Salta i links e vai al contenuto

La sofferenza della non-bellezza

Non mi piace la mia immagine riflessa nello specchio.
Non mi piace la forma del mio corpo, non mi piace come cadono i capelli, non mi piace la grana della mia pelle, non mi piacciono le mie orecchie, non mi piacciono quelle piccolissime rughe da stress che ho sotto gli occhi, non mi piace il mio sorriso ancora da aggiustare.
Non mi piace praticamente niente.
Mi trovo poco meglio se mi guardo vestita. I vestiti possono coprire i difetti, se scelti bene.
Sto lavorando, per migliorare quello che non va, da un po’, e i risultati con tanta calma si vedono, almeno poco.
Ma è snervante vedersi e chiedersi “ma perchè non sono nata un po’ più carina?”…
Non ho solo difetti che posso sistemare con una dieta e un po’ di palestra, ho difetti che mi rendono molto più insicura, che non mi permettono di relazionarmi bene con gli altri.
Mi rendo conto che tanti dei no che mollo regolarmente a persone e attività sono dovute alla mia scarsa accettazione di me stessa… Io mi guardo e penso “ma come si fa?”…Cioè, non vedo possibilità per me, neanche fossi la persona più brutta del mondo… Tendo a vedere tutte più belle di me, e penso anche di essere abbastanza obiettiva.
Veramente, se esamino ogni lato del corpo di qualcuna in relazione al mio, vedo sempre che effettivamente loro sono meglio.
Ogni volta che punto un ragazzo poi penso “o è fidanzato, o non gli interesso, o se potessi interessargli tanto troverà qualcuno migliore di me”… Ho una tale facilità nel sabotarmi ogni possibilità che mi faccio quasi schifo.
Nessuno mi ha mai detto “fai schifo”. Qualcuno mi ha detto “sei brutta”, qualcuno mi ha detto “sei bella”.
Io sono sempre stata condizionata dai “sei brutta”, sono cresciuta con l’idea di essere brutta.
La mia mente nuota nella convinzione che se uno mi vede bella probabilmente ha le fette di salame sugli occhi, o non può permettersi di meglio (non lo dico in senso offensivo, per me ripeto, son tutti più belli di me), o mi ha vista vestita particolarmente carina, o al buio, o comunque non ha notato tutti quei miei bei difetti…
Lo so, sembra un discorso da pazza… Sto solo cercando di dire… Come si fa?
Come si fa a non essere continuamente condizionati dall’immagine di se stessi?
Vorrei essere capace di stare bene con le persone che incontro, vorrei poter fare bei sorrisi di quelli che ti rassicurano… Vorrei che ogni tanto dalla mia faccia trasparisse serenità… Invece ho sempre il muso, perchè non mi piace sorridere… Credo che il sorriso sia la cosa più importante. Forse lo penso solo perchè ho lottato quasi tutta la vita con difetti ai denti, però veramente, io rimango incantata dai sorrisi delle persone.
Sono ossessionata dalla ricerca di difetti nella dentatura altrui, o nella loro postura, nella loro pelle, e in tante altre cose… Provo odio verso me stessa e quasi verso i miei genitori quando vedo le quindicenni di adesso tutte carine, col sorriso smagliante e chissà come han tutte dei begli occhi, sono proporzionate, e hanno sempre i capelli in piega e i vestiti che si mettono gli stanno bene… Poi probabilmente sono spesso frutto di anni di elementari fatti di occhiali, apparecchio ortodontico e scarpe di barbie, ma nel momento in cui hanno bisogno di essere belle, o quanto meno di sentirsi belle, lo sono.
Io non mi sono mai sentita bella, mi ha fatto schifo la mia adolescenza, non mi sono mai sentita bene con me stessa ne in mezzo agli altri, mi sentivo tanto bella dentro e brutta fuori, come se stessi soffocando una luce e nessuno la vedesse.
Sono ipersensibile, soffro a vedere espressioni di dolore nelle persone, soprattutto se anziane, mi arrabbio per offese da niente, le prendo troppo sul serio… E penso che tutto ciò mi porti a voler sembrare perfetta agli occhi degli altri…
Ho una tale idea di perfezione sia da cercare in me stessa che in qualcuno che mi si sta friggendo il cervello.
Io voglio sentirmi più normale.
Voglio essere in grado di pensare che quando sto uscendo con qualcuno, magari quel qualcuno è interessato a me e si merita un po’ di più di possibilità da me, vorrei essere capace di non piantare sempre tutti perchè qualcosa mi dice che non sono abbastanza.
Probabilmente non mi vedrò mai bella come immagino la bellezza. Perchè non la pianto di rovinarmi da sola e soffrire?
Non voglio più essere condizionata dalla mia non bellezza e dagli altri.
Probabilmente c’è qualcuno che pur di starmi vicino accetterebbe ogni mio difetto e mi inciterebbe anche a migliorare.
Come cavolo mi convinco?

L'autore ha scritto 15 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso

25 commenti

Pagine: 1 2 3

  1. 1
    Isabella -

    Ciao, mi dispiace cucire che scrivi, perché la bellezza è uno stato d’animo mentre si hanno questi pensieri negativi circa il loro aspetto. E ‘cucire si passa sugli altri. Non vi è alcun perfetto in questo mondo. Abbiamo tutti una bellezza particolare. Tu hai la tua bellezza. E il sorriso, è una delle cose che ci fanno sembrare più attraente agli occhi degli altri. Scusa se ​​non scrivere bene, sto iniziando a conoscere il corso di lingua italiana. Sonno Brasiliana. Un saluto, prima amare te stesso, solo allora si sarà in grado di sentirsi amati. Perché se non amiamo, dficil qualcuno da amare noi. Un bacio

  2. 2
    silvana_1980 -

    guarda ti dico per esperienza che essere carina non equivale a essere fortunata nella vita amorosa: perciò prenditi meno sul serio, oggi anche se non si nasce belli ci sono trucchi accessibili, palestre ovunque e corsi di QUALCOSA dove puoi conoscere gente nuova
    parti con l’atteggiamento giusto, impara a fregartene e fai solo quello che ti piace
    non è il segereto della felicità, ma può aiutare
    non mi vuole? pazienza, mi vorrà qualcun altro
    non gli va bene quello che faccio? embè….che devo rendere conto agli altri di quello che mi piace fare…eppoi scusa se loro fanno cazzate io gli ho mai detto nulla? no. e allora??? si chiama libertà. loro opionione=0.
    Mi vedo brutta? mi prendo na giornata e vado alle terme o dall’estetista a farmi trasformare
    sii egoista…un poco, il giusto

  3. 3
    Stefano614 -

    Se vedi solo ciò che la luce rivela e odi solo ciò che il suono annuncia, allora in verità non vedi e non senti.

    K. Gibran

    Ciao Empatica mi scrivi, mi farebbe piacere parlarti..

    stefano614@yahoo.it

  4. 4
    maria -

    Ciao Empatica
    mi piacerebbe poterti rispondere contattandoti in privato. Non so se posso farlo, se i moderatori acconsentono ti lascio la mia mail privata.
    Coraggio. Ammesso che tu sia “brutta” oggettivamente e che non sia solo una tua percezione, cerca di prenderla un pò come una sfida…e di intestardirti nel diventare se non bellissima almeno attraente; il fascino e la bellezza sono due cose diverse; il fascino lo emanano i tuoi occhi e non il tuo corpo o i lineamenti del tuo viso.
    Ti abbraccio forte.
    la mia mail: mariagreco13@virgilio.it

  5. 5
    Dinha -

    Cara il mio indirizzo email se vuoi Parlar con una amica brasiliana, sincera. dinha_cari@hotmail.com

  6. 6
    Issè -

    Secondo me sei stata troppo sottovalutata,magari nell’infanzia e soprattutto da te stessa..devi capire che LA PERFEZIONE NON ESISTE,I PREGI POSSONO ESSERE ANCHE DIFETTI E I DIFETTI POSSONO ESSERE PREGI E LA COSA IMPORTANTE è CHE TUTTI E TUTTE SIAMO BELLE…ognuno di noi ha qualcosa che ci rende belle agli occhi degli altri sia fisicamente che caratterialmente..Devi lasciar perdere per un pò i tuoi difetti e cerca di trovare queli che per te sono pregi e amarti un pò di più 🙂 baci Issè

  7. 7
    ejona -

    Sei una bellissima persona ! Ti basta per convincerti?

  8. 8
    giselle -

    Ciao Empatica,
    le tue parole possiedono la forza di un tornado e la fragilità di un cristallo.. mi sono familiari.. e mi piacerebbe molto parlarti.. ti lascio la mia mail gspampinato@aibu.it

  9. 9
    Gianni -

    Sono un uomo, sono basso, quindi sono brutto.

  10. 10
    rossana -

    Gianni,
    temo tu abbia ragione, non nell’affermare di essere brutto ma nell’esprimere indirettamente, credo, una difficoltà ad essere preso in considerazione dal sesso femminile.

    a mio avviso, è vero che un uomo di bassa statura deve impegnarsi enormemente di più della media per farsi valere nel corteggiamento ad una donna. deve poter sfoderare fascino e personalità in abbondanza.

    un amico, intelligente, alto ma con un viso abbastanza bruttino, mi ha confessato di aver imparato dagli attori cinematografici l’arte di farsi notare, e devo dire che ci è riuscito benissimo. sa dosare dialogo e silenzi, sa osservare molto e comportarsi di conseguenza.

    d’altronde Dustin Offman e Leonardo di Caprio non sono alti più di tanto. non ti scoraggiare e cerca il tuo modo di essere più accattivante e più attraente possibile! tutti ne abbiamo almeno uno!

Pagine: 1 2 3

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili