Salta i links e vai al contenuto

Casa negata ad una coppia di cui il marito è disabile

Racconto un episodio a dir poco spiacevole che è capitato a me e a mio marito.Ecco,siamo una giovane coppia felicemente sposata da un anno è mezzo facciamo non poca fatica a cercare una casa in affitto(per adesso un parente di mio marito che abita in un’altra città ha messo a disposizione la sua casa) che sia accessibile per chi come mio marito è costretto a vivere su una sedia a rotelle.
Giorni fa trovo finalmente una casa molto carina e soprattutto accessibile specie l’androne di casa,ascensore etc.. chiaro che dovevamo apportare delle piccole modifiche ma non c’erano problemi.
Chiamo quindi la padrona di casa per fissare un appuntamento per andare a vederla,non specifico che mio marito è disabile(non per nasconderlo anzi…), quindi ci vado una prima volta ,da sola, per constatare che l’appartamento fosse accessbile,la padrona si rivela molto gentile,disponibile ma era solo TUTTA apparenza;si,perche’ quando ci ritorno con mio marito perche’,giustamente,voglio che la veda prima di decidere,la signora mi fissa un altro incontro con mio marito ma quando ci andiamo subito entusiasti e con l’intenzione di prenderla quella casa piccola,carina adatta alle esigenze di mio marito anzi ci sembrava quasi un miracolo di averla trovata quando la signora inizia a essere titubante,perche’…insomma ci ha fatto capire che non l’avrebbe affittata a noi perche’ aveva anche una mezza parola con altre persone,cosa non vera perche’ lei aspettava la nostra di risposta e poi se ne è uscita tirando una serie dopo l’altra di cavolate.Io sono rimasta da schifo,mi sono sentita umiliata,presa in giro,forse pensava che nè io e nè mio marito fossimo in grado di pagare l’affitto quando mio marito ed io lavoriamo,oppure perche’ la casa ad un disabile non la si affitta e basta!

L'autore ha scritto 13 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Cittadini

1 commento

  1. 1
    enduzzo -

    Immagino come si è sentito tuo marito. Posso comprenderti perfettamente, anche io ho un compagno con disabilità e le discriminazioni, le umiliazioni sono all’ordine del giorno. Con l’umiltà di sapere che cmq si vale per quello che si è, andiamo avanti ma a volte è davvero difficile. In bocca al lupo per la ricerca della casa.

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili