Salta i links e vai al contenuto

Cosa dobbiamo mangiare non ce lo devono dire i dottori

Mi rivolgo a voi che come me avete saggiamente deciso di non seguire quest altra follia fomentata della dieta vegana o vegetariana, mettendo da parte principi etici artificiali o spinte mediatiche che da ogni dove cercano per forza di inculcarci in testa l idea che nutrirci come delle capre possa farci stare meglio oppure possa in qualche assurdo modo migliorare la vita su questa terra. Volevo chiedervi se per caso avete sentito parlare di alessandro panzironi.

Colui che ha scritto il libro life120 dove ora lo dico in parole povere… spiega la sua dieta basata su carne pesce frutta e verdura mi sembra dando un po’ di prominenza alla verdura ed alla frutta,. cosa che sono d accordo, da mangiatore di carne non disdegno la verdura anzi ne riconosco i benefici, ed elimina quasi totalmente i carboidrati, pasta pane biscotti ecc. quelli si! che sono il vero veleno, la cosa che ha portato il più delle malattie dell alimentazione all umanità fin dalla scoperta dell’agricoltura… un alimentazione basata su un carico di zuccheri inutile e dannoso a molti apparati dell organismo, non la carne! Poi è chiaro che chi si è sparato hamburgher al giorno per una vita alla fine abbia contratto malattie anche con quella ma questo e un altro conto..

Ora voglio dire.. arrivo al punto..

Con tutto il rispetto che nutro per la scelta dei veg. (cosa che spesso non fanno loro), mi ero accorto spesso dello sbilanciamento mediatico a favore dell’alimentazione veg. Falsità delle informazioni, programmi televisivi dove dalla parte dei carnisti ce sempre il macellaio ignorante o vissani che se ne esce con le sue sparate da burino o la vecchia di borgata, invece di mettervi dottori perche ce ne sono!! come quello sopra citato, o esperti in materia, ed invece dalla parte dei veg ce sempre innanzitutto la strafiga di turno, e poi dottori zelanti ricchi di nozioni che sanno ne di me e ne di te ma poi dette in quel contesto fra una cazzata e una cosa giusta risultano vere.

E poi.. ed eccoci arrivati parliamo di wikipedia, dove alla voce vegetarianesimo una sfilza di pseudonozioni incita a tal punto l’utente a propendere per la scelta che qualcuno si e azzardato a scrivere come “NOTA TECNICA” (ANDATE A VEDERE SE VOLETE) CHE LA NEUTRALITà DELLA VOCE NON E GARANTITA poiché non sono state indicate, esaurientemente le controindicazioni della scelta non vegetariana o i lati positivi della scelta carnista.

E meno male che si è limitato a dire questo!!! perché cari miei, il dottor alessandro panzironi che prima era anch’egli su wikipedia… E STATO CANCELLATO DA WIKIPEDIA!!! CANCELLATO!
La sua voce e stata eliminata… ora voglio dire quale bestemmia avra detto quest uomo per essere eliminato dall’enciclopedia mondiale più grande ed asservita al sistema di ogni!.. su wikipedia ci sta qualsiasi imbecille sulla faccia della terra, guru religiosi, professatori di fedi personaggi sportivi inutili gente pure che ha fatto i danni.. ma no il propagatore della infernale dieta che include carne non ci poteva stare, meglio di no, dovesse risvegliare le menti della gente e far fallire chissà quale macchiavelico progetto inoculazione di un senso di colpa nelle menti della gente così cominciamo a vivere ancora più imparanoiati e malmessi di quanto già siamo e il sistema ci gioca bene su questo stato d animo generale! o magari ancor peggo far crollare chissa quale megalitico progetto industriale dietro alla diffusione della dieta veg.

Cari amici veg, parlo solo ai fomentati chi fa la scelta e se ne sta per cavoli suoi rispetto ma ai fomentati, non vi sporcate il cervello di cagate etiche, l’etica è sempre stata un mezzo per indebolire l uomo, se amate la natura amatela per quello che è, non un prato fiorito e dolci rumori di uccelli ma anche carcasse che nutrono altri corpi., e per quanto riguarda l uomo non ce bisogno di fare molti ragionamenti, te lo dice la natura quello che devi papparti e non ce legge o scienza, non ce etica, qualsiasi ragionamento artificioso e indotto per interesse o esaltazione, informarsi., svegliarsi, riprendersi, stiamo finendo male ci mancavano anche i sensi di colpa ora, già non usciamo più perche il lavoro e diventato un lager legale dove perdere la proria esistenza, ora ci mancava solo che se mangio carne mi sento un criminale o sono convinto di contrtarre tumori, e un giorno magari andando avanti di questyo passo riterro illegale farsi anche solo una passeggiata in un bosco perche potrei disturbare gli uccellini che dormono. Signori miei la natura si rispetta in un altro modo amandola per cio che e non per cio che immaginiamo che sia, una specie di visione disneiana.

Saluti.

L'autore ha scritto 15 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Attualità

7 commenti a

Cosa dobbiamo mangiare non ce lo devono dire i dottori

  1. 1
    Yog -

    Boh, che devo dirti. Anche la narda rientra nelle cose vegane, però ‘mi cuggino dice che nun fa bbene. Nun so, so’ cunfuso.

  2. 2
    Flower -

    Boh! Io farei comunque quello che me pare. Che m’importa a me!?

  3. 3
    Yog -

    Quindi io è Flower c’annamo a sbronzà assieme. Se vuoi venire, nun c’è problema, checcifrega annoi?

  4. 4
    Gabriele -

    La dietà deve essere bilanciata. Io personalmente cerco di prendere tutti i nutrienti possibili anche cercando di seguire le RDA (DOsi Giornaliere Raccomandate) che però è molto difficile. Tuttavia i vegani, comprano prodotti vegani, hamburger vegani di soia, seguiti da una lista infinita di additivi di cui molto spesso se ne ignora l’importanza all’interno della ricetta del prodotto, e soprattutto non si sa l’origine degli additivi: di sintesi o di origine naturale?. Oppure mi è capitato di riscontrare un contenuto quasi in ogni prodotto formulato per la dieta vegana la presenza di Glutammato di sodio e/o suoi derivati. La carne, invece una volta, subita la cottura e la reazione di Maillard dovuta ad essa non necessita più di aromi o Glutammato per aggiustarne il gusto, o comunque la pietanza in sè.

  5. 5
    christian -

    Poverino, hai scritto una marea di cretinate,tu quando nanfi carne, Fai fare il lavoro sporco agli altri mica cacci con.la balestra

  6. 6
    Rossella -

    A precindere da tutto il resto penso che solo rispettando le regole prescrittive e quelle descrittive, come si dice in gergo, ce ne vediamo bene. Anche se non fossi cattolica apostolica romana, da credente, mi verrebbe naturale rispettare le gerarchie perché mi consentono di trovare armonia. Anche nel mio privato se un familiare ha mancato di rispetto a mio padre o a mia madre io chiudo nella consapevolezza che un giorno riavrò il centuplo, in questa vita o nell’altra… perché sicuramente fa piacere sapere che un nipote mette a disposizione il suo talento per dare prestigio alla famiglia. Quando la persona si trova da sola con sé stessa matura un’affetto che spesso non cambia le cose. Io non sono nessuno per stabilire dove sta il torto e dove la ragione. Ma tanti miei amici hanno ricevuto un’eredità perché la coscienza esiste. Io non voglio niente, ma questa verità fa stare bene me e fa stare bene anche gli altri. Questa cultura è nemica del progresso… infatti tante zone del mondo restano il fanalino di coda dell’economia dei loro paesi. Ma il benessere sta anche in quel poco.

  7. 7
    Rossella -

    Si tratta di un fatto innato. Quando s’incontra un sacerdote che non insegna la parola di Dio si prega per lui, ma siccome viviamo nel 2017 ci si dedica ad altro senza mai dimenticare che solo Dio è degno di lode. Noi dobbiamo essere umili perché la chiesa è stata voluta da Dio, ma se qualcuno , con docilità, cerca di sottometterci dobbiamo riconoscere che lì non che la mano del Signore e pregare per la santità dei sacerdoti. Il sacerdote deve mettere in conto la discontinuità del nostro credo, lui (non noi) ha scelto di seguire Cristo sulla via della castità, della povertà e dell’obbedienza. Si è consacrato. In secondo luogo il privato non dovrebbe diventare il pretesto per creare altri idoli che sottomettono con il potere. A quel punto il discorso che ho fatto all’inizio si ribalta perché la gerarchia è campata in aria.

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili