Salta i links e vai al contenuto

Una poesia napoletana: ‘ngoppe a nu muntone i munnezza…’

Lettere scritte dall'autore  cesaraccio3

Egregio Direttore, sono alla ricerca della poesia napoletana che recita più o meno così:

“ngoppe a nu muntone i munnezza”.

In sostanza si riferisce ad un cane morto che era su un cumulo di immondizia. L’autore è famoso, ma non riesco a ricordare altro. Può aiutarmi per conoscere la poesia completa?

Grazie e BUON NATALE

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Condividi su Facebook: Una poesia napoletana: ‘ngoppe a nu muntone i munnezza…’

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Cultura

9 commenti

  1. 1
    Masaniello -

    Ciao,

    il poeta è Salvatore di Giacomo.

    NCOPP’ A NU MUNTONE ‘E MUNNEZZA

    Sta ccà sotto nu povero canillo
    ch’ era figlio ‘e nu cane ‘e canteniere:
    s’ ‘o vennette ‘o patrone ‘a piccerillo,
    pe doie lire, a nu giovene ‘e barbiere.

    ‘A chiste passaie mmano a nu signore
    ca vuleva fa’ razza e c’ ‘o assaie,
    pecché partette ‘e pressa, a ‘o servitore,
    n’ ommo barbaro e nfamo quanto maie.

    Nun ‘o deva a mangià; spisso ‘o vatteva,
    e tanto ll’ abbelette e ‘o custringette
    ca, na matina ch’ isso nun ce steva,
    ‘o canillo sferraie: piglie e fuiette.

    Nu guaglione ‘o truvaie, nfuso e affamato,
    na sera ‘e vierno ca chiuveva. ‘O cane
    sott’ a na banca s’ era arreparato,
    e ll’ alleccaie, tremmano ‘e friddo, ‘e mmane…

    — Bonasera e salute, cacciuttié!..
    Tu muzzecasse?… — dicette ‘o guaglione. —
    Nun muzzeche?… Teccà!… Statte cu mme…
    Mo ce cuccammo. Viene ccà a ‘o patrone!… —

    Mangiamo nzieme: n’ uosso ‘e na custata,
    na scorza ‘e caso e doie tozzole ‘e pane.
    S’ addurmettero nzieme: e ‘int’ ‘a nuttata
    ‘o guagliuncello s’ abbracciaie c’ ‘o cane.

    E campanno accussì, mo ‘a ccà mo ‘a llà,
    pe duie tre mise fecero stu stesso:
    ‘o guaglione cercanne ‘a carità,
    e ‘o canillo feréle appriesso appriesso!…

    Che succedette? Ca na notta scura
    ‘o cane se sperdette. ‘O guagliunciello
    ll’afferraie 1’ambulanza d’ ‘a Quistura
    e ‘o tenette tre ghiuorne ‘int’ ‘o canciello.

    Doppo tre ‘ghiuorne, na bella matina,
    pe nun avé cchiù incomode e penziere,
    ‘o purtaino ‘int’ ‘o spizzio ‘e Donnalbina
    e ‘o dettero a ruchessa ‘e Ravaschiere.

    E ‘o canillo? Addio zumpe ‘e cuntentezza!…
    Ll’ aspettaie, puveriello! Aspetta, aspetta…
    Che buo’ venì?… Mo sta sott’ ‘a munnezza,
    scamazzato ‘a nu trammo d’ ‘a Turretta…

  2. 2
    cristina -

    Caro direttore, sarebbe possibile sapere i testi della bellissima poesia di Antonio de Curtis in arte”Totò” La livella ? Grazie infinite.

  3. 3
    Masaniello -

    http://www.antoniodecurtis.com/

  4. 4
    Giuseppe Mocerino -

    E’ una poesia che ho studiato a scuola media, oggi ho 50 anni. Allora si studiava a memoria, a parte il fatto che la ricordo ancora, devo dire che quanto più vado avanti con l’età il ricordarla o recitarla mi fa commuovere moltissimo ma fa aumentare anche tantissimo i momenti della vita che correlo con questa poesia, veramente una lezione di vita.
    Ne avevo perso traccia, averla ritrovata sul vostro sito mi ha portato gioia e ancora un pò di commozione. Non ricordavo neache che fosse di salvatore di Giacomo.

    Saluti

    Giuseppe Mocerino

  5. 5
    Giuseppe Mocerino -

    Ritorno sulla poesia da voi pubblicata:

    C’è un errore dovreste dire, al sesto verso, …. c’ ‘o lassaie …

    Un altro errore

    non magiamo .. ma mangiaino

  6. 6
    nicki -

    é una poesia di cui non ricordo l’autore che recita : sputal ‘ nfaccia a sta schifezz e cazz

  7. 7
    giovanni -

    conosco alcuni versi di una poesia napoletana ma non so il titolo potete
    aiutarmi grazie (quanta bucia si scrive dint e canzone)
    (pure o cecato cant o sole mio) questa è una poesia dedicata a napoli

  8. 8
    anna65 -

    Non conoscevo questa poesia di Di Giacomo. Grazie…. mi ha fatto piangere… forse perchè a volte anch’io mi sento come quel piccolo cane…

  9. 9
    Ciro Gallifuoco -

    #7 ti riferisci al poeta Pasquale Ruocco… Quanta bugie ca diceno e’ canzone… sta gente puverella crede a Dio, e chi e’ cecato canta ‘O Sole mio…

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso dispositivo (da qualsiasi dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili