Salta i links e vai al contenuto

Inettitudine, vivo tutti i giorni con paura e ansia

Lettere scritte dall'autore  

Salve, sono un ragazzo si 22 anni e soffro di un problema per me forte. Ridotto in breve il mio problema è “non riuscire a vivere”, vivo tutti i giorni con una qualsiasi forma di paura o ansia. Mi sento sempre inferiore a tutto e a tutti, chiudendomi spesso in casa e partendo sconfitto da principio su quasi ogni sfida che mi si pone davanti. Il motivo di tutto questo mi è sempre stato chiaro…la mia famiglia. La mia famiglia è molto particolare, da sempre per “educarmi” si sono posti in maniera molto violenta , tanto da procurarmi anche forti ematomi. Spesso gli eventi che li portavano a reagire in maniera violenta potevano trovare un fondamento (anche se si trattava di semplici marachelle o episodi comunque non così gravi) altre volte semplici sfoghi (tutto ovviamente rinnegato). Non solo, non ho diritto di farmi valere in alcun modo quando ho ragione. Io ho torto a priori qualsiasi cosa accada perchè io sono il figlio e loro sono i genitori che stabiliscono le regole (sempre variabili e a vantagio loro). Tutto questo mi ha portato ad avere 1000 paure e non vivere bene. Non sapermi difendere e spesso essere preso di mira da gruppi di ragazzi senza sapermi difendere. Ho provato a denunciare a loro il fatto…sentendomi dire che ero semplimente cretino perchè non capace di reagire…Ho provato a rivolgermi ad una psicologa , la quale non mi ha saputo aiutare se non ascoltarmi e farmi sfogare un po’ (dato che riportavo integralmente ciò che mi accadeva e subivo, potendo far valere nel mio piccolo la mia ragione). Io non so come fare, ho provato tutto ciò che era in mio potere…Ma loro si dichiarano innocenti e dicono che io sono stupido perchè sono io sbagliato (nonostante abbia parlato con un esperta, essermi messo in dubbio e confrontato 1000 volte con amici più grandi di me non riuscendo mai a far valere quest’ultima tesi). Sto perdendo ogni giorno il sorriso perchè il male che c’è in me mi logora…Ho forti momenti d’ansia tutti i giorni e spesso attacchi di panico perchè mi ritornano in mente momenti forti (negativamente). Ho problemi di concentrazione e la mente sempre occupata da cattivi ricordi…Non so cosa fare, mi sento inetto e incredibilmente solo, le persone più vicine mi sono lontano e io tra poco comincerò ad aver paura anche della mia ombra se continuo a vivere così…e non vorrei mai che ciò accada…cosa mi consigliate? Vi ringrazio anticipatamente…

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Famiglia - Me Stesso

11 commenti

Pagine: 1 2

  1. 1
    Aither -

    In questo momento c’è solo una parola che io potrei dire che potrebbe aiutarti: reagisci!
    Sarebbe semplice da dire, ma così troppo difficile da mettere in atto.
    Ti capisco, ho vissuto un’ esperienza simile, sebbene comunque i miei fossero un po’ più “umani”.
    Ricomincia la tua vita da zero, da un’ altra parte.
    Non dirmi che non hai la forza, che hai paura. La forza ce l’ hai, è dentro di te, fa parte di te.
    I tuoi genitori non potrebbero mai portartela via, e non l’ hanno fatto.
    Va’ via, scappa, ricomincia da zero.
    La vita, in fondo, è un dono, non sprecarla all’ ombra di un passato che è solo tale.
    Il tuo passato determina quello che sei, determina il tuo presente, e questo ovviamente influisce sul futuro, ma nessuno ti impedisce di voltare pagina.
    Nessuno ti impedisce di mettere un punto e di inventare un nuovo titolo al tuo prossimo capitolo.
    La nostra vita, in fondo, non è altro che una storia, un libro in cui solo noi possiamo scrivere.
    Gli eventi, le persone, possono influire, ma non determinare.
    Sei tu che hai la penna in mano!
    Tu sei forte. Ce la puoi fare.

    E se adesso magari stai piangendo, oppure sei semplicemente triste, abbattuto, ascoltami: stringi il pugno.
    Inizia lentamente, poi mettici man mano tutta la forza che hai.
    La senti? Non ti ha abbandonato.
    Tutta quella forza è la tua voglia di reagire, e quando ne sarai consapevole, semplicemente fallo.
    Non è facile, lo so.

    Spero che tu possa un giorno reagire ed essere finalmente felice.
    Ti auguro un sentito “buona fortuna”.
    Io credo che tu possa farcela, io credo in te.

  2. 2
    Rayman -

    E’ da molto tempo che tento di reagire…E fortunatamente ancora non mi sono deciso a mollare. Solo che in questo momento non saprei proprio da dove iniziare avendo comunque provato molte soluzioni non andate a buon fine e talvolta peggiorando la situazione. Vivere in questo stato non è per niente facile, e la voglia di riscattarsi è grande quanto il problema stesso. Ma ora non sembra che ci sia ancora uno spiraglio per me. Non ho dove poggiarmi e non ho niente che mi dia forza. Spero ci sia presto una qualunque possibilità. Ho solo voglia di ricominciare da zero e riprendermi la mia vita distrutta da tante brutte esperienze. Ma cosa dovrei fare?
    Comunque sia, grazie per il sostegno.

  3. 3
    Rider -

    Guarda ti capisco tantissimo, mia mamma da che ho i primi ricordi da bimbo fino a quando non sono diventato troppo grosso per poterle prendere mi ha bastonato tutti i giorni come un cane! Non perdeva occasione per umiliarmi davanti ad amici e non con insulti di ogni tipo e legnate! Non potevo vivere come volevo fin anche lo sport non potevo praticare quello che volevo! (io amavo il basket, ma dovevo fare calcio perché avrebbe potuto farmi fare più soldi, che tristezza) Ora ho 29 anni e sono andato via di casa a 22 proprio perché non riuscivo più a vivere, o me ne andavo o mi ammazzavo! Anche io pieno di insicurezze e di complessi… Sai cosa mi ha aiutato?? Lo sport e l’indipendenza! Dopo essermene andato di casa, nonostante le minacce di mia madre che se me ne fossi andato non avrei più avuto una famiglia, mi minacciava di non farmi vedere neanche i miei fratelli, ho cominciato a fare tanto sport, tutto quello che mi piaceva, mi riuscivano bene e l’ammirazione e la stima di coach e compagni di squadra mi ha dato lo sprint giusto per cominciare a credere in me! E l’indipendenza sia nel lavorare che nel gestire una casa mi ha dato la fiducia in me stesso che cercavo! Motivata anche dalle persone che rimanevano meravigliate dal vedere che un giovane ragazzo potesse vivere solo lavorare fare sport e tenere una casa pulita e ordinata! Io consiglio a tutti lo sport come valvola di sfogo, vai in palestra fai sport di squadra, fai sport adrenalinici tipo snowboard (lo snowboard non ti fa pensare a niente è fantastico!! Natura e adrenalina.. Provalo!) vivi in maniera corretta rispettando e facendoti rispettare e non dovrai avere paura di nulla perché sarai sempre nel giusto! Fidati una vita sana con sport e alimentazione giusta e sana anche dal punto di vista morale ti faranno avere un’altra luce nei tuoi occhi io l’ho provato ne sono testimone! Se hai qualche domanda da farmi contattami pure, a leggere le tue parole ho rivisto la mia vita, perciò so cosa hai passato.. Ciao e spero possa esserti stato d’aiuto!

  4. 4
    david -

    Bravo Rider,e mettici anche la boxe,il krav maga e le immersioni subacquee,e perchè no?Un po di combattimenti in campagna senza regole tipo MMa Fanculo questa vita è una merda,perchè coccolarla tanto,è una merda e deve essere trattata come tale. USQUE AD MORTEM ET ULTRA.Hai detto bene Rider

  5. 5
    david -

    Sono stato un inetto,un debole,un vigliacco e mi hanno rotto il c..o,letteralmente un sacco di volte a scuola…Scuola?Galera,ogni tipo di violenza psico-fisica,sevizie,torture chiuso nelle stanze,tornavo a casa con la faccia di una braciola,ma cercavo scuse…cascato a pallone,per le scale.Non volevo impaurire i miei,ma in realtà non fuggivo,nè mi difendevo,un pupazzo ero nient’altro.Molte di quelle violenze vengono perpetrate nei carceri.Nessuno vedeva,nessuno,sapeva,i prof cinguettavano coi loro caffè.Poi ho trovato le arti marziali e la boxe e un pò di autostima perchè li si combatte vari tipi di combattimento.Ma non avrò più paura nella vita.La cosa peggiore è cadere nelle mani del nemico vivi,meglio morti 1000 volte.Scusate il discorso esasperato,ma se uno è una brava persona,mite,modesta,amichevole perchè non deve difendersi…sennò fuggire e di corsa,avete pochi istanti per decidere

  6. 6
    Rayman -

    Riproverò con lo sport magari. Ora come ora l’unico vantaggio è che non ho niente da perdere, quindi qualunque cosa potrà portarmi solo vantaggi. Ho voglia di andarmene di qui e diventare ciò che ho sempre desiderato, essere forte e reagire a questa vitaccia. Quali sono i primi passi che potrei fare? Il vostro supporto è stato di grande conforto. Grazie veramente di cuore.

  7. 7
    david -

    Se hai l’età Thai-boxe/Boxe/JiuJitsuBrazilian immersioni,mare,montagne.Pensaci però segui sempre il tuo istinto,ascolta il tuo istinto non far cose per far piacere ad altri.Io x esempio faccio boxe,krav maga,Systema-russian martial arts,poi tornerò ad immergermi e forse un pò di surf ma è passato tanto tempo.ciao e ricorda il motto dei marines “SEMPER FIDELIS”

  8. 8
    Rayman -

    Penso che la muay thai sia una buona scelta. ci penserò sicuramente.

  9. 9
    Irene -

    Ciao, ho letto con molta attenzione la tua lettera. La tua situazione è molto complessa e per uscirne la strada è lunga, tortuosa ma con tanta forza potrai ritrovare la serenità. Non concentrarti sul passato, su quello che ti è stato fatto o detto: quello che conta è solo il presente. Venirne fuori da solo credo sia un’impresa molto difficile e non te lo consiglio. Tutti noi abbiamo delle risorse e degli strumenti che possono aiutarci a vivere meglio. Gli attacchi di panico non passeranno da soli, soprattutto se vedi che c’è un aumento e te lo dico perchè conosco bene queste cose. La psicologa che hai contattato non era quella giusta se non ha saputo aiutarti, inoltre i primi periodi di terapia possono anche momentaneamente peggiorare le tue emozioni. Gli attacchi di panico possono diventare invalidanti e impedirti di uscire di casa! Quindi rifletti sugli strumenti che hai: amici, lavoro, sport, hobby e cerca una figura competente che ti segua nel tuo cammino, trovare la persona giusta non è facile, un terapeuta non vale l’altro.

  10. 10
    Antoniello -

    Ciao , hai risolto questo trauma pesantissimo ?? Perché in tal caso ,ti consiglio di sottoporti all’ Emdr, .documentati sull’ Emdr .e trova una psicoterapeuta. Cmq il consiglio che ti do , sei molto consapevole, accetta ciò che è stato x qnt difficile è pesante sia , xk accettando con i tuoi tempi, noterai che fuori dalla tua famiglia c’è un mondo poco pericoloso e che nn tutti sono così cattivi scoprirai che c’è gente buona è che ti rispetta, ma impara a rispettare te stesso così che gli altri possano portarti rispetto .bacioni😊

Pagine: 1 2

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili