Salta i links e vai al contenuto

Un angelo è tornato in cielo

Lettere scritte dall'autore  La tua Stellina
La lettera è pubblicata a Pagina 1

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

23 commenti

Pagine: 1 2 3

  1. 11
    La tua Stellina -

    Ciao Fra..ieri per la prima volta ti ho sognato. Sei arrivato con la tua Smart e ti sei parcheggiato al tuo solito posto di fronte al tuo locale, ed io che ero lì ero incredula ma tanto felice vederti tornare….purtroppo era solo un sogno, un sogno che non si avvererà mai!! Che tristezza….

  2. 12
    maria assunta -

    ciao stellina……!!!! triste vero quella realtà che si affronta giorno dopo giorno….la stessa realtà che ieri mattina ti ha fatto aprire gli occhi!!!! prova a pensare che Franco anche se nn è qui con noi a parlare,ridere e scherzare vivrà sempre nei nostri cuori e nei nostri sogni…..!!! quando ancora frequentavo le scuole su un diario mi scrissero: MORIRAI SOLO QUANDO TUTTI TI AVRANNO DIMENTICATO…Ma visto che io non ti dimenticherò mai tu nn morirai mai!!!! infatti finchè ognuno di noi terrà sempre un posto nel proprio cuore per lui….lui ci sarà sempre!!!!! sorridi stellina…sorridi sempre anche se è difficile farlo….. un bacio!!!!

  3. 13
    La tua Stellina -

    Grazie Maria Assunta…è vero quello che hai scritto e me lo ripeto sempre che una persona finchè ce l hai nel cuore non muore mai, ma purtroppo è anche vero che tante volte questo non basta e ti manca il contatto diretto, vederlo, stringerlo, parlargli…..e su queste cose bisogna rassegnarsi perchè non cè altrimenti, e come Fra mi manca anche farle con mio papà. Ma purtroppo continuerò solo ad averli nel mio cuore e a ricordare tutti i momenti passati con loro….quanto mi mancano!! Baci

  4. 14
    maria assunta -

    gli amici e i genitori sono le cose più belle che ci vengono messe accanto senza nesun motivo solo perchè è cosi….e nemmeno noi ci chiediamo il perchè ci siano….non ci sono risposte a certe domande stellina….la vita purtroppo è fatta anche di questo!!!! e anche se è difficile bisogna accettare tutto quello che ci viene messo davanti! a volte per una gioia ci son due,tre,e anche più dolori…ma questopuò renderci più forti e io credo tu possa essere molto più forte di quanto credi…e lo dimostri tutte le mattine…scendendo dal letto e iniziando le tue giornate!!!!! ti auguro stellina tu possa vivere sempre piena di luce e di forza d’animo!!!! Di Franco non sapevo molto,ma mi ha trasmesso sempre gioia e soppratutto sincerità e onosta…..forse anche per questo ora ha messo le ali….me lo immagino sai!!!due ali grandi dorate e il sorriso sulle labbra….!!!! vivi sempre al meglio stellina…..a presto!!!

  5. 15
    pupetta62 -

    Ciao stellina,
    Capisco il tuo dolore, è lo stesso che sentiamo noi,
    Da oltre 20 anni che conoscevamo franco, e quasi tutte le sere eravamo li’ da lui come un rito, lui sempre sorridente, ci accoglieva con il suo viso abbronzato e sorridente, ” lollo diceva a mio figlio ” non mi hai salutato, e non ti do’ la coca… Quando abbiamo appreso la notizia eravamo a otranto alla casa di mare…alessandro si è messo ad urlare no franco no non puo’ essere non puo’ essere morto perche’ lui… Dio non esiste… E si mio figlio 14 anni franco lo ha visto crescere, spero che dal cielo possa proteggere tutti i ragazzi che ti hanno e ti vorranno sempre bene… Che la tua stella possa illuminare sempre il loro cammino… Cia fra’…..

  6. 16
    Ramona -

    ..é assurdo!
    Quanta gente gli voleva bene..d’altro canto non poteva essere altrimenti: non si poteva non volere bene a Franco! Qualcuno provi a dire il contrario.. eppure la perfidia non ha limiti! quasi come l’IPOCRISIA.
    Ed ora è come se un pizzico di gelosia fermasse il cuore,per quei sorrisi di cui tanti sanno..
    Quante cose date per scontate.. Ma io non ce la faccio a pensare alle belle parole e ai conforti vani.. A me brucia,come brucia a Checco e Tetta e dilania l’anima e riduce il cuore in brandelli.. Tu ci hai presi in braccio quando avevamo occhi buoni,lontani dalla brutalità dell’essere grandi..e ci hai stretti in abbracci sinceri quando questa brutalità si è presentata a noi nel peggiore dei modi..non scordando mai nulla..
    Ora ti scrivo come se volessi urlare una rabbia straziante..prima Gino, poi te.. e perchè ora tutto questo a casa mia!? Io lo so che ci siete.. lo so che in mezzo a questi spazi bianchi, che agli occhi dei più parranno vuoti e incongrui, Voi lo leggete il segreto dell’anima..E perdonate l’assurda stasi..ma è paralizzante sapere di aver perso tempo e fanno male le belle parole quando è ormai troppo tardi!! Tu che dall’alto ora osservi,..vedi un pò che puoi fare! Ci siamo capiti no!?! 😉 Grazie di vero cuore,e scusa se non te l’ho detto quanto avrei voluto..quanto meritavi..
    A presto Franco…

  7. 17
    La tua Stellina -

    Ciao Fra…ti penso e ti ripenso, i tuoi ricordi mi girano sempre in testa e davanti ai miei occhi spesso vedo il tuo sorriso con quei bei occhioni! L’altro giorno è stato il tuo onomastico e, quanto avrei voluto farteli di persona quegli auguri stringendoti forte invece di doverti portare dei fiori e parlando con una foto, la tua. Sì, avrei preferito di gran lunga ma purtroppo la vita è bastarda e questa volta lo è stata con te…che sicuramente eri una delle ultime persone a meritarselo e per questo ancora non mi do pace. E la cosa più brutta è che nella vita quando sbagli qualcosa e non cè l hai più, si ha sempre la possibilità e la speranza anche piccola di poterla riavere, e si fa di tutto; invece alla morte non cè ritorno e con le persone porta via anche ogni più piccola speranza di poterla riavere, perchè se solo ci fosse farei di tutto per riaverti Fra…che strazio!
    E’ na vitaccia Fra….c’avevi ragione! Spero che almeno dove sei ora starai meglio anche se non ci credo!!!
    Ti voglio tanto bene e sempre te ne vorrò….
    ..ciao Fra, e guardami sempre da lassù!

  8. 18
    La tua Stellina -

    Finalmente dopo due mesi sei tornato a trovarmi nei miei sogni…
    L’altro giorno ero seduta sopra le tue ginocchia e ti abbracciavo, e tu sorridente come sempre, ma la cosa strana è stata che ho avuto come la sensazione che solo io potevo vederti, tutte le persone che c’erano intorno no! E’ stato bello, ho provato delle emozioni indescrivibili nel rivederti e abbracciarti. Anche ieri sei venuto a trovarmi anche se per pochi secondi..ero sulla superstrada e all altezza di Sternatia andando verso Lecce, mentre ero sulla corsia di sorpasso, mi supera una macchina sulla destra, io guardo e vedo te che ti giri e mentre mi sorridi mi mandi un bacio con le dite, e poi sparisci…breve ma intenso e cmq non mi importa per quanto tempo ti sogno, ma che ci sei, sia solo per un attimo o poco più. Vederti mi fa felice e dato che purtroppo il fatto che non tornerai più è certo, mi accontento di “vederti” nei miei sogni…ridere e abbracciarci come sempre!!! Mi manchi tanto Fra….che strazio!

  9. 19
    Maria Assunta -

    ne è passato di tempo…..e ancora adesso quando guardo la tua foto non mi sembra niente vero,…come se fosse un sogno di tutti dal quale mai ci sveglieremo.
    siamo finalmentw riusciti a recuperare il video della cresima della Simonetta fatto nel tuo pub….che triste!!!!!!!!
    però nella nostalgia di quelle immagini ci sei anche tu….la tua voce…il tuo vivere quindi ed è come se tu fossi ancora qui.
    certo che la natura a olta è cattiv…ma noi ne facciamo parte e dobbiamo condividere le scelte di chi la gestisce in un certo modo!!!!!!!!!
    ti penso sempre Franco…….

  10. 20
    GIUSI PONTILLO -

    Echi di tramonti nel lucernaio

    L’arrotino ritorna
    a limare forbici e coltelli
    nella memoria scandita
    solo dalle stelle.

    I contadini battono
    gli zoccoli ai cavalli stanchi
    che tornano a sera
    dentro le loro stalle
    e alle loro case
    portano uva mista
    e fichi secchi
    come caramelle
    da preparare:
    Alle loro massaie.

    Sono tutti fuori
    dalle loro case
    a scambiarsi
    il lievito fermentato
    dentro le foglie di fico,
    per preparare il pane
    il giorno dopo.

    Come era buono il pane cotto
    consumato dentro un unico piatto
    preso dall’unica madia scolorita.

    Ero appena una bambina..
    E tutti erano miei nonni nel vicinato..

    Mia madre era figlia unica
    E mi diceva :-
    Questi sono i tuoi parenti,
    ed io ero felice nel mio paese.

    La mia fede

    Ho aperto la mia porta di casa
    E la mia anima
    è spirata leggera tra le rocce
    per un istante.

    Al pianto mio dirotto
    La luce del Divino

    Peccato che si è consumato
    l’istante imprendibile di Dio !

    Tra calcinacci di muffa ho ripulito
    L’immenso del mio Essere.

    Per essere felice nel mio Ego
    Ho buttati via il superfluo
    E il mio orgoglio.

    Per essere giglio al cospetto di Dio
    ho creduto nella tua fede o mio Signore

Pagine: 1 2 3

Lascia un commento

Massimo 2 commenti per lettera alla volta

Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso browser (da qualsiasi browser e dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili