Salta i links e vai al contenuto

Sono condizionata dalla gente che mi circonda

Ciao a tutti,
mi sono appena iscritta qui e è la prima volta che scrivo.
Ho trovato questo blog e ammetto che mi ha aperto un mondo nuovo, grazie.
Innanzitutto vorrei dire che sono una ragazza molto emotiva, e ho molti problemi in fatto di sentimenti. Mi sono iscritta per condividere i miei pensieri, ascoltare e capire gli altri e me stessa. Ho sempre avuto aiuto e appoggio dai miei amici, ma il fatto che mi turba più è principalmente quello della famiglia. Il mio problema è che i miei genitori sono molto stressati e io sono molto piccola; credono che non possa essere abbastanza matura e adulta da compiere certe cose (ora voi starete pensando: questa è una delle solite ragazzine depresse di cui non m’importa nulla, invece io non sono così. capitemi. )
Rifugio tutta la mia rabbia nelle lacrime, facendola diventare debolezza e insicurezza.
Cerco sfogo nella musica, nel canto, nello skate, nelle passioni che ho, ma nulla serve.
Sevo scrivere, parlare, e scrivere ancora. Devo buttare tutto ciò che ho dentro su un foglio o su pc. Il ritmo dei miei pensieri è più veloce del battito delle lettere su tastiera, quindi sarò breve. Non riesco a sopportare tutto questo stress che mi circonda, sono altamente influenzata dai miei genitori (continuamente arrabbiati dai fatti di politica, lavoro, soldi, economia ecc… ) e da ciò che mi circonda.
Ho paura di uscire di casa! perché? perché penso che ci sano troppi pericoli.. ”mi rubano la borsa, perdo il cellulare, mi violentano, mi giudicano, mi guardano male tutti, perdo l’autobus, faccio in ritardo” e tutte quelle piccole cose, che sembrano non contare nulla, ma che in realtà mi rendono negativa, piena di pregiudizi e mi danno talmente tanto stress da farmi agitare SEMPRE anche prima di dormire.
Perdo capelli, ho sempre occhiaie enormi e rispondo male a tutti. Aiutatemi, o almeno, consigliatemi qualcosa.
-Cristina, la ragazzina stupida in piena crisi adolescenziale.

L'autore ha scritto 2 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Famiglia - Me Stesso

2 commenti

  1. 1
    dreamer -

    Cristina, io non so quanti anni tu abbia, ma cambia poco sai?
    I genitori, a qualunque età, hanno un’immensa influenza su di noi. Finché non ci decidiamo a scrollarci di dosso quest’influenza. Tu pensa che io, in passato, ero talmente arrabbiata e influenzata da non ragionare:facevo l’esatto opposto di tutto quello che secondo loro era giusto, perché mi ero convinta che fosse tutto errato a prescindere quel che mi dicevano. La verità è che non sono perfetti, ma hanno dei limiti, anche i nostri genitori, che noi vediamo con gli occhi di figli, e vorremmo sempre perfetti. Affidiamo ai genitori la responsabilità delle nostre vite, attribuiamo a loro la responsabilità delle nostre scelte, quasi sempre. anche io, facendo l’esatto opposto, ho potuto dire, quando sbagliavo, che era colpa loro perché mi avevano condotto a questo. E pensare che facevo l’opposto convinta di essere libera!
    Ci si arriva con il tempo, crescendo internamente, qualunque sia la tua età. La paura di tutto la conosco bene, tu pensa che fino a qualche anno fà io d’inverno mi imponevo il coprifuoco delle 17, perché poi era buio, e io ero terrorizzata. Io sono stata in psicoterapia per questo. Gradualmente ho imparato a distinguere i pericoli reali da quelli esagerati. Ho imparato il concetto di prudenza,la via di mezzo. Oggi faccio un lavoro che a volte mi impone di tornare a casa a mezzanotte. Non ti nego che ho comunque paura. Accelero il passo e mi guardo costantemente intorno. Però lo faccio. Il che non vuol dire che percorro una strada di campagna da sola di notte magari con un perfetto sconosciuto. Insomma, la via di mezzo, dettata dal buon senso, che viene spesso offuscato dall’esterno. Tranquilla, gradualmente arriverai a riconoscerti e conoscerti a prescindere dall’esterno. Ma pè un percorso graduale, molto graduale.

  2. 2
    rosi -

    ma quale crisi adolescenziale? sembri proprio una ragazza matura! ti meriti un bel complimento solo per il fatto che riesci ad individuare il tuo problema e a metterlo nero su bianco con tanta sincerità e schiettezza. brava! il mio consiglio? affronta la realtà a piccoli passi. esci di casa e concentrati su di te, guarda a te e alla tua strada, al tuo obiettivo quando esci. un po’ per volta, non devi uscire e strafare, ognuno ha i suoi tempi… non guardare gli altri, guarda dritto. gli altri non sono dei mostri e, fidati, la maggior parte della gente che s’incrocia per strada se ne sbatte di te. non trovi sia uno spreco di tempo vivere nell’angoscia e nell’ansia? sii orgogliosa di ogni cosa che fai, pensare tanto, scrivere, cantare, urlare!!! sei tu e basta! e sei uno splendore perchè tu riesci a manifestare ciò che senti in maniera autentica. molte persone invece si vergognano e si mascherano! coraggio cara! la vita va vissuta!

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili