Salta i links e vai al contenuto

Virus e quarantena

Lettere scritte dall'autore  Pietro Marinelli

Gentile Direttore,
vorrei porle una domanda che mi angustia fin dall’inizio di questa vicenda: “Siamo sicuri che rinchiudere tutti in casa, bloccare le attività delle imprese, militarizzare le città sia la ricetta giusta per contenere il contagio del corona virus?
Personalmente, ritengo che queste soluzioni non raggiungano il massimo dell’efficacia.
Tanto per cominciare lo slogan “chiudiamo tutto” non può essere completamente realizzato: anche le norme più dure e restrittive non possono non prevedere eccezioni: supermercati, negozi alimentari, servizi pubblici essenziali ecc. (e vogliamo parlare di tutti quelli che, con l’autocertificazione, escono per i motivi più svariati, come far fare la pipì al cane?)
Inoltre, le lunghe file davanti ai supermercati, che hanno dovuto ridurre gli orari, davanti alle banche, farmacie, non sono forse anch’esse un veicolo di contagio?
Bisogna anche aggiungere che nessuno è in grado di distinguere gli asintomatici dai sani, se non si procede a fare il tampone, e questo accade, in molti casi, anche se lo si fa! Per tale ragione manca il presupposto vero e proprio della quarantena, che è quello di isolare gli ammalati! La riprova di ciò è che in questi mesi il virus ha continuato a diffondersi.
Un’altra fonte di contagio, che certamente può essere isolata, sono gli Ospedali. Quanti infermieri e medici sono costretti a prestare le cure ai loro pazienti senza adeguati presidi protettivi e diventano positivi al virus? E quanti ne muoiono?
E’ proprio necessario, quindi chiudere le imprese e gli studi professionali? Non sarebbe forse meglio, invece di fare una politica di repressione con divieti vari, investire sulla prevenzione, fornendo a tutti subito mascherine, guanti, disinfettanti, tute protettive? L’economia non si fermerebbe e la recessione sarebbe meno grave. Finanziare la prevenzione costa meno che risarcire imprenditori e stanziare denaro per la cassa integrazione.
prof. Pietro Marinelli
via Paris Bordone n. 13; 20149 Milano
Tel. 339 8571399

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Condividi su Facebook: Virus e quarantena

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Salute

1 commento

  1. 1
    Yog -

    Essì Pietro, è necessario, perciò sta pure basito e ottempera.
    Panza e Ottemperanza fanno l’uomo di Sostanza, sarà magra consolazione, ma sempre lenimento è.

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso dispositivo (da qualsiasi dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili