Salta i links e vai al contenuto

Aiuto letterario: vecchia poesia napoletana

  

Chiedo un aiuto, riguardo ad una vecchia poesia napoletana il cui testo è pressapoco così.

Chiove.
Na gucciulella scorre ‘ncopp a ‘na rammera…
Tic tac, tic tac, tic tac…
Me sta cacanno ‘o c..z!

Qualcuno sa chi ne è l’autore?

Grazie

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Cultura

13 commenti a

Aiuto letterario: vecchia poesia napoletana

Pagine: 1 2

  1. 1
    Mimmo -

    Era ‘e sera….chiuveva….chiuveva.
    Nuie stevemo arreparati sotto a na rammera e lacqua ncoppa a chella rammera, faceva: tic.tac,tic,tac….
    ……che cacamiento ‘e c...o chillo tic e tac…..

  2. 2
    stella -

    Chiove!

    ‘na goccia care ‘ncoppe a ‘na lamera………
    ti-tic……
    ti-tic…..
    ti-tic…..
    ti-tic…..
    ti-tic…..
    …..che rumpimient’ e’cazz !

    traduzione:

    piove!
    una goccia cade sopra una lamiera
    ti-tic……
    ti-tic…..
    ti-tic…..
    ti-tic…..
    ti-tic…..
    …. che rompimento di c...i!

    Anonimo Veneziano

    MMMM non è che sia na gran poesia :))))

  3. 3
    massimo -

    ” chiove statte ‘a casa e nun te muovere !
    ..’na gucciulella fà su là lamera…..
    …tucche, tucche, tucche………..
    …tucche..tucche, tucche..tu…
    …oh, che cassamiento e’cazz !! ”
    dicono scritta da salvatore di giacomo.

  4. 4
    Alberto -

    l’autore di chiove è Salvatore Di Giacomo, ma il testo era un po diverso.

  5. 5
    carlo -

    è certamente una poesia di Salvatore DI Giacomo

    nà gucciulelle d’acqua
    n’coppe à nà rammera cade
    e fà:
    tic
    toc
    tic
    toc
    tac
    che cacamiento è c...o

    come quest’altra

    è fonne à notte
    dint’ò silenzio
    nà voce
    mammà
    mammàmammà….mammaaaaaaa!!!!
    passemo ò cater……..à mamma ciò passaie!!!

  6. 6
    luigi -

    ferdinando russo?????

  7. 7
    paolafrancescabevere -

    salvatore di giacomo

    chiove.
    plic, plic, plic
    na gocciulella ngoppa na tettoia
    plic, plic, plic.
    e tu duorm
    … strunz

    la meraviglia e la bellezza evocate dalle goccie d’acqua sono in contrasto con il disinteresse e la grettezza di chi, di fronte al momento poetico, è distratto, dorme, non vede e non sente.

  8. 8
    Tonino -

    Anche io credo che la Poesia “CHIOVE” sia di Salvatore DI GIACOMO e recita pressapoco così:

    E’ notte scure tutt dormen; CHIOVE!
    nu ‘nzidd romp dint’a na ramera
    zic, zic, zic; CHIOVE!
    tutt dormn e je non
    zic, zic, zic
    che cacamient’e cazz.

    Ma oltre a questa poesia, credo che ve ne sia un’altra poco conosciuta del Poeta Salvatore DI GIACOMO che parla di un pelo posatesi sul dorso di una mano di un uomo anziano seduto ai giardinetti appoggiato al suo bastone e che sentendo il prurito provocategli dal pelo, lo prende tra due dita, lo guarda e gli parla:

    O pulillo
    O vient nu pulillo ma purtat
    dimm pulillo mio a ddo si state?
    Si state ‘ngoppa a na capa toste e nu surdat
    o dint’a na fess’e muffe e na zitella?
    Je te guardo ti miro e t’adore (sniff, sniff, sniff)
    ma va ffangulo tu si nu pil’e culo.

    Mi scuso con Voi per il non perfetto napoletano.
    Saluti
    Tonino

  9. 9
    Carmine -

    una mamma va da un santo e chiede la grazia per il figlio che non parla -riceve la grazia ma il figlio incomincia ad esagerare e allora la mamma torna dal santo e dice fammelo tornare come prima-
    vorrei cortesemente avere con stesso mezzo il titolo e il testo
    grazie

  10. 10
    enzo caccavari -

    x Tonino
    La sentii tanti anni fa, la fine era così (più o meno)

    O forse na nnannella sciaquannos’ a frisella
    o dint’a na fess’e muffe e na zitella?

    Je t e guardo ti miro e t’adore (sniff, sniff, sniff)
    ma vaffan’ culu
    Aggio capito né, si pil’e culu.

Pagine: 1 2

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili