Salta i links e vai al contenuto

Come posso infangare una persona egoista?

Salve a tutti,
ho 19 anni e un mese e mezzo fa circa, ho conosciuto un ragazzo che ha la mia stessa età. Ci siamo visti 5-6 volte perché con il lavoro che faccio l’unico giorno libero per me è il lunedì.
Lui va ancora a scuola (fa il serale).
Quando l’avevo conosciuto non aveva una bella reputazione, insomma la sua ex lo sputtanava, e lui mi raccontava le cattiverie che lei gli diceva. Si sfogava, ecc.
Conoscendolo sempre di più, credevo che lui fosse una di quelle persone brave che era capitato con gente sbagliata, lo consideravo un ragazzo straordinario, eccellente, pronto ad aiutarti, gentilezza a mille, ecc.
Mi sono detta:”wow, che ragazzo d’oro.”
Premetto una cosa, nè io e nè lui proviamo qualcosa che vada più in là dell’amicizia, lui ha solo detto che mi considera una bellissima ragazza, punto. Non ci ha mai provato, su questo ne sono certa.
Ha sempre vantato di essere un bravo ragazzo, che non faceva soffrire, che non diceva mai bugie, ecc.
Si lamentava sempre che non aveva amici, che tutti lo abbandonavano, che nessuno lo cagava, ecc.
All’inizio non ci ho dato peso, io sono una persona che non giudica alla prima apparenza, prima conosco una persona e poi la valuto, mi metto anche nella sua posizione, cerco di capire perché ha fatto una determinata cosa, ecc. Insomma, prendo bene in considerazione moltissime cose.
Quasi ogni giorno non faceva altro che raccontarmi ogni minima cosa del suo rapporto con la sua ex in cui lei le diceva tantissime cattiverie, anche sul fatto di essere viziato, di aver sempre avuto tutto e di essere irrispettoso. Tra me e me dicevo:”ma come può aver detto certe cose? a me lui sembra una brava persona”.
La sua ex non era l’unica persona a pensarla così, ma anche altra gente.
Tra me e lui è sempre andato tutto bene fino a quando si parlava dei suoi ”problemi”.
Da circa due settimane ha cominciato seriamente a infastidirmi il fatto che lui è una di quelle persone che vuole solo attirare l’attenzione, anche a costo di parlare sempre delle stesse cose.
Io soffro di bulimia da quando avevo 14 anni, ho tentato 3 volte il suicidio, mia madre è scappata di casa quando avevo 14 anni, vivo con mio padre e i suoi genitori che mi trattano di merda ogni giorno, faccio un lavoro che odio con tutta me stessa, non ho un soldo, eppure non mi lamento mai con lui di tutto questo, MAI!
Lui al contrario, ha una famiglia che lo ama e che lo appoggia in ogni santissima scelta che fa, è tra i più bravi a scuola, ha un ottimo stile di vita con il cibo e lo sport, i pochi amici che ha lo adorano, e vi giuro che lui non fa altro che lamentarsi di avere una vita di merda, che nessuno lo capisce. Lui sa della mia situazione di vita, ma sembra sempre che i suoi siano problemi più gravosi dei miei. Si lamenta che non riesce a trovare una ragazza con i capelli rossi lunghi, labbra grandi, occhi scuri, mani piccole, con altezza medio-alta, pelle bianca, unghie con sempre lo smalto addosso, bel culo, tette prominenti, e con un bel fisico ma con un pò di pancetta.
E’ una cosa veramente stupida da sentire, si lamenta di tutto. Non si sa accontentare, non conosce i veri problemi della vita, non lo dice esplicitamente ma offende di continuo la gente che vive nella nostra città, dando della zoccola e troia a destra e manca. Io devo sempre salvarlo, lui al massimo mi avrà dato 2 consigli per un massimo di 10 minuti.
Non mi chiede mai come sto, sono sempre io che glielo chiedo e la risposta che mi dà sempre è:”sono triste.”.
E che palle! e io cosa dovrei dire? non mi sento più un’amica, ma una specie di crocerossina pronta a salvarlo.
Sono io che devo dare forza a lui, quando in realtà se devo proprio dirla tutta, sono io ad averne bisogno. Non chiedo mai niente, e lui mai che si preoccupa se ho bisogno di parlare di qualcosa, se va tutto bene.

Il bello arriva adesso. Lui mi ha sempre e solo detto che sono una ragazza eccezionale, che grazie a me è rinato, che l’ho aiutato un sacco, che so dare ottimi consigli, che sono perfetta, che sono l’unica ragazza ad averlo capito davvero. Una sera, mentre stavo chattando su facebook con lui, decido di andare sul suo ask ( per chi non lo sapesse è una specie di social network in cui puoi fare domande a una persona, sia in forma anonima sia se pure tu hai un account ask), e leggo una domanda che gli hanno appena fatto:”Quanti amici hai?” e lui:”Nessun amico, non mi capisce nessuno, non mi caga nessuno, non mi scrive mai nessuno, e io odio tutte le persone che abitano in questa città.” – La domanda seguente (sempre mentre io e lui stavamo chattando) è stata:”Posso scriverti adesso?”, la risposta di lui è stata:”Sì, scrivimi adesso, tanto non mi sta scrivendo nessuno, sono da solo e non so che fare, mi annoio.” Io da lì ho capito che fosse un ragazzo abbastanza falso e alla ricerca di attenzioni.
Nei giorni seguenti gli viene fatta la domanda di come avrebbe passato il compleanno, e lui risponde:”Non farò nulla, nessuno vuole uscire con me” – cosa molto falsa, perché esattamente una settimana prima che gli venisse fatta questa domanda, io gli avevo detto che la sera saremmo usciti a cena insieme per festeggiare il suo compleanno. E leggendo quella risposta mi sono sentita offesa.
I giorni in cui ci vedevamo, lui scriveva sempre che non aveva fatto niente di speciale, che era andato a farsi un giro in bici, specifica sempre che è da solo. Però, quando esce con altri amici, dice sempre che si è divertito un mondo con loro. Allora, perché solo con me vuole nascondere tutto?
Oggi è il suo compleanno infatti, e alla mezzanotte appena scoccata mi sono fatta un autoscatto con la webcam in cui sorrido e metto una scritta con gli auguri, e gliela invio. Lui mi ringrazia e mi dice che tanto sono l’unica che lo caga e che nessuno gli aveva fatto gli auguri. Io mi sento offesa, ma lui continua a dirmi che è triste perché nessuno ancora gli ha fatto gli auguri (erano appena le 00.15), e poi ha cominciato a dire:”tanto domani sarà una giornata di merda, la passerò da schifo, e io gli dico:”potrei offendermi adesso, sai?” ho cercato in mille modi di ritirargli su il morale, ma niente. Così me ne sono andata a dormire.
Stamattina mi ha scritto dicendomi che era felice perché gente che non lo conosceva gli ha fatto gli auguri, e gli era tornato il buon umore. Ma io dico, mi prendi per il culo? Mi sono fatta il mazzo ogni giorno per renderti felice, per aiutarti, per esserti una buona amica, e questi sono i risultati? Non mi chiede nemmeno scusa, no, non si accorge nemmeno di aver sbagliato o di avermi offesa.
In più stamattina ho letto una domanda che gli hanno fatto:”Cosa farai oggi?” E lui:”Niente, mi hanno tutti abbandonato, non farò niente, sto da solo, tutti i miei amici e amiche mi hanno dato buca, e stasera me ne sto a casa con la mia famiglia” MA CHE CAZZO DICI? LA SERA SIAMO GIA’ IO E TE CHE USCIAMO, CHE CAZZO RACCONTI IN GIRO?
Mi ha rotto le balle con tutte queste cazzate che racconta in giro, perché è veramente falso. Si lamenta della gente che non è gentile con lui, e quando qualcuno lo è si lamenta.
Io adesso ho deciso che stasera non mi presento, così gli faccio vedere veramente che cosa vuol dire essere abbandonati, magari lo capisce.
Mi fa sentire inutile come persona, sono io che nonostante tutti i problemi che ho, devo stare dietro alle sue stronzate, senza che lui si preoccupa se sto bene.
Se per un giorno non ci sentiamo, scopro che ha scritto che una persona amica non sparisce da un momento all’altro ma si fa sempre sentire (rivolto a me, ovviamente). Ma se mi capitasse qualunque cosa? Se per caso mi fosse successo qualcosa di grave? Non ti preoccupi? Non è questo che fanno, invece, i VERI AMICI?
in più sono in terapia con psicologa e dietista, ma vigliacco se mi chiede qualcosa. Esiste solo lui.

Ora vorrei chiedervi che cosa posso fare con questa persona.
Gli devo parlare di tutto questo, oppure sto in silenzio? Tanto in un modo o nell’altro dice sempre che lo hanno abbandonato. Ma io vorrei un consiglio, lo lascio perdere oppure provo a vedere la situazione in un modo diverso?
Però sono stufa, io vorrei che almeno si interessasse alla mia vita come io faccio con lui, è sempre il primo che parla di amicizia e poi è il primo che si mette al centro dell’attenzione. Ignora e offende la mia personalità, davanti a me dice che la cosa peggiore è non festeggiare il compleanno. Queste cose le dici a un viziato come te, non di certo a una persona bulimica come me, razza di idiota. E’ maleducato, e non ha rispetto dei problemi più gravi, anzi, vorrebbe averceli lui per essere ancora più al centro dell’attenzione.

Ditemi che cosa posso fare. Lo credevo un bravo amico, e invece.
Io ho sempre creduto nell’amicizia, come nell’amore.
Come ho detto prima, mi sento una crocerossina e non un’amica.
Più faccio del bene verso di lui, e più leggo che lui odia tutti e che non ha amici, e quei pochi che ha lo abbandonano sempre.
Datemi un consiglio in cui posso trovare soddisfazione, oppure un modo per farlo smettere di sentirsi il Dio, perché io così non ne posso più. Più che altro trovare un modo in cui lui si possa pentire di avermi offesa e di rendersi conto che in realtà è lui il coglione.
Grazie mille in anticipo.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amicizia

2 commenti a

Come posso infangare una persona egoista?

  1. 1
    roxana -

    Ciao, stai dando tanta importanza a questa amicizia…e questo già significa molto.
    Non dovresti vendicarti nei suoi confronti, credimi infangare qualcuno è qualcosa che al momento ti fa sentire soddisfatta, ma dopo un po ti logora.
    Se tieni a lui cerca di parlargli…inizia ad esporre il tuo sfogo o semplicemente potresti dirgli che non è il solo ad avere problemi nella vita. Nonostante il suo “ego” anche lui ha due orecchie….di capire capirà!

  2. 2
    Lenore -

    Anche io sono daccordo con Roxana. Infangarlo e vendicarti non ti darà nessuna soddisfazione. Conosco anche io gente come lui, sempre focalizzata solo su se stessa. Forse la sua situazione personale non è così rosea come pensi e pur avendo tutto gli manca proprio quello di cui ha bisogno (magari l’attenzione dei genitori? Non so, sto ipotizzando).
    Quello che a mio parere devi fare tu è chiederti perchè tieni tanto a lui, prova a chiarirti le idee su cosa lui significhi per te (perchè lo consideri un amico se lui ti tratta così??) e agire di conseguenza: o non gli badi più e pensi alla tua serenità, o gli parli chiaramente spiegandogli cosa lui sia per te e il male che ti fa il suo disinteresse per i tuoi problemi.

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili