Salta i links e vai al contenuto

Servitù di passaggio per accesso a garage

  

Da 24 anni usufruisco della servitù di passaggio su una piccola area di un terreno di proprietà del (signore) che abita sopra casa mia, per poter accedere al mio garage. Da un paio di giorni il suddetto ( signore ) ha comprato l’auto per il figlio e l’auto nuova per lui. Sicuramente ha paura a fare la manovra con la sua auto nuova per poter entrare nel suo garage ( che risulta circa 5 mt. di fianco al mio ) . Quindi ha pensato secondo la sua testa : di mettere l’auto del figlio di fronte all’entrata del suo garage, e la sua auto di fronte all’entrata del mio, togliendomi completamente l’accesso. A questo punto penso: questo ( signore ) può tranquillamente fare tutto ciò senza incappare nelle mie lamentele? È posso io incavolarmi nei modi giusti e civili, consapevole che al 99% nascerà un’accesa discussione. E legalmente cosa posso dire per fargli capire che l’entrata al mio garage deve essere libera? Grazie.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Controversie

5 commenti a

Servitù di passaggio per accesso a garage

  1. 1
    Giovanni -

    Ho venduto un suolo edificabile.Antistante il suolo c’è una mia striscia di terreno che il comune dovrebbe espropriare per adibirla a strada.Il proprietario del terreno edificabile ha costruito un garage dietro questa striscia e passa con l’auto sulla di mia proprietà per usufruire del suo garage.
    Considerato che ritengo giusto, passando sulla mia proprietà, farlo entrare nella costruzione da lui realizzata, posso invece chiedergli un riconoscimento oneroso per il passaggio sulla mia proprietà visto che non intende comprarsi la striscia di terreno di mia proprietà e il comune non ha intenzione di espropriare la striscia di terreno per fare una strada pubblica?
    Può il proprietario allacciare l’abitazione ai servizi di luce e gas attraversando con tubi la fascia di terreno di mia proprietà? Ringrazio anticipatamente. Giovanni

  2. 2
    M. -

    Ciao Giovanni.

    La concessione del diritto di passaggio si deve pagare, perché rappresenta un peso che subirà il tuo fondo, e un fondo gravato da un diritto di servitù subisce un deprezzamento in caso di vendita, e questa tua perdita economica va riconosciuta.
    La costituzione del diritto può essere fatta con scrittura privata o con atto pubblico e quindi davanti a un notaio. La seconda opzione è più onerosa della prima, ma è anche la più sicura ed è quella che vi consiglio.

    “Può il proprietario allacciare l’abitazione ai servizi di luce e gas attraversando con tubi la fascia di terreno di mia proprietà?”

    Se il tuo fondo rappresenta l’unica via e la più comoda, sì, può farlo.

  3. 3
    paolo -

    salve, ho un problema col vicino…. x 40 anni entrambi abbiamo utilizzato uno scivolo carraio di 4 mt di larghezza. questo scivolo porta a 2 portoni distinti.
    questo scivolo è x metà mio(2mt) x metà dell’altra persona (2mt).
    ora questa persona vuole erigere un muro x delimitare la proprietà.
    ma io così facendo non riesco + a scendere con i mezzi e accedere al mio portone.
    dopo 40 anni non si è costituito un diritto di passaggio da entrambe le parti?cioè entrambi ormai abbiamo il diritto di passaggio sul fondo dell’altro?
    come mi posso muovere? grazie
    paolo.

  4. 4
    Augusto Palumbo -

    Buongiorno, mio padre comprò negli anni 60 un immobile in fondo ad una strada lunga 600m con servitù di passaggio, ma tacitamente con diritto di posteggio su di essa e sulle aree adibite a posteggio…..infatti nessuno avrebbe acquistato all’epoca un immobile in fondo ad una strada privata senza la possibilità di posteggiare.
    Nello stesso complesso edilizio sussistono altri fabbricati sorti in cooperativa con spazi ed aree proprie di posteggio.
    L’ultimo fabbricato, quello in fondo in cui abbiamo la proprietà, nasce senza un suo spazio di manovra e di sosta, ed è quello del costruttore proprietario della strada con diritto di passaggio.
    Adesso dopo oltre 50 anni! Gli eredi pretendono il pagamento della sosta.
    La mia domanda è se questa loro pretesa è legittima, e nel caso del nostro fabbricato, non essendo nato con spazi propri di sosta, dopo tutti questi anni si è consolidata un usucapione di fatto.

  5. 5
    Yog -

    Niente usucapione, di diritto la questione è già normata da una servitù: sulla strada ci puoi passare, ma non sostare.
    Se finora lo hai fatto gratis buon per te, adesso però con ogni probabilità pagherai l’affitto. Cerca una composizione amichevole e te la cavi con una damigiana all’anno di quello buono.

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili