Salta i links e vai al contenuto

Virus pc antipornografia

Leggevo sul corriere della sera di oggi del nuovo virus per pc arabo che miete vittime su internet. Si chiama yusufaly-A e aggredisce i computer degli utenti che navigano sui siti pornografici bloccandone il loro rientro in rete. Caratteristica del virus (curiosa e carina) è quella del messaggio, infatti appena istallato appare la scritta : “Sappi, dunque , che non c’è altro Dio all’infuori di Allah e chiedi perdono in nome di Allah, perchè egli solo sa come agiamo e come ci comportiamo all’interno delle nostre case” poi, successivamente appare una scritta che dice: “OH no, sono in trappola”, e la connessione viene interrotta. Si può anche attivare con le parole seguenti: “sex, teen, phallus, jegger e così via. Che dire è geniale, carino, originale, divertente. A parte il messaggio che potrebbe essere considerato ideologico e quindi criticato dai non mussulmani è senz’altro, modificato, un sistema utile per combattere la pedofilia e la pornografia da non sottovalutare. Inoltre non cattura nè distrugge informazioni . Immaginate se identificasse anche il pc del trasgressore collegatosi ai siti per pedofili e ne desse informazioni alle autorità, sarebbe finalmente una lotta efficace. L’idea è buona ma andrebbe perfezionata. L’applicazione potrebbe essere immensa. Il genio umano è sempre la più bella meraviglia del creato.

L'autore ha scritto 107 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Attualità

3 commenti

  1. 1
    Flavia -

    Meraviglioso! I siti porno ciucciano un sacco di soldi, sarebbe un modo carino per evitare queste spese superflue e magari anche per impedire a tanti impiegati di fruire del pc dell’ufficio per i fatti loro.

  2. 2
    nargen -

    Finalmente qualcuno che pensa di mettere un freno a questo schifo.

  3. 3
    sonny -

    Ho letto l’articolo e per quanto ne sò, naturalmente posso
    sbagliare, un virus non è altro che una rottura della
    struttura del codice binario del file che fa si che lo
    stesso si autoformatti e riproduca lo stesso processo
    concatenandosi con altri files.
    Se cosi fosse sarebbe improbabile che un virus possa riconoscere delle parole.
    Mi sembrerebbe più logico, ma questo viene già fatto,inviare
    files “infetti” ad obbiettivi mirati

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili