Salta i links e vai al contenuto

In ricordo di un amico scomparso

Lettere scritte dall'autore  

Eravamo colleghi di lavoro e poi, stando insieme nella stessa stanza da circa un anno, diventammo amici. Ricordo benissimo quel giorno, era un venerdi’ di molti anni fa. Tu mi chiamasti al telefono verso le 9, dicendomi che non saresti venuto in ufficio perche’ avevi un forte mal di testa, che eri solo in casa e saresti tornato a letto. Come al solito scherzammo un po’ al telefono facendo previsioni sulla prossima giornata di campionato, cosi’..in maniera ironica, giocosa…nella maniera che avevi tu di parlare un po’ di tutto. Infilavi il tuo sottile sarcasmo in qualsiasi cosa. E giu’ risate!
Eri tanto tifoso da portare sotto la camicia la maglietta della Roma, visibile in trasparenza…e cosi’ stavi sempre con la giacca sulle spalle….E da separato ,ma ancora convivente, sempre a pensare alle donne…….Quelle donne che, oltre tua moglie, ti avevano abbandonato perche’ condizionate da un tuo difetto fisico a seguito di un incidente di moto.
E anche li’, benche’ amara, mettevi quella tua pungente autoironia dicendomi: ‘Se ne trovo una che le piace piccolo e moscio….la faccio impazzire !!’
Era un venerdi’. Chiudemmo quella telefonata dicendo che ci saremmo rivisti il lunedi’ e vedere se quella schedina che giocavamo spesso insieme ci aveva resi milionari oppure sarebbe stata, come al solito, fuggevole illusione.
Ci salutammo augurandoci un buon fine settimana…….e ……Carpe Diem !!!!!
Passo’ poco più di un’ora prima che nella mia stanza entro’ ,con il viso segnato di lacrime, la segretaria del dirigente, e disse: ‘Maurizio….guarda che Marco e’ morto ……’ ………… ’Oddio..Quando?’ ……….. ’Circa un’ora fa…’. Un’ora fa……..
La tua ex moglie , tornando dalla spesa, ti trovo’ cosi’, disteso vicino il letto, stroncato da un infarto.
Restai basito, incredulo non ebbi la forza di fare un solo movimento. Poi piansi.
La Chiesa era gremita. ti volevano bene tutti. forse neanche tu pensavi che cosi’ tanta gente ti volesse bene. Per la tua semplicita’, per la tua giocosita’, per il tuo umorismo.
In un cassetto della mia scrivania conservo ancora il tuo ultimo pacchetto di sigarette……MS blu..dentro ce ne sono 3, e c’e’ anche quel tuo piccolo tagliaunghie con la plastica rossa. Un caro ricordo. E, forse destino, il mio nuovo compagno di lavoro venuto dopo, e siamo ancora insieme, si chiama come te.
E ora la commozione mi assale.
Ciao Marco.

L'autore ha scritto 23 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amicizia - Me Stesso

5 commenti

  1. 1
    Phil95 -

    Bellissima lettera, fa riflettere molto davvero….

  2. 2
    Mau -

    @ Phil95

    Ti volevo ringraziare, unica persona ad averlo fatto, di esserti soffermato su questa mia lettera, condividendone idealmente l’emozione.
    Cordialità.

  3. 3
    Mara139 -

    Mau, nonostante io non abbia molta simpatia per te, voglio dirti che mi dispiace, la morte di un amico è un qualcosa di terribile, l’unica cosa che puoi fare è avere sempre e cmq un pensiero per lui, puoi ricordarlo ogni volta tu ne abbia occasione proprio come hai fatto in questa lettera..magari è anche un modo per sentirlo ancora per un attimo più vicino!!

  4. 4
    Skym -

    siamo attaccati alla vita con lo sputo

  5. 5
    Phil95 -

    @Mau: di nulla….hai fatto benissimo a mettere nero su bianco, aiuta molto….

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili