Salta i links e vai al contenuto

La verità sulla Finanziaria comincia ad apparire

Lettere scritte dall'autore  

Chi tra di Voi era scettico sull’aumento delle imposte da parte delle amministrazioni locali dopo questa bella Finanziaria di Prodi ?

Ebbene, se le parole del viceministro Visco valgono ancora qualcosa, queste persone dovranno ricredersi : in un’intervista con l’Annunziata, arriva finalmente ad affermare un pò di verità ; e cioè dice : “Le lamentele del primo cittadino di Bologna sono ingiustificate. «Ai sindaci sono state date molte opzioni: possono aumentare le imposte se vogliono, diminuire le spese se sono capaci. Possono usare poteri di accertamento e avere le tasse di scopo». Le divergenze si possono appianare, ma la tensione è ancora forte. «Dai sindaci ci aspettiamo solidarietà e comprensione e anche noi siamo disposti a fare tutto il possibile». ……………..

 Finalmente, per la prima volta , un politico di sinistra parla delle vere alternative dei sindaci di fronte a questa bella Finanziaria : aumentare le imposte , diminuire le spese ( secondo me già basse, soprattutto al Sud ) e avere le tasse di scopo; tutte cose, se non erro , sempre negate dal Governo.

 E voi lettori cosa ne dite ?

L'autore ha scritto 32 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Politica

2 commenti

  1. 1
    Ari -

    Io dico che non trovo più nessuno in giro che ammetta di avere votato questo governo.
    (Non dovrebbero essere un paio di decine di milioni?)

  2. 2
    filippo -

    quanto alla Finanziaria, come ho commentato altrove con i fatti, è più che ovvio che essa è ben lungi dall’essere ciò che serve all’Italia; essa è un bacino ai Comunisti, un french-kiss ad alti dirigenti e imprese, un calcio in c**o a funzionari e dirigenti medi, una malriposta liberista speranza che gli enti locali diventino virtuosi e quindi abbattano le spese anziché aumentare le imposte locali, una riaffermazione di vergognose patrimoniali, un mantenimento della spesa centrale dello Stato … alla fine, una soluzione di compromesso, conseguenza della variegata composizione del CSinistra e della situazione dei conti italiani.
    per il resto, credevo che ormai fosse assodato che Prodi non è stato votato perché è fotogenico, ma perché bisognava cacciare l’innominabile da Palazzo Chigi.
    Gianfranco Fini ieri sera a Matrix ha avuto qualche comprensibile difficoltà a sostenere il governo Berlusconi; più facile gli è stato – infatti era mieloso fino allo schifo – fare le critiche al Governo Prodi proprio partendo dai difetti della finanziaria, tant’è che è perfino giunto a definire “vendicativo” il progetto Gentiloni, quando invece lui sa benissimo che è la Legge intitolata al verme Gasparri che è un’indecenza prodotta per gli interessi di Mediaset dallo scambio politico, né più né meno che la proposta di modifica costituzionale voluta dalla Lega.
    compromessi, sempre compromessi in c**o al Paese, compromessi tra 3 partiti a Destra e tra 40 a Sinistra, questa è la sola differenza.

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili