Salta i links e vai al contenuto

Stiamo insieme ma alcune cose mi hanno fatto riflettere

Lettere scritte dall'autore  

Ognuno di noi fa delle scelte nella sua vita direi forse che siamo fatti dalle nostre scelte, scelte con le quali decidiamo il nostro futuro. Non scrivo da tantissimo su questo forum ci sono state così tante volte che ho voluto farlo ma ogni volta ci ripensavo. Tempo fa pubblicai un post con il nome Katy(se vi state chiedendo come mai ho cambiato nome é perché ho dimenticato la password dell’account vecchio). Ecco in quel post scrissi che mi stavo frequentando con un mio ex compagno delle superiori. Come sì sono evolute le cose bhe stiamo insieme ma sapete sono successe alcune cose che mi hanno fatto riflettere molto. Una tra queste cose é il fatto che entrambi andiamo in vacanza per conto nostro quindi per tutto il mese di agosto non ci vediamo. Nel frattempo lui si stava organizzando con i suoi amici per andare a fine agosto in un altro posto in vacanza. Ecco mi chiede di aggregarmi a loro per questa vacanza per un primo momento non ho voluto accettare subito anche perché ero alquanto impossibilitata in quanto sarò in vacanza in un altro paese. Visto che ci tenevo a fare questa vacanza insieme a lui ho preso il biglietto per l aereo tre gg prima dei miei esami universitari così da poter stare raggiungerli e poter stare insieme a lui . In questi gg lui cambia i programmi dicendomi che voleva che noi due facessimo una vacanza da soli quindi se io andassi con lui e i suoi amici non si godrebe ne me ne I suoi amici. A questo punto propone di fare questa vacanza agli inizi di settembre ma io in quel periodo ho gli esami quindi non potrei saltare nessuno. In questo momento mi sento presa in giro e penso inoltre che non valgo nulla per lui. Non so forse in questo momento sto dicendo queste cose perché ci sono rimasta male ma sapete vorrei per una volta che fossi importante per qualcuno e soprattutto per lui . Non so sento che vengo messa sempre all’ultimo posto e ciò mi da parecchio fastidio. Dalla sua reazione sembra che non gli interessi e che per lui se torno qui gli ultimi tre giorni non sono un problema tanto sono solo tre giorni a detta sua. Però sapete io in questi tre giorni ci ho rinunciato a proseguire la mia vacanza solo per lui per stare insieme a lui. Non so cosa dire. Non so se sono io che esagero. Vorrei un vostro parere in merito a tutto ciò.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

10 commenti

  1. 1
    Angwhy -

    Penso che finche si tratta di vacanze tutto sommato va bene,forse potevi aspettare ancora un po a riscrivere qui sopra,magari quando avrai un problema piu serio

  2. 2
    Michelle -

    Il mio consiglio e`di non rinunciare a nulla per nessuno. Fai le cose che ti fanno felice e da lì capirai chi fa per te e chi no.

  3. 3
    Rossella -

    Indipendentemente da tutto il resto, se vogliamo anche per motivi legati al dovere di ospitalità, penso che per stemperare l’imbarazzo che oggi non siamo più in grado di sostenere, da padrona di casa, sentirei quasi in dovere di circondarmi di persone che pur avendo delle affinità con noi sono in grado di mantenere viva l’atmosfera. Ci sono libertà che ti potresti prendere quando vivi un momento d’intimità con persone di famiglia che non riconosci essere come amici fraterni. Quello che voglio dire che il passaggio successivo non è, almeno non dovrebbe essere, il contatto fisico. Perché il fatto di essere cresciuti in ambienti diversi potrebbe portare a fraintendere le cose. Ci sono fratelli che hanno un rapporto di grande complicità. Io e i miei fratelli, al contrario, siamo già l’archetipo di una chiesa primitiva. Questo significa che per me l’amico potrebbe essere come un fratello e che le delusioni che, per carità, possono capitare, mi hanno resa abbastanza prevenuta. Ma questo dipende dalla qualità dell’investimento emotivo e la misura di questo investimento dipende dalla Chiesa. Infatti questa è una delle ragioni che mi hanno spinto a non praticare. In Chiesa Gesù è presente nelle nostre vite, ma non si capisce che tante volte non viene riconosciuto e quando viene riconosciuto, purtroppo, tante volte viene allontanato per motivi pratici. Ma si tratta di scelte talvolta inevitabili…

  4. 4
    Rossella -

    Ad ogni modo questa visione grossolana ti fa sentire una donna che vive aspettando la venuta di Cristo e nel rapporto con un Dio che ancora non si è rivelato fa fatica a relazionarsi con gli altri. In Chiesa nessuno ti ricorda che devi pulire la polvere che hai lasciato con i sandali. Si chiede scusa quando si cerca il perdono, ma nessuno condivide il senso di esclusione al punto da neutralizzarlo. Indirettamente viene dato all’uomo il potere di rifiutarti. Questo è quello che non mi è mai andato giù. Per modo di dire. Ho grande rispetto di tutti. Ci mancherebbe. Con questo voglio dire che la sua proposta è molto vaga. Ci vedi dentro quello che ci vuoi vedere. Magari non t’interessa. Esiste anche l’amore non corrisposto. In linea di principio l’amore è una forza che, per paradosso, ti porta a sentirti finto quando stai bene. Finisci di parlare con quella persona e dici: -cavolo, non sono me stesso!- Perché ti vuoi lamentare. Non lo capisci. Anche questa cecità va capita. Il Signore ci dà i lumi. Morale della favola… vuole sfiorati la spalla senza ostentare stati d’animo che potrebbero consumarlo come una candela. La confidenza si costruisce per gradi. Ma anche dare per scontata ‘sta cosa qui è sbagliato. Metti insieme due personaggi che appartengono a famiglie antichissime e vedrai che non caverai un ragno da un buco. Non mi è mai capitato. Forse i miei nonni paterni si assomigliavano da questo punto di vista. Si vedeva. Per un figlio potrebbe sembrare un’immagine forte.

  5. 5
    Pasquale -

    È bello come scrivi Rosella anche se io non hh capito molto, ma perchè dici la qualità dell’investimento emotivo dipende dalla chiesa? Cosa centra la chiesa.

  6. 6
    Gabriele -

    Anche tu mi sembri un po’ indecisa. E’ sempre reciproco. Cmq dai, le vacanze ci sta, ognuno per sè

  7. 7
    deviz75 -

    Bah secondo me non ci sta le vacanze ognuno x se..

    Ma scusate se sono innamorato e amo non mi andrebbe proprio di fare le vacanze con i miei amici..

    La mia ipotetica lei mi mancherebbe..poi non so..

    Magari mi sbaglio e lo spero x te caty ma sembra quasi che lui vuole un rapporto come dire…se ci sei ok altrimenti alla prossima..

  8. 8
    LaLu -

    L’un consiglio che ti posso dare, essendo una che ha tollerato, in nome della grande affinità che esisteva con il mio ex ragazzo e che mi impedisce ancora oggi a distanza di un anno di vivere serenamente la storia con un uomo dal punto di vista sentimentale estremamente più maturo (anche se a volte il resto lascia a desiderare) è di NON tralasciare. Se non ti vanno bene certe cose trova il modo di confrontarti. Non che tu debba importi ma non lasciar perdere. Non pensare semplicemente che la storia è all’inizio, che non ti interessa, che sei più matura. Ne pagherai le conseguenze. Se ti confronterai fin dall’inzio non la storia non avrà pieghe che finiranno per travolgerti 🙂 in bocca al lupo

  9. 9
    Regina Incoronata di Splendore -

    Cerca il dialogo : è sempre la migliore soluzione!

  10. 10
    Yog -

    Ma chettifrega degli esami? Tanto poi per trovare lavoro ci metterai dieci anni, anche se perdi qualche mese non succede niente.

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili