Salta i links e vai al contenuto

Io e il suo spazio..

Lettere scritte dall'autore  

Ciao a tutti, è la prima volta che scrivo qua. Vi racconto in breve: Io e il mio ragazzo stiamo assieme da un anno e qualche mese, io ho 18 e lui 20 anni, e siamo entrambi abbastanza maturi. Lui è un ragazzo che ha sempre cercato la storia seria, io no, ma con lui ho cambiato idea. Sono molto innamorata, lui anche. All’inizio abbiamo avuto dei problemi per colpa mia, e anche per la sua gelosia troppo morbosa (venuta per colpa delle ex psicopatiche) ma adesso va tutto per il meglio. Lui ha molti problemi a casa, a causa della malattia di suo padre, e di una conseguente madre troppo nervosa e problematica. E a causa di questo spesso è nervoso con me, ma lo capisco. Non riesce a trovare un lavoro e questo anche lo deprime abbastanza. Ieri mi ha detto che vuole i suoi spazi, perché pensa che stare assieme tutti i giorni porterà ad annoiarci entrambi. Sul momento mi sono disperata perché sono troppo sensibile, stamattina ho capito che ha ragione. Avevo una compagnia di persone, che un po’ perché volevo stare sempre con lui, un po’ perché non mi piacevano come persone ho perso, mi è rimasta la mia migliore amica, qualche amica-conoscente e un gruppetto condiviso con la mia migliore amica… Penso che inizierò a uscire più spesso con loro, per avere Io più libertà e per lasciar respirare lui. Un altro dubbio è che da parecchi mesi non mi dice più ti amo, so che è solo una parolina, ma mi sono scoperta una gran romantica e queste cose un po’ mi mancano. Datemi voi qualche consiglio, io so cosa fare, ma sono impreparata e troppo presa per avere la giusta lucidità.

L'autore ha scritto 12 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

7 commenti

  1. 1
    sarah -

    credo che avere ognuno i propri spazi possa solo giovarvi a patto che non vi trascuriate,per quanto riguarda il ti amo anche per me è importante ma spesso motli se lo dimenticano perchè credono sia superfluo invece,soprattutto nei momenti di difficoltà anche una parola fa tanto,tu glielo dici?e lui cosa ti risponde?diglielo tu per prima se non te lo dice fagli capire che è importante non dimenticarsi mai di dirselo a vicenda perchè non vuoi essere come quelle coppie che alla fine non si dicono più nulla,è un piacere invece sentirsi dire ti amo e dirlo anche,io ho un amica che sta ocn uno che non lo dice mai,molto chiuso,all’inizio lei lo capiva,è carattere,ma ora la sua freddezza la fa soffrire,carattere o non carattere se ami qualcuno non c’è alcun motivo per non dirlo.

  2. 2
    Paolo25 -

    IL “ti amo” non è per niente una parolina come dici tu anzi è il donare se stessi ad un’ altra persona…se non ti dice niente da tanti mesi considera la situazione e riconsidera lui e i suoi amati spazi visto che secondo me avere la propria lei è avere con sè tutto lo spazio del mondo…mi fermo qua non voglio ricordare più niente

  3. 3
    Poulain -

    sarah:penso che sia giusto,mi trovo parecchio in difficoltà sono molto debole,e ho paura di mandare tutto all’aria,anche essendo giovani ci siamo detti piu’ volte che nonostante tutte le difficoltà vorremmo poter trovare un lavoro e andare a vivere assieme,ma sarà in grado di non annoiarsi con me?capisco che stare dei pomeriggi a casa(dei suoi)alla fine ci si ritrova davanti al pc o a vedere la tv,anche se io passerei le ore a parlare,ma sono donna :)secondo voi è meglio che aspetto un pò a chiedergli se sarà in grado di volermi bene e accettare qualche difetto anche di annoiarsi,perchè io spesso mi annoio ma cerco sempre di rimediare,l’importante è stare con lui e bene…penso sia meglio dargli il suo spazio,che le cose vadano un pò meglio,forse ora si sente un pò con il fiato sul collo, e poi una sera magari parlare di ste cose,magari parlandogli del futuro potrei mandarlo in crisi? che vita.

  4. 4
    sarah -

    se parli a un uomo e questo scappa è un vigliacco,col tuo uomo dovresti sempre sentirti libera di parlare di qualsiasi cosa,è basilare per la coppia,se qualcosa ti crea disagio,diglielo,con tatto ovviamente ma diglielo.

  5. 5
    Poulain -

    No non scappa mai,fino a questa settimana andava tutto per il meglio,l’unica cosa è che penso di aver sbagliato io, a dare tutta me stessa,a non prendermi i miei spazi…forse sono diventata troppo ossessiva…qualche sera fa quando abbiamo parlato dei nostri spazi io ho condiviso in pieno il suo discorso e nonostante mi sembrasse giusto,ho iniziato a piangere,ultimamente lo faccio veramente troppo spesso,penso che per quanto una persona ti voglia bene dopo un pò sia pesante,lui ha tutti i problemi del mondo(veramente)e nonostante ciò cerca di essere tranquillo.Lo vedo diverso da una volta…il padre è molto malato,e la madre gli ha detto che molto probabilmente dovrà prensere il suo posto,ma lui vuole fare un altro lavoro.e lo capisco,io,anche essendo un inguaribile pessimista,cerco sempre di vedere il meglio,e lo rassicuro. Un esempio ieri ci siamo visti,dovevamo fare una visita dentistica assieme,è arrivato tutto nervoso perchè la madre aveva detto che l’appuntamento era alle 3 poi all’ultimo gli aveva detto alle 4 e lui si era organizzato con amici,quindi aveva tutto scombussolato,siamo andati a sederci un pò per aspettare si siede su una panca sopra il suo marsupio,dove c’era la macchina foto,e la rompe..inizia ad imprecare io mi dispiaccio gli dico di tranquillizarsi tanto ormai il danno è fatto,e che la possiamo poi portare a riparare,o almeno a vedere se è possibile.Ma non è servito a nulla. Ogni gesto che fa lo porta a intristirsi,a incazzarsi,capite che è veramente difficile.
    Oggi e domani lavora,pensavo una sera in cui è libero e non stanco,di andare da lui,arrivare con due belle pizze e preparare una bella tavola..una piccola sorpresa..dicendogli che da quel momento cercheremo di riniziare tutto al meglio..e poi film?potrebbe andare? Scusate se scrivo tante cazzate ma ho bisogno di conferme..

  6. 6
    Paolo25 -

    Sara sbagli quello che hai detto non è corretto…anzi il contrario nella stessa situazione era lei che si annoiava con me e io invece le dicevo…amore con te anche in cantina ma sempre con te per me importa questo…non fare di tutta l’erba un fascio

  7. 7
    sarah -

    @paolo
    non ho capito il tuo commento e non dire a me di non fare di tutta l’erba un fascio quando in un altra lettera scrivi che siamo tutte viziate e dobbiamo crescere…

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili