Salta i links e vai al contenuto

Uomini all’antica

Lettere scritte dall'autore  

Premettendo che non credo che il corteggiamento debba essere solo prerogativa dell’uomo, ma reciproco….detto questo la prima mossa a chi spetta (invitare a uscire o chiedere il numero)? Ho notato che spesso donne  più “intraprendenti”, che fanno la prima mossa invitando ad uscire, fanno ritrarre l’uomo, forse perchè lo intimoriscono o perchè lo privano del brivido della conquista…forse perchè all’antica…non lo so. Voi che ne pensate? 🙂 

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Relazioni - Riflessioni

55 commenti

Pagine: 1 2 3 6

  1. 1
    firmino -

    Io sono timido e se il primo passo lo fa lei tanto meglio

  2. 2
    Sofia -

    Anche io la penso come te…è prerogativa sia dell’uomo che della donna…anche se è sempre meglio che lo faccia l’uomo in genere…
    Io lo fatto alcune volte il primo passo. …non sono scappati ma erano sorpresi e non se lo aspettavano.

  3. 3
    kylie10 -

    Penso che se due persone si rendono entrambe conto, anche solo tacitamente, del rispettivo interesse, e la donna è la prima ad invitare a prendere qualcosa fuori, allora non ci sia nulla che possa indebolire la virilità dell’uomo, il brivido della conquista, etc.

    Ma se una donna, metti su un luogo di lavoro, punta un uomo e se ne invaghisce e lo invita ad uscire, bè, questo si sente messo con le spalle al muro e corteggiato, e considerato una donna nel senso privato di ogni azione, e secondo me questo può far sentire soffocati.

    Il corteggiamento un po’ imita il rapporto sessuale: una donna certamente può essere intraprendente nel suo piccolo, ma così come nell’amplesso è passiva, bè così anche nella fase di conoscenza fondamentalmente è la preda che viene cacciata.

    E’ difficile spiegarmi, forse non riesco nemmeno a trovare le parole stasera!

  4. 4
    Golem -

    Si spaventano. Noi io, però. Per fortuna, perché non corteggerei, e mai l’ho fatto, nessuna donna, e non per timidezza come il “firmino”. Per pigrizia.

  5. 5
    Yog -

    Poco femminile farlo e ancor meno virile non farlo. L’uomo ha bisogno dell’illusione della conquista, la donna dell’illusione di essere conquistata. Teniamoci care le nostre parti, sennò si guasta la recita.

  6. 6
    Gaudente -

    magari sono intimoriti dal preventivo di spesa, visto che sara’ anche la donna a fare la prima mossa, ma il conto del suo auto-invito e’ sempre l’uomo a doverlo pagare.

  7. 7
    Rossella -

    Secondo me non c’e’ niente di male a fare il primo passo… lo fai perche’ e’ scattato un tipo di comunicazione non verbale che prescide dal carattere di lui. L’interesse che ti dimostra ha un valore… o no? Questa intraprendenza ha un colore. Io lo farei – farei il primo passo- perche’ ho notato che mi “blocco” quando un ragazzo mi chiede l’appuntamento senza avermi fatto innamorare con un gesto… devo capire tante cose, ma potrei anche accettare di sposarlo al primo appuntamento se mi conquista la sua gelosia… forse essere all’antica significa pronunciarsi quando il cuore batte fortissimo. Ma fa tanto piacere sentirsi trattenute in uno sguardo… sei libera di andare, ma ti accorgi che vuoi essere per qualcuno e quindi ci provi. Spesso dico che non mi voglio sposare, ma la verita’ e’ che aspetto proprio quest’uomo! Un uomo che mi vuole bene, ma che non si aspetta di riuscire a farmi innamorare senza avermi mai fatto un complimento.

  8. 8
    Ambrogio -

    Magari ce ne fossero di donne intraprendenti sul serio!!! Sempre problemi inutili e a fare le principesse sul pisello….se qualcuna mi “molestasse” mi ritirerei solo se fosse inguardabile.
    @kylie : secondo me,sul lavoro è meglio evitare, se non è un vero sentimento, perché l’invidia tra colleghi e colleghe può far rovinare le giornate,la carriera e la famiglia, oltre che alimentare risatine e pettegolezzi puerili influenzando negativamente la produttività aziendale, soprattutto se si tratta di persone coniugate o comunque impegnate.

  9. 9
    maria grazia -

    Ambrogio, spiacente ma devo dissentire. Le donne che ci provano spudoratamente non piacciono, pure se fossero strafiche. Ti assicuro che una esteticamente normale ma che “se la tira” ottiene molto più successo di una bellona che si butta addosso agli uomini. E sarà SEMPRE così perchè fa parte delle nostre consuetudini lasciare all’ uomo l’ iniziativa dell’ approccio. Quindi alle donne sconsiglio categoricamente di farsi avanti per prime o di farsi approcciare troppo facilmente. per un uomo il VERO fascino sta nella fatica della conquista. Il fenomeno dilagante della “fig@ di legno” nasce proprio dal fatto che le donne notoriamente “difficili” ottengono più riscontro e più apprezzamento rispetto a quelle molto disponibili. In linea di massima, una donna dovrebbe attendere almeno otto mesi prima di dare confidenza a un uomo interessato e di aprirsi alle sue avances. Chi non è disposto a far trascorrere questo lasso di tempo, non è veramente interessato e cerca solo sesso facile. in quel caso, a voi la scelta.
    L’ avvento del femminismo e le rivoluzioni degli ultimi 40 anni, hanno modificato profondamente i nostri modelli sociali, ma non hanno cambiato di una virgola le dinamiche di corteggiamento e di seduzione tra i due sessi, tenetelo sempre a mente!
    Certo, una può anche dire: ” ma a me non interessano le storie serie, voglio solo divertirmi!”. Ma all’ inizio non potete sapere se vi innamorerete o no del tizio che vuole fare sesso con voi. Quindi tanto vale tenerlo sulla corda IN OGNI CASO. Non vi assicura il successo al 100%, ma almeno in caso di insuccesso non dovrete dare la colpa a voi stesse. Certo, ci sono anche uomini che non badano a queste cose. Ma generalmente agli uomini piace pensare che siete preziose e che non cedete facilmente, e che quindi conquistarvi rappresenta un bel traguardo. Tutto questo lo dico non per rendere agli uomini le cose complicate, sia chiaro. Ma perchè le donne sono diverse dagli uomini e istintivamente cercano il sentimento, non il sesso in sè per sè. occorre quindi regolarsi di conseguenza onde evitare sofferenze.
    Per le donne che volessero approfondire l’ argomento e che sono interessate a trovare il vero amore, consiglio di leggere questi due libri: “Falli soffrire – Gli uomini preferiscono le stronze” e ” Le 35 regole per trovare Lui, per non perderlo più, per perderlo quando vi pare”.

  10. 10
    Bea -

    Uh quante risposte! Confrontandomi con dei miei amici uomini, mi dicevano che preferiscono essere loro a chiedere il numero o ad invitare uscire; se lo fa una donna la proposta viene considerata solo per fini “ludici”.
    Detto questo credo che dopo una certa età, diciamo da adulti, il discorso della timidezza/pigrizia per un uomo non regga…nel senso che se un uomo non fa il primo passo, pur essendoci segnali di interesse da entrambe le parti, in realtà non lo è abbastanza per mettersi in gioco…e una donna che propone è quindi percepita come una forzatura e si ritrae. alla fine la recita del gioco delle parti, per quanto all’antica, resta sempre valida

Pagine: 1 2 3 6

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili