Salta i links e vai al contenuto

Apparire è tutto

Lettere scritte dall'autore  

Secondo voi quanto conta, al giorno d’oggi, apparire? L’aspetto fisico e non solo. Anche come uno si pone. Insomma, non come uno è, ma come si pone, come si vende, quanto è importante? Come mai è così importante ed anzi sembra sia quasi l’unica cosa che importa?

Voglio dire per vivere bene devi essere bello. E c’è poco da fare. Se sei bello hai tutto. Insomma, tutto quello che puoi ottenere con l’aspetto fisico. Ragazze, anche amici, perché è importante anche per avere amici essere belli.

Devi apparire, insomma devi vestirti come ci si veste. Secondo la moda del momento. Devi avere gli standard di bellezza necessari, altrimenti sei l’ultima ruota del carro.

Devi apparire sempre “solare” e aperto, e “simpatico” e di compagnia. Perché se sei un poco timido allora non vali un cazzo. Sei vuoto. Vuol dire che sei stupido e non vali niente. Ed a nessuno interessa.

In tutta la mia vita nessuno mi ha mai voluto parlare. Non per più di una volta. Dopo cioè che ha capito come sono. Mai nessuna ragazza che mi abbia mai guardato, non una possibilità. Nessuno che mi ascolti, mai. Vorrei farmi degli amici ma non so come si fa. E finisco per restare in casa, da solo a piangermi addosso.

Potrei anche aghindarmi come si deve, con tagli di capelli alla moda, vestiti firmati e fingere un buon umore che nemmeno so come si faccia. Potrei anche farlo, tanto non ho una personalità. Ma sarebbe come mettere un po’ di gel e del profumo ad un orco ripugnante, e pretendere che sia un principe azzurro. Ciò che nasce merda, muore merda. O meglio, ciò che nasce senza gli standard necessari per essere felice ed accettato in questo mondo, resta così e non ci può fare proprio nulla. Perché purtroppo, l’apparire è tutto, e nient’altro conta.

Ed a tutti quelli che mi diranno che non è vero e cose così. Vi invito di evitarlo. E’ facile parlare, dire, parole, parole. A me, per quanto ne so io, mai nessuno mi ha dimostrato il contrario. Sarà che sono proprio sbagliato io. E so di esserlo, ma tutti quelli che dicono che non è vero, sono dei falsi. O lo dicono solo perché la pensano come me. Perché sono in questa situazione, perché se avessero avuto la fortuna di nascere belli e “fighi” la penserebbero come dico io. Il pensarla diversamente, cioè che l’apparenza non è tutto, è solo uno stupido ripiego per chi non può permettersi di dire che conta solo quello. Perché, ripeto, se fossero fortunati da esserlo, lo penserebbero anche loro.

E, ovviamente, gli stronzi che dicono, seriamente, “devi essere te stesso”. Lo dicono perché “loro stessi” sono amati. E si sentono bene. Perché sono nati bene. Perché “loro stessi” sono esattamente come tutti gli altri. Perché se uno è se stesso ed è sbagliato. Sbagliato per come dovrebbe essere in questo mondo. Se stesso, è meglio che non lo sia. “devi essere te stesso” è la stupidaggine più stupida che si possa dire. A nessuno interessa chi è se stesso, se ovviamente non è bello. E aperto e solare. “Devi essere se stesso” che tradotto sarebbe “devi essere bello, e figo e devi atteggiarti, e devi essere di compagnia e pensare poco e parlare molto” perché se sei così e sei te stesso ottimo, complimenti, vivi bene la tua vita, ti invidio. Se non sei così e sei te stesso. Condoglianze.

Qualcuno è d’accordo, con me, per caso?

L'autore ha scritto 5 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Riflessioni

21 commenti

Pagine: 1 2 3

  1. 1
    filipp -

    Ciao… guarda in parte concordo col tuo discorso in parte no. Secondo me la vera sofferenza nasce quando si vorrebbe una vita che per il carattere che si ha non si può avere. Tutti vorrebbero amici fighi, la compagnia “giusta”, fare quel che il mondo considera doveroso fare per divertirsi quando si ha una certa età, perché questo è quello che la società di oggi ci ha inculcato fin da piccoli. Ma la realtà è ben diversa e variegata… tu ti sentiresti a tuo agio vestito di firma con altre persone come te ad andare il sabato sera nelle discoteche di tendenza a scatenarti fino all’alba? Per il carattere timido e riservato che intuisco hai suppongo di no…. allora perché lo desideri? È un bisogno tuo o un bisogno “imposto”? Risponditi a queste domande. Tutto sta secondo me nell’accettazione di sé stessi per quello che si è. Non vuol dire rassegnarsi ad una vita infelice, anzi è la base da cui partire per costruirsi una vita sociale tagliata su misura per noi, circondandosi di persone a noi affini, con interessi comuni, e modi di divertirsi più idonei al nostro carattere. Il mondo è meno banale e scontato di quello che ci raccontano, guarda che di persone introverse come te e me ne è pieno zeppo il mondo, quindi coraggio 🙂

  2. 2
    IO -

    per quanto mi riguarda la sostanza è importante, l’apparenza non serve a nulla.. ma il vero problema non è cosa pensiamo noi, ma la società in cui viviamo, che ci bombarda solo di apparenza e fa crescere le nuove generazione spostando i valori, dalle cose concrete alle cose futili, se hai e appari sei, altrimenti non sei nessuno.
    viviamo in un mondo fatto di vetrine e gossip..

  3. 3
    jho -

    Concordo pienamente con il commento di filipp, in oltre e veramente importante essere se stessi. Un proverbio “non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace” dunque per avere degli amici o una ragazza non bisogna per forza essere fighi. L’importante è quello che hai dentro che una persona ti giudica come sei e per quello che vali!

  4. 4
    AAA cerco Hope -

    Pienamente d’accordo e te lo dice una ragazza carina ma con una decina di kg in più (seppur normopeso e cmq “normale” a vedermi, non essere molto più snella e non seguire i digiuni che fanno TUTTE le ragazze mi rende una paria).
    Tutti mentono su questo fatto perché, basta che ti guardi intorno, sono tutti normali o bruttini. Devo dire però che in genere ci sono più ragazze carine che ragazzi carini. Anche per questo la bruttezza o la semplice non-bellezza è peggio per una ragazza che per un ragazzo.

  5. 5
    angel -

    l’apparenza conta x molti, x la maggior parte delle persone, ma c’è sempre chi la vede diversamente. ho sofferto x anni xchè mi sentivo diversa dagli altri ma oggi anche se spesso soffro la solitudine sono arrivata alla conclusione che molte delle cose che x gli altri contano non sono tali x me e anche se le avessi non mi renderebbero felice.alla fine ciò che conta credo sia trovare qualcosa che dia senso alla propria vita, che la renda piena ai nostri occhi che non sempre e necessariamente corrispondono a quelli degli altri

  6. 6
    Nathan -

    Per me la bellezza non é un valore assoluto, come ti hanno detto il mondo é vario. Non scegliamo la nostra pelle, la nostra fisionomia, i nostri capelli, se li abbiamo ancora. Non é un merito essere belli come non é una colpa non esserlo. Posso essere d’accordo con te che in questa società l’ipocrisia regna sovrana e magari le persone di bell’aspetto nei rapporti sociali, affettivi hanno meno difficoltà. Ma se non ti ami tu per primo come puoi sperare lo facciano gli altri.. Hai visto quella ragazza sfigurata con l’acido ? Non si é chiusa in un convento a maledire i suoi carnefici ma continua a vivere e combattere. Prendi ad esempio i non vedenti, come fanno ad innamorarsi, a scegliete una persona ? Lo so che ci sono persone che hanno la vita più difficile di altri, ma non possiamo sceglierci le battaglie da combattere. Possiamo scegliere se alzarci ogni giorno con un sorriso e mettercela tutta per realizzare i nostri sogni oppure arrenderci e odiare noi stessi e gli altri. Forse non cambierà nulla ma un domani guardandoti indietro potrai dire: cazzo, almeno io ho provato ad essere felice e non avrai nulla da biasimarti. Non sei solo, ma spetta per primo a te aprire la mente ed il cuore, coraggio..

  7. 7
    rossana -

    a mio avviso, tutti commenti centratissimi. spero possano essere di un qualche aiuto a Ahsk1, che con questa lettera, a mio avviso, ha meglio espresso il suo disagio.

  8. 8
    Angelo9 -

    Purtoppo molte persone si fermano all’apparenza ed e’ fuori di dubbio che una bella presenza e un carattere brillante consentano di raggiungere certe mete piu’ facilmente, tuttavia ci vogliono anche qualita’, capacita’ e virtu’, senza le quali l’aspetto fisico di per se’ non aiuta. La nostra e’ una societa’ sempre piu’ dell’apparenza e dell’estetica, tuttavia credo che a nessuno fa piacere essere apprezzato/a per le sole qualita’ esteriori. E’ lo stesso discorso delle raccomandazioni. Un raccomandato che occupa un posto importante, gode davvero di questo pur sapendo di non averne le qualita’? Ci sono molti a cui sta bene cosi’, a me e a tutti quelli che hanno scritto mi sembra di capire di no. Come ho detto altre volte, non sono alto, non somiglio per niente a Brad Pitt, sono abbastanza timido, ma ho ottenuto la famiglia e il lavoro che volevo. Certamente ho faticato piu’ di altri, ho subito qualche umiliazione, non ho avuto mille donne, ma non era questa la vita che avrei voluto….Non nego che spesso chiedo al Padre Eterno perche’ non mi ha concesso qualche centimetro in piu’ e degli occhi un po’ piu’ attraenti: non ci sarebbe stato niente di male….ma per me va bene cosi’, almeno sono sicuro che le persone che mi apprezzano non lo fanno per il mio aspetto fisico.

  9. 9
    limonene -

    sono d’accordissimo con filipp!

  10. 10
    Cris -

    ci sono dei canoni di bellezza… sia x il fisico che x il carattere. anche gli animali li hanno… è una legge primordiale… nn c è colpa… siamo fatti così.

Pagine: 1 2 3

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili