Salta i links e vai al contenuto

Gli stupri sono realtà, la politica è solo fumo

Lettere scritte dall'autore  

25 Febbraio 2008:
Pedofilia, 12enne violentata per mesi dal padrino con l’assenso dei genitori
11 Marzo 2008:
– Agrigento, in gruppo violentano dodicenne, arrestati tre giovani
– Milano, stupro e rapina in un bar
Eccolo lo specchio della Società, di com’è diventata.
Non che negli anni ’50 non avvenissero stupri, ma non così tanti e non con questo disprezzo diffuso per l’essere umano; prima erano sporadici animali, adesso è una società di bestie!
Ribadisco qui quello che scrissi al Messaggero tempo fa: se non si torna alle pene detentive vere, quelle fatte per punire il reato prima di tutto e poi per recuperare il delinquente se possibile e se non si ristabilisce il diritto “certo” della parte offesa al giusto risarcimento, stiamo all’ammazzacaffé, altro che alla frutta.
Il lassismo delle leggi prodotte da una classe politica vergognosa e il menefreghismo della Magistratura, che è solo una casta chiusa e concentrata sui propri interessi, ha determinato un vero sfascio sociale.
Gli stupri e le violenze sui minori hanno da un pezzo oltrepassato la soglia del fenomeno sporadico; stanno diventando una specie di hobby (con i problemi di violenza legata ll’immigrazione siamo ancora solo al principio, ma di questo passo l’episodio della “Ciociara” è destinato a ripetersi parecchie volte), tanto che gli fanno?!
Si vuole rispristinare il buon senso?!
Allora:
a) liberarsi prima di tutto di questa Casta politica pappona e poi soprattutto di quella dei Magistrati, mascalzoni pubblici che, senza colpo ferire e per colpevole ignavia, sono capaci di mandar liberi i mafiosi per decorrenza dei termini di carcerazione preventiva, perché loro non depositano le sentenze per i casi come questi manco in 8 anni;
b) mettere le premesse di uno Stato serio, non ladrone sanguisuga, con una Costituzione seria e con una struttura d’apparato efficiente.
Per questi 2 obiettivi prioritari, ha ragione chi sostiene l’azione di NON-VOTARE a queste elezioni e alle successive finché qualcosa non cominci a cambiare sul serio!
Chi vota sottoscrive l’anti-Democrazia, perché democrazia è Governo del Popolo mentre qui la gente non conta nulla e non decide nulla!
Chi vota fidandosi delle promesse di questa Casta politica ladrona e mafiosa (se non è Andreotti è qualcuno dei suoi) sottoscrive lo sfascio sociale e lo stupro delle persone e del Paese!
Il resto sono tutte chiacchiere!
Una cosa si deve annotare in grassetto: quanto tempo è che il caro-petrolio è diventato insostenibile?! parecchio!
I Governi hanno forse accennato a voler almeno ridurre il carico fiscale sul costo del litro di carburante dal 65% al 5%?! NO!
Come funzionano i servizi sociali, la Sanità, la scuola, i trasporti, la Giustizia, la Sicurezza?! Da schifo!!
Che fine fa la montagna di soldi che questi hanno sempre preso dal carburante e dal resto?! Che fiducia può mai meritare chi sguazza in questo tipo di mare?! NESSUNA!!

L'autore ha scritto 8 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Attualità - Politica

4 commenti

  1. 1
    lipsia -

    Non credo sia questione di ripristinare il buon senso, ma forse si dovrebbe ricominciare a rivalutare la parola “rispetto”, e a comprendere il valore intrinseco di questa parola.

  2. 2
    John -

    NO lipsia di sbagli di grosso. Qui il rispetto non c’entra niente.
    La pena ha efficacia deterrente, retributiva e speciale.
    La reiterazione di certi reati infimi significa che qualcosa nella fattispecie applicativa della pena non và (il rispetto se mi consenti è tutt’altra cosa).
    Cioe il rispetto significa avere accortezza per un qualche cosa rispetto al quale nessuno c’è lo impone e dalla cui trasgressione non ne deriva alcuna conseguenza.
    Mentre il togliere le mani dai bambini, dalle donne, e anche dagli uomini è un’imposizione e tale deve essere.
    Non è possibile che io tutti i giorni mi debba sentire indignato di apprtenere al genere umano quando vengo a conoscenza di certi fatti schifosi e infimi.
    Allora io dico PUNIRE, PUNIRE e SEMPRE PUNIRE.
    Ciao a tutti.

  3. 3
    lipsia -

    PUNIRE, PUNIRE e SEMPRE PUNIRE. Mi sta bene, eccome se mi sta bene.
    Ti consento tutto ciò che vuoi, ma se mi consenti tu, per me il rispetto è alla base di tutto e la mancanza di questo che ci porta a compiere azioni e a dire cose di cui certo non possiamo andare fieri.
    Secondo te una persona che stupra, perchè lo fa? Perchè rispetta la donna o il bambino, però obbedisce in quel momento a un suo bisogno recondito?
    Credo che tutto vada di pari passo (così mi è stato insegnato, a rispettare le regole).
    Ma forse sono io che sbaglio e sono pronta a cercare di capire dov’è il mio errore.
    Poi il discorso dell’ applicazione delle pene, be’ è una goccia nel mare di m….da nel quale galleggiamo

  4. 4
    luce -

    Nn è una questione d rispetto delle regole e in certi casi neanke d severità della pena xkè in molti paesi in cui viene applicata la pena di morte la commissione d certi tipi d reati è rimasta invariata se nn addirittura aumentata.Nn credo ke la maggior parte delle persone nn si sognerebbero mai d violentare qualcuno x rispettare le regole ma nn lo fa x una questione d indole e d buon senso e xkè alla fine nn ne sente minimamente l’esigenza.Credo ke alcune volte ki si macchia d questi reati sa ke sta sbagliando e d certo nn pensa ke potrebbe finire in carcere,lo fa è basta….nn voglio cadere nell’errore d sostenere ke sono tutte persone malate ma d sicuro il carcere da solo nn è sufficiente a porre rimedio ad una situazione ke sta diventando a dir poco insostenibile.Sono cmq favorevole ad un aumento delle pene e soprattutto ad una più severa valutazione prima d rimettere certi soggetti in libertà.

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili