sono altri. Non sei un asino che va frustato, ma un essere umano, con una disabilità, che al di la di tutto ciò va rispettato. Capisco il tuo dolore, ma le persone che misurano gli altri in termini economici e non per il valore stesso della persona, sono spazzatura. Ti auguro di superare presto questo momento e di trovare il lavoro e la compagna che meriti

  2. 2
    Eder -

    Ciao Umberto. Ciò che cerchi sono consigli lo so, ma se vuoi davvero che le cose cambino, non saranno certo le mie o le parole di altri a metterti in moto verso la possibilità di “rifarti una vita”. Devi attivarti. Darti una serie di obiettivi da raggiungere in una settimana od in un giorno in questo senso. Non devon esser troppi, nè troppo distanti da quel che è la “normalità” che cerchi. Tu vuoi che la tua vita sentimentale migliori. Ma ti renderai conto che una nave che affonda non solca i mari vero? Rinforza lo scafo, il tuo corpo, ed esci con persone vere. Trova un amico che c’è passato, e parlaci assieme. Un po’ tutti ci passiamo in quella fase ed un amico sarà sicuramente pronto ad uscire con te per rimetterti in sesto, od anche solo per riprendere un amicizia magari trascurata mentre eri fidanzato. Poniti piccoli obiettivi, come uscire appunto, e non, ribadisco NON abbandonarli per pigrizia o paura: creerai un loop mentale altrimenti che porta in brutti stati d’animo.

  3. 3
    Yog -

    Direi che più che della ganza dovresti preoccuparti di trovare un lavoro, già dopo i 29 è un casino, figurarsi se la tiri fino ai 40. Se la tua ex zita voleva sistemarsi (cosa legittima ed eticamente giusta) non poteva che cambiare cavallo, rassegnati.
    Lavora su te stesso, si tratta di capire che carte hai da giocare (laurea? diploma? dei bicipiti notevoli?), raccontare balle non rende, questo lo avrai capito.

  4. 4
    toroseduto -

    Non c’è niente da aggiungere a quello che ha scritto Yog. Una sintesi pregevole per farti capire che il problema non è la tua ex.
    Mi ha spinto a scrivere la tua situazione lavorativa.
    Che sei in difficoltà si capisce dai tanti puntini sospensivi che hai usato.
    Non sprecare energie nella direzione sbagliata.
    A te quello che serve è un lavoro, l’indipendenza economica. Se riesci a realizzare tutto questo, vedrai il tutto sotto un punto di vista più maturo e confacente alla tua età.
    Hai mai lavorato? Insomma la tua condizione ti penalizza? Ti faccio queste domande perché un mio amico sordomuto riuscì a laurearsi in informatica, ed ora ha un laboratorio di riparazioni con 4 dipendenti. E’ sposato felicemente con una compagna conosciuta all’università e hanno 2 figli normalissimi. Metti il lavoro nella tua priorità immediata. Risolto questo problema, avrai una visione realistica delle tue capacità reali, insomma fai sparire i puntini sospensivi dalla tua vita.

  5. 5
    Rdf -

    “Scusa eh, ma che persona è! Chi ti ama ti accetta. I modi per spronare sono altri. Non sei un asino che va frustato, ma un essere umano, con una disabilità, che al di la di tutto ciò va rispettato. Capisco il tuo dolore, ma le persone che misurano gli altri in termini economici e non per il valore stesso della persona, sono spazzatura. Ti auguro di superare presto questo momento e di trovare il lavoro e la compagna che meriti”

    Quando lo dico io le donne ss del forum con la bava alla bocca mi saltano addosso come se avessi detto una cretinata . Vuoi mettere “la stabilità economica e l’invidia delle amiche ” con il misero ed insignificante “affetto”?

    E per giunta personaggi come MG ti dicono pure che sei misogino e un debole lebbroso a pensarla in questo modo 😂😂

    Per me l’amore sarebbe la base di ogni rapporto di coppia, un affetto reciproco indipendente dal conto in banca o dagli interessi personali

    se per loro L amore e questo si accomodino pure , vedremo chi ride

  6. 6
    Sirenetta -

    La tua fidanzata assomiglia moltissimo ai miei genitori, fissati sui soldi, guadagno, lavoro fisso e magari chissà con una mentalità sul lavoro da anni ’70 solo perché a lei il lavoro non è mai mancato ed è sempre stata sullo stesso posto di lavoro e fatto carriera con facilità e poi magari non sa come ci si sente, la fatica di cercare lavoro, portare curriculum, leggere annunci di lavoro e fare colloqui di lavoro sentendosi ogni volta a dirsi le faremmo sapere dal potenziale datore di lavoro. Queste persone non hanno un minimo di empatia per questi problemi. Non ha idea di quanti annunci con il scritto cercarsi stagista con esperienza, apprendista max. 24 anni con esperienza e altri 1000 dettagli ci sono in giro poi anche se tu lavorassi magari la tua fidanzata ti rinfaccia che non guadagni a sufficienza, che il lavoro fa schifo, che ha un lavoro che non ha futuro, insomma avrà sempre qualcosa da ridire.

  7. 7
    Sirenetta -

    Un consiglio: scappa da lei d’altronde è solo la tua fidanzata (da fidanzati non è detto che ci possa costruire un futuro di coppia ed è proprio questo il bello soprattutto quando non si può garantire un futuro) e non un tuo famigliare e ritorna in famiglia se c’hai un buon rapporto. D’altronde si urla a grandi parole che il grande amore bisogna affrontare i problemi ma a quanto pare solo quando fa comodo.

  8. 8
    Capadic -

    Cerca di fottere e di guadagnare.
    Se non riesci, noleggia una Ferrari, passa sotto casa sua e mandala a stendere dandole della meretrice: ti sentirai subito alla grande.

  9. 9
    Esther -

    E che ti aspettavi, che ti faceva i complimenti ed una proposta di matrimonio spesato da lei!?

  10. 10
    rdf -

    beh se si fosse emancipata come dicono di voler essere (quindi anche economicamente)…la ciccina avrebbe potuto tirare anche lei un po’ la carretta se avevi difficoltà!

    Noi lo abbiamo fatto per millenni…

    cmq se una ti fa i conti in tasca ed in base ad essi aumenta o diminuisce il suo “amore ” (amore ahahah brutta puxxana) significa che era solo una delle tante storie di PARASSITE SUCCHIASANGUE che vogliono essere mantenute e tutto il resto (e intanto ti becchi pure le corna 😀 )!

    Il lavoro ed i soldi nella vita vanno e vengono…e poi , NEL VERO AMORE, se la barca dovesse affondare la si prova a riparare in due, volendosi bene!

    ps: hai mai provato prendere in considerazione le mignotte? vogliono i soldi ma te lo dicono fin dal principio…e son sempre più belle , giovani e meno dispendiose di quelle normali (che per giunta recitano pure la parte delle pudiche dagli alti valori morali…schifose ahhahaha)

    esserti levato sta strega dai co...oni deve esser un motivo di gioia! accendi un cero in chiesa in ringraziamento a DIO!

Pagine: 1 2 3 4

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso dispositivo (da qualsiasi dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili