Salta i links e vai al contenuto

L’Anticristo è un bel ragazzo…

Avendo “convissuto” con il diavolo per tanti anni ( anche se in quel momento non sapevo che ce l’ avevo intorno a me ) posso testimoniare che l’ Anticristo non vi si presenterà come un mostro ripugnante, ma come una presenza gradevole e affabile. Per indurvi a fare ciò che lui vuole, userà le sottili armi della seduzione e della persuasione, e non certo la costrizione violenta. Nel presentarsi a voi, vi prometterà grandi doni e numerosi vantaggi se lo seguirete ( cioè se sceglierete il peccato e la falsa libertà ). La sua maggiore astuzia è farvi credere che non esiste, che il bene e il male siano semplici concetti soggettivi e che certe soluzioni che lui vi prospetta sono vitali al vostro benessere e alla vostra realizzazione su questa terra. L’ Anticristo mistificherà tutto ciò che vi sta intorno, farà apparire brutto ciò che è bello, e farà apparire bello ciò che è brutto. Vi convincerà ad odiare coloro che vi amano, e ad apprezzare quelli che vi umiliano e vi respingono, a considerarli “forti”. Il piano dell’ Anticristo è ben preciso e delineato: decimare la popolazione mondiale ( attraverso l’ aborto, la scelta di non unirsi e di non sposarsi, la decisione di vivere solo di divertimenti effimeri e senza prendersi impegni sentimentali a lunga scadenza ), far prevalere l’ individualismo e la febbrile ricerca del piacere personale a danno del bene comune, instillare nell’ umanità sentimenti di odio, di rancore, di vendetta, di avidità e di sopraffazione. Il demonio odia la carne e odia gli esseri umani, perchè – a differenza degli esseri umani – non ha potuto beneficiare del riscatto e del perdono di Dio dopo essersi ribellato a Lui. Il diavolo ha sempre fatto e sempre farà di tutto per annientare e per distruggere l’ uomo, sia fisicamente che moralmente. E i suoi obiettivi di cui sopra portano appunto alla neutralizzazione della razza umana. Si dice che l’ inferno sia stato creato non da Dio, ma dal diavolo. Nell’ inferno le anime dannate di chi è morto in peccato mortale, subirà atroci sofferenze, e le subirà in eterno e sopratutto senza sosta. Questa è la più grande vittoria del demonio: convogliare a sè quante più anime possibili. Ogni volta che una persona in vita sceglie il bene ( cioè la via tortuosa e stretta del sacrificio e della rinuncia ) a dispetto del male ( cioè la strada effimera del godimento egoistico ) è una grande sconfitta per il demonio, perchè significa che quell’ anima andrà a Cristo ( cioè in Paradiso oppure in Purgatorio ) e non all’ inferno, come il diavolo vorrebbe.
Fermo restando che ognuno può interpretare come crede ciò che ho scritto, anche in chiave, per così dire, razionalistica, resta il fatto che – almeno per quanto ho avuto modo di appurare – scegliere di seguire solo i propri interessi e di appagare solo i propri desideri momentanei, nel medio e lungo e termine si rivela sempre controproducente. E se anche non esiste un’ aldilà, basti pensare che le scelte poco sagge, prima o poi, richiedono comunque un conto già su questa terra e in questa vita.
Il diavolo è come un bicchierino di buona grappa. Sul momento vi “scalda” e vi rinfranca. Ma dopo un pò avvertirete un forte bruciore di stomaco. E non sempre l’ alca selzer è sufficiente a rimediare..

L'autore ha scritto 13 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Riflessioni

34 commenti a

L’Anticristo è un bel ragazzo…

Pagine: 1 2 3 4

  1. 1
    Yog -

    “Il diavolo è come un bicchierino di buona grappa”.

    MG, è gennaio e può anche starci che tu sia scivolata sul ghiaccio. Ci sta pure che tu abbia battuto con estrema violenza il capo salmodiando “O Signore, com’è dura la mia cervice”.
    Però scherza con i santi e lascia stare i fanti: soprattutto non parlare di “bicchierini” di grappa, che effettivamente sono il diavolo.
    Infatti, a scanso di equivoci, la si beve a galloni o litrate (a seconda se usi il sistema imperiale o quello metrico), MAI a bicchierini.

  2. 2
    Bohemien82 -

    Il diavolo ha sempre una bella presenza.
    Sta a noi non fermarci troppo alle apparenze e capire se oltre alla bellezza c’è altro.
    Probabilmente sei stata superficiale nello scegliere una persona bella ma altrettanto superficiale.

  3. 3
    Suzanne -

    Non ho ben capito perché l’Anticristo dovrebbe voler decimare la popolazione mondiale…mah. E poi ancora questa storia che il Bene risiede solo nel sacrificio e nella rinuncia…ci credo che poi la gente alla fine scelga altro 😉

  4. 4
    Nicola -

    Queste cose le sapevo gia’, quello che mi sfugge sono gli strumenti abbiamo a disposizione per fronteggiare il principe del male.
    Giungere a dei risultati attraverso la violenza e la mistificazione e’ di gran lunga piu’ semplice che prodigarsi nel bene e con la ragione.
    Purtroppo dal momento in cui siamo nati il nostro principale obiettivo resta il vivere, conoscere e comprendere. Chi riesce a ostacolare le nostre migliore intenzioni, riesce a vincere (e convincere..) facilmente.
    Insomma sarebbe anche ora che “Colui che puote ciò che si vuole” ci concedesse qualche possibilita’ in piu’ in questa vita, magari con l’occasione riusciamo anche a persuadere all’efficienza dell’amore.

  5. 5
    Milforever -

    Siamo di fronte ad una donna in piena crisi di mezza età. Stai facendo i conti con le aspettative deluse, i figli che non sono arrivati, il rimpianto di ciò che non hai fatto o di ciò che non è stato, la scelta di persone sbagliate e l’immensa voglia di avere costruito una famiglia, prima, quando eri ancora giovincella…non disperare, è una cosa momentanea, passerà entro un paio d’anni e ti ritroverai più cougar che mai 😉

  6. 6
    maria grazia -

    Suzy, hai perfettamente ragione. Il bene è rappresentato – spesso e volentieri – dalla gioia e dalla contentezza. Ma vedi, il punto è un altro: chi non è capace di “soffrire” e di fare delle rinunce, e di pentirsi sinceramente per le sue malefatte, non può essere nemmeno capace a fare il bene.

    Bohemien82, non si parla necessariamente di persone in carne e ossa ( anche se effettivamente tutte le persone diaboliche che ho conosciuto nella vita erano di una notevole bellezza estetica ), ma di cose che riguardano il nostro vivere, di scelte e di attitudini che sul momento ci risultano “comode”, ma che poi finiscono per condurci verso l’ ingiusto e l’ aberrante.

    Yog, sapevo che non ti saresti potuto esimere dal rispondere 🙂 Comunque guarda, se temevi contraccolpi di immagine per la narda, sappi che non c’è da preoccuparsi. La fede non è molto di moda di questi tempi, come si evince chiaramente dal commento luciferino di Nicola. Quindi, con quella mia battuta finale, è probabile anzi che io le abbia fatto un’ ottima pubblicità e che esploderanno i consumi, e non solo in bicchierini. Ciavo!

  7. 7
    Angwhy -

    Ahiaiai milfover,prevedo perturbazione in arrivo con temporali diffusi e forti piogge anche a carattere di rovescio

  8. 8
    maria grazia -

    Come vedete, l’ intervento di “Milf” è la prova che non basta essere brutti e sfortunati con l’ altro sesso per essere persone buone d’ animo. La questione quindi non è tanto tra lo scegliere persone sfigate o persone affascinanti. è molto più complessa, temo…Ci sono perciò circostanze per cui, rispetto a una vita dissipata con abili e bellocci seduttori dongiovanni, l’ “alternativa” purtroppo è anche peggiore. Nel suo caso, siamo davanti al solito/alla solita troll che deve fare i conti con tutti i suoi fallimenti. Nulla di nuovo sotto il sole e sopra il sale. Comunque grazie “Milf”! sono commenti come i tuoi che mi renderanno ancora più convinta della mia “conversione”. Naturalmente, di personaggi come te ne incontrerò ancora molti in futuro, ma a differenza di prima so come gestirli… Vade retro.

  9. 9
    Suzanne -

    MG, invece sono sempre più convinta che si soffra nella maggior parte dei casi solo per se stessi. In ogni caso, una vita votata alle rinunce e alla sofferenza difficilmente può portare benefici a qualcuno…e ancor più difficile risulta sapere quale sia il Bene dell’altro.

  10. 10
    maria grazia -

    Suzy, sei la solita esagerata. Vai sempre sull’ “estremo”. Non si pretende da nessuno di votarsi alla perenne sofferenza, nè tantomeno intendo farlo personalmente. E’ una semplice questione di “equilibrio”: se io perseguo la mia gioia e la mia felicità va benissimo, è giusto e naturale, ma questo non deve andare a discapito degli altri e nemmeno dev’ essere il mio UNICO fine. All’ opposto, se io soffro continuamente sarò una persona provata, fragile e infelice. Ma se nei momenti di sofferenza che possono capitare nella vita, imparo a gestire questo dolore traendone un utile insegnamento, diventerò una persona più forte, più serena e più controllata, e quindi più felice. L’ autocontrollo non è autorepressione e costrizione, come si potrebbe pensare, tuttaltro! E’ piena LIBERTA’. Più impareremo a rinunciare a tante cose, e meno saremo dipendenti dal sistema. Quindi più saremo LIBERI. Ci hanno insegnato che la libertà e la felicità sono la totale mancanza di regole, di controllo, di punti fermi. E ci hanno fatto credere che per vivere bene dobbiamo strafottercene di tutto e di tutti. Beh.. ci hanno preso per il culo. Quella è la perfetta ricetta per il disastro..

Pagine: 1 2 3 4

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili