Salta i links e vai al contenuto

Lettera a mio padre che non c’è più

La lettera è pubblicata a Pagina 1

L'autore ha scritto 2 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

58 commenti

Pagine: 1 4 5 6

  1. 51
    Regina Incoronata di Splendore -

    Cara Cristina, mi dispiace tanto per la tua perdita. Credo che non ci siano parole. Sebbene anch’io abbia perso un padre che è sempre stato perfetto, non riesco a immaginare quello che senti tu. Non ci riesco proprio. Io non ho sofferto, non come te, e credo che dipenda molto dal legame vissuto e dalla sua profondità. Mi dispiace. Sappi che su questa terra nulla dura per sempre, ma che è solo questione di tempo, e poi, finalmente, starete insieme per sempre.
    Ti abbraccio di vero cuore.

  2. 52
    Salvatrice Di Paola -

    Non voglio più compilare

  3. 53
    R -

    “sono stata traumatizzata a vedere il suo ultimo respiro..”
    sì, anche per me vale la stessa cosa
    col tempo il dolore passa? impossibile per me, anche perché sono io stesso a non volerlo, il dolore che provo è immenso ma essendo l’unica cosa che me lo fa percepire ancora vicino non voglio io stesso che passi
    ne ho sentite tante di frasi a conforto del mio dolore, ma lasciano tutte il tempo che trovano
    quando mi trovo in casa in una stanza tengo accesa la sua personale TV perché per me, sentire la sua TV accesa è come se lui fosse lì
    non riesco più a dire altro, spero solo che esista qualcosa oltre la vita per poterlo rivedere un giorno… sarebbe troppo triste pensare che oltre la vita non ci sia niente è che tutto sia finito con quel tuo ultimo respiro !

  4. 54
    R -

    Un abbraccio anche da parte mia Cristina!
    Le uniche due cose che a me aiutano sono occuparmi di mia mamma, sentire cioè come l’obbligo di starle sempre vicino e di non farle mai mancare niente, come se io mi dovessi occupare di lei così come lei e il mio papà si occuparono di me quando ero piccino; l’altra cosa che mi aiuta è il mio lavoro, stare sempre occupato col pensiero, perché se mi fermo ricomincio a pensare a tutto, e mi pare che tutto il resto sia finito…
    quaeste uniche due cose mi aiutano
    Ciao Cristina

  5. 55
    R -

    sono quasi tre mesi che il mio papà se nè andato, mi sto accorgendo ogni giorno che passa che mi sento sempre peggio, i messaggi che ho scritto ieri forse erano indirizzati inconsciamente a me stesso, quasi fossero dei consigni per darmi forza, ma non mi sembra io ci stia riuscendo, ieri ho potuto leggere la cartella clinica di mio padre, dovrei lasciar perdere queste cose? non ce la faccio, più mi avvicino col pensiero a quei terribili momenti e più mi sento vicino al mio papà, è brutto ripercorrere passo passo, momento dopo momento tutti gli interventi che facevano gli infermieri e i dottori, ma per me è come se ciò mi facesse ritornare indietro quando il mio papà era ancora in vita, quando ancora respirava; quando è stato dichiarato deceduto è stata fatta una stampa dell’ECG, varie stampe, nel primo foglio in ordine temporale c’è scritto che era deceduto, poi ve ne sono altri che pure sono ‘piatti’, ma in uno degli ultimi l’ECG non è proprio piatto-piatto, vi sono dei piccoli picchi… e mi viene da pensare, caspita, qui c’era qualche infinitesima cellula suo corpo ancora in vita! E’ questo un pensiero che mi fa impazziere… ero lì quando ha smesso di respirare, e vederlo cambiare di colore in un instante, impallidendo all’improvviso, è stata come una pugnalata alla mia anima…
    non pensavo di poter mai pensare cose del genere, la morte di un genitore non è come la morte di qualsiasi altra persona, quanto cara questa possa essere…. MI MANCHI PAPA’

  6. 56
    cristina -

    ciao sono trascorsi 13 mesi e 11 giorni dalla morte del mio babbo …Avevo scritto in precedenza ,ma anche se passano i giorni e le ore ,tutto rimane immutato..Il dolore è perenne.Solo chi ha accanto ancora il proprio papà,non sà che valore inestimabile abbia..Io pagherei qualunque prezzo per abbracciarlo ancora e potergli di nuovo parlare,scherzare assieme….lo penso sempre,vado 2 volte al giorno da lui al cimitero ,a portargli fiori ……mi manca troppo…sono figlia unica , ho mia mamma,che anch’essa sta male,ma è diversa da come era lui…E’ veramente dura senza il mio caro papà..Dicono che la vita continua..Ma come??? Continua dal punto di vista fisiologico,ma ma si vegeta e basta..Non è facile per nulla..Abito in una piccola città di provincia ,non ho molte amicizie,nè una rete parentale consolidata e per giunta single..Forse cio’ ha contribuito a peggiorare la situazione…Era mio papà il mio miglior amico, con lui mi confidavo ,c’era empatia…Ora non ho piu’ stimoli,entra in gioco la solitudine e la sofferenza senza fine…spero prima o poi di riuscire a riprendermi,anche se finora non è successo per niente…mi manca troppo!!

  7. 57
    R -

    Cara Cristina, ognuno vive questi momenti dolorosi a modo suo, ma il dolore è dolore e un genitore che non c’è più lascia un vuoto incolmabile
    io non sento il bisogno di contare i giorni, per me il tempo è come se si fosse fermato a quegli istanti drammatici in cui mio padre ha smesso di respirare, cerco di celare questi miei sentimenti anche perché lavoro al pubblico, e non sento di dover condividere questi miei profondi sentimenti con gli altri, però è triste il senso d’impotenza di fronte a questi eventi: quando mio padre o mia madre hanno avuto in passato un problema di salute, ho sempre detto a me stesso: ‘ok, devi fare questo e questo per sistemare la cosa’…
    la morte è ineluttabile, e non lo si può percepire appieno se non si passa per questi tristi eventi, e quando ci si è immersi appunto questo senso di impotenza per non poter fare niente mentre tuo padre sta spirando ti distrugge l’animo, vorresti spezzarti in quattro per poter risolvere la situazione ma è come se qualcosa di grande come il cielo ti stesse crollando addosso
    e poi ti rialzi, ma niente è più come prima
    io vado avanti, cerco di farmi forza da solo, mi spiace dirlo ma non credo più da tempo ormai in Dio
    anche se ciò mi rattrista ancor di più.

  8. 58
    Esther -

    A mio padre scriverei: grazie per la tua bontà, per il tuo amore, per la tua preoccupazione. Ti ameremo per sempre, non ti dimenticheremo mai finché non ci rivedremo in Paradiso. Grazie papà per il tuo amore anche ora che sei in Cielo!

Pagine: 1 4 5 6

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso dispositivo (da qualsiasi dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili