Salta i links e vai al contenuto

Capodanno si avvicina, ma non potrò viverlo con chi amo

Lettere scritte dall'autore  

Il freddo di una casa riscaldata a stento, il cuore pieno di te, i fuochi artificiali che sancirono la fine di un anno pieno di novità….e tu….

Sembrava l’inizio di una nuova vita….

Un altro capodanno si avvicina ma non potrò viverlo ne iniziare un nuovo anno con chi amo ancora.

Non mi sveglierò con te accanto, ma resterò a dormire sul tuo cuscino, nel divano che amavi tanto. 

L'autore ha scritto 26 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

9 commenti

  1. 1
    Rossella -

    Da questo punto di vista le feste rendono malinconica anche me. L’anno scorso, al contrario, ero molto contenta perché ci conoscevano da poco e non sentivo l’esigenza di vederlo perché non mi sentivo pronta. Per entrambi sarebbe stata molto più naturale una storia clandestina, anche se io sono stata sempre contraria. Lo dico per amore di verità. In genere le abituali consuetudini percettive non vengono vissute alla luce della fede, ma alimentano l’insoddisfazione dell’individuo e la sua voglia di evasione. L’amore che si deve rivelare (appare come un frutto maturo) diventa, in età adulta, l’altra faccia dell’amore che si manifesta quando vieni stimolato a riflettere sul significato delle cose dai cartoni animati, dalla narrativa per l’infanzia, dalla musica, oppure, se sei una bambina, dalla tua arte. Accettare questa “passività” in età adulta non è da tutti, alcuni ci riescono perché sostenuti dal loro eccessivo buon senso, e la cosa non è casuale. Si tratta comunque di un dolore. Se ci fossimo conosciuti sui banchi di scuola saremmo stati molto più risoluti perché non avremmo avuto il tempo per riflettere sulle reciproche solitudini. Amiamo la pace e soprattutto starcene in pace, si tratta di un bisogno fisiologico.

  2. 2
    Rossella -

    Ogni volta che facciamo di testa nostra andiamo incontro ad un fallimento, quasi come se tutta la vita si dovesse giocare intorno a due o tre appuntamenti. Io ci sono arrivata da giovane, ma ti posso assicurare che non esiste una grande differenza tra il “playboy fallito” e il ragazzo che accetta la sua condizione con rassegnazione. Io me lo immaginavo così e già mi sembrava difficile riuscire a colmare il vuoto delle sue illusioni attraverso una vita ordinaria e semplificata in cui il protagonista non è il nostro io e di conseguenza non siamo schiavi gli uni degli altri.

  3. 3
    Gabriele -

    Come mai hai scritto 20 lettere?

  4. 4
    Yog -

    Cico, in mezzo al tuo post viene fuori la pubblicità di Divani&Divani. Potresti fare da testimonial, hai le giuste credenziali.

  5. 5
    Cico -

    Ganzo YOG. Ricordi la pubblicità di quel bimbo che strillava al supermercato ? Dopo le inquadrature del genitore rassegnato c’era immagine di un contraccettivo. Ogni volta che incontro, ascolto o vedo qualcuno che a parer mio non ha senso o quasi, penso a quello spot.

  6. 6
    Suzanne -

    Ma no Cico, era trooooopppooo intelligente quella battuta, soprattutto in una lettera personale e intima come la tua. Ecco, pure tu sei banale e mediocre, ma non preoccuparti, siamo tutti in buona compagnia. Possiamo organizzare una festa, secondo me ci divertiremo anche senza narda!

  7. 7
    Yog -

    Ecco la Susy – piccata e rosicona – che vuole ancora fare l’intellettuale de Noantri (luogo del famoso santuario dedicato alle INTELLIGENZE CELESTI). Oppure, in alternativa, la novella genia di Reccalli. Mo’ ti spieco il concetto: il buon Cico, che non è una cima ma almeno è simpatico, ha risposto a una battuta con una battuta, che peraltro mi ha fatto PARECCHIO sorridere. La sua lettera era così personale e intima che tu, essendo intellettuale de Noantri, manco ti sei accorta che ne ha scritte venti con lo stampino. Il fatto è che è VERO che è uscito il banner che ho detto, così come è credibile che l’immagine di un bambino odiosamente frignante al supermercato possa fare quadruplicare la vendita di profilattici. Io ho visto certi bambini che di casse (parlo di scatoloni, non delle casse come quella di… Django) per Capodanno ne ho prenotate ben 8, hanno dovuto fare un ordine straordinario alla Durex.
    Ma tu, si sa, sei intellettuale e incontrovertibilmente PIDDINA.

    E, comunque, no narda no party.

  8. 8
    Golem -

    Oggi ho amato questa frase, che mi sono trascritto per usarla al bisogno: “non esiste una grande differenza tra il “playboy fallito” e il ragazzo che accetta la sua condizione con rassegnazione”.
    Geniale.

  9. 9
    Suzanne -

    Infatti Yog, la battuta di Cico faceva ridere, la tua manco un po’. E Cico ha avuto il buon gusto di mandarti a festeggiare a quel paese con la tua narda, ma con molta simpatia.

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili