Salta i links e vai al contenuto

Una famiglia dissoluta…

Buonasera a tutti.
Vi ringrazio per l’attenzione, non avete idea dell’importanza che sto dando a questa lettera, poiché è la prima volta che trovo il coraggio di parlarne con qualcuno per cui vorrei ringraziare sinceramente questo sito.
Sono una ragazza di quasi 16 anni ma preferirei mantenere l’anonimato per non subire ripercussioni di tipo giudiziario per le mie parole.
La mia vita si sta facendo sempre più difficile poiché da qualche anno ho cominciato ad aprire gli occhi su ciò che fino a poco tempo prima avrei ritenuto impensabile: i miei genitori fanno uso di stupefacenti.
Mi riferisco comunque a droghe leggere, escludiamo cocaina, eroina e altre droghe di questo tipo.
Io mi chiedo: non è incredibile? Si parla molto della mia generazione, che i giovani sono sempre più portati a fare uso di sostanze stupefacenti, che i giovani non hanno valori, che i giovani pensano solo a se stessi e a divertirsi. Cavoli. Io mi guardo intorno e guardo la mia vita, fatta di studio e di casa, fatta di paura che un assistente sociale un giorno o l’altro bussi alla mia porta per dirmi: ” Che ne dici di venire con me, in un centro in cui potranno prendersi cura di te? “.
Un adolescente ha bisogno di modelli a cui aspirare, chi non ha mai pensato ad uno dei suoi genitori come modello? Un adolescente ha bisogno di consigli, come potrei chiedere consiglio a loro?
I miei genitori mi hanno sempre parlato del sesso come una cosa quotidiana, normale, sin da quando sono piccola. Non mi hanno mai detto: “Deve essere con qualcuno di speciale”; per loro è come se il sesso per una sedicenne sia all’ordine del giorno, infatti non appena accenno qualcosa come “uhm, ho mal di stomaco” mia madre mi guarda e dice “Sei incinta? “, sembra tranquilla.
Mi giudicano “bigotta” solo perché penso che tradire il proprio fidanzato sia qualcosa da non fare.
Un giorno ho chiesto a mia madre: “Mamma, ma è davvero così necessario fumare ciò che tu fumi? ” visto che io non sopporto quell’odore e non sopporto il fatto che per una scelta non mia le mie connessioni neurali vadano a farsi benedire; lei mi risponde “Che palle che sei”.
Ho paura quando invito le mie amiche a casa perché forse in quel momento loro stanno fumando, cosa farebbero loro se lo scoprissero? Lo andrebbero a dire ai loro genitori?
Mia madre riceve una pensione di circa 1100 euro al mese. Mio padre invece prende circa 900 euro al mese. Il primo a prendere i soldi è mio padre, li prende al 27 di ogni mese, e non riusciamo mai ad arrivarci perché mia mamma fuma una sigaretta ogni quarto d’ora ed ogni tre quarti d’ora fuma qualcos’altro.
Vorrei una madre ed un padre che per una volta mi dicano: “Tu stasera non esci perché lo dico io”. Vi sembrerò stupida perché c’è gente che non mette un piede fuori di casa perché i loro genitori sono troppo protettivi ma… fidatevi, farei volentieri a cambio con i miei.
Vorrei andarmene da qui, sposarmi con il mio ragazzo non appena diventerò maggiorenne. Ma sposarsi comporta tante spese ed io dovrei abbandonare gli studi.
Vorrei farvi una domanda: se la polizia ed i servizi sociali venissero a conoscenza della situazione della mia famiglia, sarei affidata a qualcun’altro?
Sarei grata se voi mi poteste togliere questo dubbio.
Voglio bene ai miei genitori ma non riesco a spiegarmi per quale motivo io non sia diventata una di quelle tante ragazze sbandate che ci sono di questi tempi, poiché quello era il mio destino.
Vorrei andarmene.
Grazie dell’attenzione, con tutto il cuore.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Attualità - Famiglia

8 commenti

  1. 1
    Brian di nazareth -

    lettera falsa…se tu hai 16 io sono lo psiconano..

    se è vera invece hai bisogno di uno psichiatra…non ci stai dentro…va ti do un consiglio..ci sono sempre meno suore..fatti suora li si che ti troverai bene!!!

  2. 2
    Ombra -

    Brian di nazareth,
    tu sei lo psico nano solo che sei senza una lira ahahaha sei un clone pezzente ahahah ma che messaggi scrivi? e se invece fosse vero? perchè non dai il tuo parere a prescindere da tutto?
    Sinceramente ho un amico che è figlio di 2 figli dei fiori, sono per la massima libertà e anche loro a casa si danno alle gioie del fumo, come se fosse tutto così normale..
    e sai cosa mi dice sempre il mio amico, che vorrebbe sentire di essere un figlio, che non vorrebbe dover parlare sempre ai suoi genitori come fossero dei ragazzini, vorrebbe ogni tanto sentirsi dire di no e vorrebbe ogni tanto chidere il permesso..
    invece tutti noi a dirgli sempre che c..o che hai! magari li avessi io i tuoi genitori…
    Io non so se questa lettera è vera e Anonima non ti preoccupare che nessuno rischia la galera, semmai è sconcertante sentire tra le righe che tu invece auspichi questa cosa, insomma che qualcuno te li portasse via.. questa cosa è maligna.
    Se ti vogliono bene puoi parlare con loro e dirgli che non vuoi che loro fumano le canne e che lo facessero solo quando tu non sei in casa o quando vai a dormire.
    e poi cerca di rilassarti, altrimenti quando sarai madre tu, per non voler essere come tua madre rischi di diventare una specie di Hitler e i tuoi figli penseranno di te che sei sbagliata esattamente come tu ora pensi dei tuoi.

  3. 3
    Anonima93 -

    Ti giuro che ho 16 anni, non avrei dato tanta importanza a questa lettera, non ho tempo per mettere in piedi sceneggiate.. e poi per cosa?

    Mi dispiace che questa sia l’importanza che date alla mia situazione, davvero. Preferirei che proviate ad immedesimarvi, piuttosto che prenderla così con leggerezza.

    PS: è così tanto brutto al giorno d’oggi essere ragazze un po’ diverse dalla consuetudine?

  4. 4
    luc -

    la generazione dei genitori è migliore della generazione dei figli: vai a vivere in arabia saudita!

  5. 5
    Luca -

    Ho avuto una fidanzata che aveva una situazione familiare simile. Madre Hippy che vidi più volte “fatta” a cena, due volte sposata e un altro paio di convivenze alle spalle.
    Padre che se andava e tornava quando voleva anch’esso spesso con occhi rossi e faccia strafatta, una relazione dichiarata con una che aveva quindici anni di meno.
    Libertà assoluta alla figlia, insegnamenti deliranti ricevuti che l’hanno portata ad essere una schizzoide pazza.

    Tu sei davvero straordinaria, con esempi del genere riesci a crescere secondo tuoi valori. Porta pazienza, cerca di trovare un ragazzo come si deve, parlane con lui.

    So che può essere difficile ma porta pazienza, poi superati i diciotto anni deciderai cosa fare.

    Un abbraccio.

  6. 6
    Anonima93 -

    No, mi sa che non avete compreso il vero significato del mio messaggio.
    Io ho PAURA che me li portino via e che io sia costretta a vivere in affidamento con qualcun’altro!
    Pensate che non abbia già cercato di parlarne con i miei? Certo che l’ho fatto, ho detto loro che mi da fastidio ciò che fanno, ma non mi ascoltano, se ne fregano.
    Tutto ciò che vorrei avere sono dei genitori dei modelli a cui ispirarmi!
    Sto chiedendo qualcosa di tanto strano?

    Per Ombra: il mio parere è che tanti giovani dicono così perché non hanno mai provato cosa vuol dire essere figli di genitori così… Il tuo amico è nella stessa mia identica situazione. Io penso che, come genitori, non bisogna eccedere né nella severità, né nella libertà.
    Mi dispiace di non essere riuscita a spiegarmi, tutto ciò che volevo era un’informazione sui provvedimenti sociali (che spero non verranno attuati!) e un consiglio. Forse questo non è il sito adatto.

  7. 7
    Anonima93 -

    Grazie Luca.. grazie davvero.
    Già, non vedo l’ora di diventare maggiorenne per sposarmi con il mio ragazzo.

    Grazie immensamente, non hai idea di come tu mi abbia regalato una boccata di ossigeno.

    Un abbraccio anche a te

  8. 8
    emisquiz -

    Cara Anonima,
    innanzitutto ti rassicuro: essendo minorenne non sei soggetta ad alcuna ripercussione giudiziaria per quello che dici. Si presuppone che un minorenne abbia la libertà di esprimere in qualunque modo i propri disagi e che questo non possa comportare alcuna responsabilità.
    Dunque i tuoi genitori, se ben interpreto le tue parole, fumano spinelli o roba simile.
    No, non è incredibile. I tuoi genitori non sono i personaggi del Mulino Bianco o quelli di High School Musical e quindi sono persone normali che fanno errori normali. (Tieni conto che anche i personaggi che recitano quelle parti in tv spesso nella vita sono anche peggio dei tuoi genitori…). Quindi, sebbene nella mente di un bambino i genitori sembrano essere degli eroi senza macchia e senza paura, prima o poi arriva, con l’adolescenza, la necessità di scontrarsi con ciò che realmente sono: delle persone che magari erano impreparate al ruolo di genitori, che hanno vari tipi di insicurezze, che fanno una moltitudine di errori. A volte capita di confrontarli con i genitori dei coetanei, che sembrano tanto perfetti solo perchè sono estranei e quindi non si mostrano per ciò che sono realmente ma solo per la loro facciata rispettabile (che magari nasconde un mondo di insospettabile violenza).
    I tuoi genitori forse tentano in buona fede di proteggerti dai sogni che possono portarti a distaccarti dalla realtà. In fondo le “persone speciali” a cui donare il proprio amore esistono solo nei film che sono tanto consolanti ma anche tanto irreali. Nella vita esistono invece “persone normali” e anche il sesso è qualcosa di “normale”, non l’esperienza mistica che vorremmo.
    Anche quando ti chiedono con naturalezza “Sei incinta?” ti senti imbarazzata però in realtà anche questo è un modo di proteggerti dal vivere in assoluta solitudine momenti di disperazione che possono capitare ad un’adolescente che si ritrova in quella situazione senza poterne parlare francamente con dei genitori “perfetti” che però non sanno capire le debolezze dell’animo umano.
    Tentano di proteggerti anche nel momento in cui ti invitano a vivere l’amore con maggiore leggerezza senza che debba per forza rappresentare, alla tua età, una catena o un’illusione che possa portare poi ad una grande delusione.
    Con 1900 euro a fine mese non ci arriva nessuno con una figlia adolescente da crescere e da far studiare. La crisi è dovunque in Italia, e quindi anche in casa tua. E non è per la sigaretta o per l’incapacità dei tuoi genitori di amministrare il denaro (ma quando sarai più grande ti renderai conto che non è facile far quadrare i conti).
    Il fatto che i tuoi genitori fumino in tua presenza è sbagliato, ma potresti semplicemente dire loro di non farlo proprio sotto il tuo naso. Forse per loro è un modo per tenere a bada insoddisfazioni ed insicurezza economica.
    Riguardo ai servizi sociali non saprei. Sei quasi maggiorenne e si tratta di droghe leggere. Inoltre hai scelto un’altra via: forse qualcosa ti hanno insegnato.

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili