Salta i links e vai al contenuto

Non sempre c’è una spiegazione per tutto!

Mi chiamo Elisabetta, 31 anni,
ormai mi è capitato di postare e rispondere a molte domande in questo sito.
Quasi tutti abbiamo avuto esperienze simili, chi più gravi chi meno, ma comunque con un denominatore comune:
il dolore dell’abbandono.
Sappiamo quanto questo dolore sia lacerante e insopportabile, e quante energie noi spendiamo per interpretare, capire e dare una spiegazione a tanti atteggiamenti inspiegabili o apparentemente tali di chi un giorno, dopo effusioni d’amore, ci lascia in maniera crudele, di chi sparisce all’improvviso, di chi si allontana da tutto e da tutti per sempre.

Ebbene, le pippe mentali ce le siamo fatte un po’ tutti, ma alla fine io credo una cosa, cioè che il modo migliore per andare avanti e capire è smettere di chiedersi “perché? “.
Voglio dire, non sapremo mai e poi mai cosa succede nella mente degli altri e non entreremo mai a fondo nei meandri della loro psiche per sapere cosa scatta o cosa li spinge a gesti, per molti di noi, irrazionali.
Quanto più cerchiamo di dare una spiegazione, più rischiamo di prendere abbagli e di appigliarci a false motivazioni finendo per illuderci di aver capito perché!

Basta, smettiamola, sfoghiamoci qui se vogliamo, ma partiamo dal presupposto che spesso e volentieri non conosciamo abbastanza chi ci è stato a fianco, chi fino a un minuto prima diceva di amarci. Non sappiamo cosa gira realmente in testa a molte persone.

Questa è la mia spiegazione a tutto: NON C’È UNA SPIEGAZIONE.

Buon 2011 a tutti!!!

L'autore ha scritto 7 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

7 commenti

  1. 1
    Fabio1981 -

    La spiegazione c’è ma è nella testa dell’altro.
    Hai ragione, non bisogna chiedersi perché… ma occorre pensare al futuro. Però è difficile. Perché ti chiedi… “perché proprio a me?… cosa ho fatto mai di male per meritarlo?”
    Io avevo investito tutto su di una ragazza che dopo 9 anni, proprio quando dovevamo andare a convivere ha preso le valige ed è andata a convivere con un altro, dopo avermi tradito. Non ho parole per la delusione e l’umiliazione provata un mese fa quando l’ho saputo.
    Sai cosa ti dico? Che forse noi delusi meritiamo molto meglio perché non siamo capaci a far del male ad un’altra persona e siamo coscienti del significato delle ferite dell’amore…. ferite che possono racchiudere il dolore della perdita della persona cara e anche la rabbia, il risentimento e la vergogna di essere stati presi in giro. E poi la paura tremenda della solitudine….
    Forse un giorno incontreremo veramente la nostra donna o uomo giusto e ci rifaremo una vita. E sicuramente avremo accanto una persona migliore, che ci ama con tutta se stessa… giorno dopo giorno… Buon 2011 anche a te!

  2. 2
    Coda di lupo -

    Infatti si smette di stare male, proprio quando si rinuncia (spesso in modo inconscio) al
    voler sapere il perché e il percome di decisioni altrui, che sono figlie di situazioni che
    noi manco sappiamo…hai proprio ragione

    Buon anno!

  3. 3
    colam's -

    ahahah ! ottimo ! Anche se per essere precisi non è che NON ci sta una spiegazione, ci sta ma non riusciremo mai a saperla completamente, anche perché le spiegazioni dei nostri atti a volte non le capiamo nemmeno noi senza un aiuto esterno.

  4. 4
    Sissi -

    Fabio hai ragione. Ho nove anni più di te e sto vivendo più o meno la tua stessa situazione. Ho sperimentato che la spiegazione c’era eccome! un’altra! 🙂 Eppure… nel momento stesso in cui la verità mi siè presenata davanti.. ho ringraziato il cielo per essermi liberata di unapersona che davvero non vale un’unghia del mio mignolo! e no lo dicoper presunzioneperché> ancora soffromah… peggioperloro …

  5. 5
    Fabio1981 -

    @Sissi. Hai ragione anche tu. Ringrazio il cielo di essermi liberato di lei, perché in fin dei conti una così vale poco. Pure io sto patendo un po’ adesso, perché è normale… forse patisco la solitudine e la paura di non trovare di meglio, ma dobbiamo essere sicuri e certi che prima o poi arriverà… e vedi che non soffriremo più… buon 2011 anche a te.

  6. 6
    amica76 -

    Ciao Elisabetta,
    noi ci conosciamo ormai bene, vero?:-))))
    Che dire, le tue parole sintetizzano un pò quello a cui io sono arrivata dopo 5 mesi da quando mi ha lasciata….basta farsi domande, basta sofferenza e basta mettere la felicità nelle mani degli altri. Io non so cosa sia successo in me nelle ultime due settimane ma tutti mi dicevano che sarebbe arrivato il momento in cui qualcosa sarebbe scattato….non so se sia istinto di sopravvivenza ma ora non mi interessa cosa sta facendo, con chi si veda e sono certa che se tornasse (pensiero puro ipotetico) io non lo rivorrei mai più indietro. Troppo dolore e troppa sofferenza e l’amore finisce e come dici tu millemila domande….perchè, cosa ho fatto di male, cosa c’è di me che non va, non troverò mai più nessuno come lui…..Non esiste, io la mia vita non la spreco per cercare di capire cosa pensa un altro…sto capendo me stessa. Sto conoscendomi finalmente, sto amando me stessa. Se mi fossi amata un pò di più avrei pensato alla mia felicità anche negli ultimi mesi della storia in cui anche io non stavo bene. Sono stanca di guardare indietro a qualcosa che non c’è più. Non ci sono spiegazioni, ci sono solo persone che non condividono gli stessi valori di base (sacrificio, rispetto, maturità emotiva) e per questo ad un certo punto tutto finisce. Stop. Adesso ripartiamo da noi, siamo noi la cosa più importante. Vi abbraccio ragazzi, io non avrei mai pensato dopo 5 mesi che sarei stata così lucida e concentrata sulla mia felicità. Ce la si fà, è matematico. Ce la si fa! Vi abbraccio e ciao Elisabetta!

  7. 7
    elisabetta -

    Ciao Amica76,
    sai domani dovrei tornare su.

    Sei ancora d’accordo a vederci??

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili