Salta i links e vai al contenuto

È assurdo non poter dire al giudice che c’è un errore

Lettere scritte dall'autore  rbaedilizia
La lettera è pubblicata a Pagina 1

L'autore ha scritto 3 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

54 commenti

Pagine: 1 2 3 4 5 6

  1. 21
    diomede -

    Ho patito un’ingiusta detenzione di tre mesi, poi la vicenda è andata prescritta e non per causa mia, ora siccome secondo i giudici sono scaduti i termini di presentazione della richiesta di riparazione, per colpa del lassismo degli avvocati che sono codardi e non vogliono andare contro i giudici, ebbene io dovrei prendermelo in quel posto, qualcuno ne sa qualcosa e mi può aiutare?

  2. 22
    diomede -

    Possibile che nessuno mi sappia consigliare,allora per 3 mesi di carcere ingiusto deve finire tutto alla Napoletana: chiha dato ha dato e chi…

  3. 23
    Tizio -

    A mia moglie un processo per un passo e durato21 anni,avendo ragione a perso la causa,ci sono troppi mastruzzi nella giustizia, bisogna riformarla.
    20/11/2014

  4. 24
    diomede -

    te lo dico io quando finirà; finirà quando il poplino bue si ritroverà con il cul…, il sedere per terra al punto di sbattere anche le pal…, allora forse ci si sveglierà, io mi sono fatto 3 mesi di guardina nella casa circondariale locale per una vicenda simile alla tua, ma non per la vicenda in se, perchè io ho avuto la forza di prendermi la responsabilità di alzarmi, far scostare il mio avvocato, avvicinarmi con indifferenza al giudice e mollargli 2 sganassoni che ricorderà per tutta la vita, 3 mesi di vita spesi bene e devo dire che in carcere quando hanno saputo perchè ero li, i soliti abituè mi hanno accolto con rispetto e simpatia, cominciamo a prendere a calci questi giudici, vediamo se mettono in carcere 1, 10, 1000, un miglione di persone?!… e ne avrei ancora da dire

  5. 25
    Antonio -

    La mia vicenda è stata raccontata in un blog, http://www.lamiagiustizia.it. Vogliamo davvero fare qualcosa davanti a questa giustizia che non ci garantisce?Uniamoci e andiamo a fare campagna di sensibilizzazione davanti alle scuole, ai comuni.. non lasciamo che certi giudici continuino a comportarsi in maniera irresponsabile… facciamo capire, soprattutto, alle nuove generazioni quella che, secondo noi, è la vera realtà della giustizia in Italia e in Europa

  6. 26
    diomede -

    sono daccordo con fedele mario, io con tribunali giudici e avvocati ho a che fare da 20 anni e se qualcuno vuole consigli sul come difendersi un pà da questi cialtroni, i miei suggerimenti sono gratuiti.

  7. 27
    diomede -

    i soliti giudici, che si credono soloni, onnpotenti, depositari del bene e della risoluzione di tutti i mali, io invece sono dell’oppinione che dal 1992 cioè da mani pulòite l’italia ha cominciato a declinare, sarà un caso?, una coincidenza?, è mia oppinione personale che questi giudici “porci” (e mi assumo la responsabilità della qualifica che gli sto dando) siano la vera causa del lento ed inesorabile declino dell’italia, ma scusate, chi volete che venga ad investire in Italia se alla mattina si sveglia un giudice comunista o fascista che sia, e gli stai sui coglionii, così ti chiude baracca e burattini dal mattino alla sera, senza poi prendersi alcuna responsabilità, si perchè se questo fa una cazzata, non la paga, la paghiamo noi per lui, pensate solo al caso Cucchi, ammazzato di botte, quando era davanti al giudice che non può non averlo visto “nero” ed emaciato, gonfio di legnate, cosa ha pensato in quel momento, che era caduto dalle solite scale?! Ripeto i giudici sono tutti dei maiali e dovrebbero fare la stessa fine dei suini, cioè “insaccati”

  8. 28
    Antonio -

    Ciao Diomede,
    ritengo che tutto ciò che noi diciamo è poco significativo e, cade nel nulla. Dobbiamo fare quella che, secondo me,è la vera “Pubblicità Progresso”, andare nelle città dove i giudici hanno emesso le nostre sentenze, davanti alle scuole, davanti i tribunali stessi, davanti ai comuni e, distribuire volantini per fare una campagna di sensibilizzazione rivolta soprattutto alle nuove generazioni, parlare con loro, facendogli capire quella che è la vera realtà della giustizia in Italia, quella che noi abbiamo subito e, che vogliamo nel futuro mai più accada.Se siete d’accordo su questa linea, potete contattarmi sul mio sito http://www.lamiagiustizia.it

  9. 29
    diomede -

    Egr.o Antonio io l’hò già fatto e mi appresto a rifarlo ancora , la vigilia di Natale con l’aiuto di alcuni “patrioti” spargerò 15.000 volantini per tutta la mia città (modena) e hai voglia dopo che questi giudici scomodino il sindaco e compagnia bella, faranno fatica il giorno di Natale a trovare uno spazzino che giri per la città a raccogliere i volantini, e immagino che un pò di risalto la cosa lo avrà anche perchè poi in casi del genere si innesca il passaparola, e che mi querelino sti fanfaroni…

  10. 30
    Antonio -

    Ciao Diomede,
    mi fa piacere sentire che stai prendendo insieme ad altri patrioti questo genere di iniziativa. E’ l’unico modo per farci sentire visto che a livello istituzionale sono tutti sordi quando si parla della realtà della giustizia.Vivo a Rubiera ma, in quel periodo non sarò nella zona, altrimenti mi sarei unito volentieri a voi. In ogni modo, se vuoi contattarmi attraverso il mio sito http://www.lamiagiustizia.it, che ho appositamente creato per il mio caso, potremmo organizzarci e prendere altre iniziative per sensibilizzare le persone su quella che è la vera realtà della giustizia in Italia e in Europa.

Pagine: 1 2 3 4 5 6

Lascia un commento

Massimo 2 commenti per lettera alla volta

Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso browser (da qualsiasi browser e dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili