Salta i links e vai al contenuto

Senatore Selva, il rispetto per gli elettori è altra cosa

Codice d’onore.
Se qualcuno avesse avuto dei dubbi, sull’importanza di avere una lussuosa poltrona in quel del Parlamento, ora ha ben compreso. Il consenso del Paladino del Cavour, così definisce Berlusconi Schifani, gettando le braccia al collo all’esule Selva uscito da AN è contradditorio. Tenetevi saldi: Selva afferma che il suo, è segno di rispetto per i suoi elettori. Il segno di rispetto caro Senatore Selva, è altra cosa. Congedandosi dalla politica l’avrebbe dimostrato.

L'autore ha scritto 140 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Politica

13 commenti

Pagine: 1 2

  1. 1
    DAGO44 -

    Penso che Selva avesse ben altre scuse da offrire agli Italiani,e ripeto Italiani,non solo gli elettori,i mezzi di soccorso quali ambulanze vanno usati solamente per il soccorso,non voglio proprio pensare che se nello stesso momento che SELVA ha preteso di farsi scarrozzare da un ambulanza per arrivare prima negli studi televisivi di quell’ambulanza ce ne fosse veramnete stato bisogno per un soccorso reale.Sono tutti una massa di stolti,ignoranti,e privilegiati,e quando dico tutti intendo proprio tutti sia a Destra sia a Sinistra.A parte che quello che ha fatto Selva risulta anche un po tardivo,e suona come uno scarica peso morto…conoscendo molto bene Fini penso abbia forzato un po la mano a Selva,visto che adesso cè nell’aria il partito unico vorranno solamente inserire personaggi senza macchia e senza paura per poter infinocchiare gli elettori di nuovo….O no?DAGO44

  2. 2
    Carlalberto Iacobucci -

    E’ proprio così Dago, stolti lo sono,ignorantilo sono , privilegiati ( se tocchiamo questo tasto tocchiamo pure il fondo). Quello che desidero al di sopra di tutto, è che se ne tornino a casa saino di DX/ SX oppure CDX/.CSX e mettiamoci la miriade di affini.
    Ciao

  3. 3
    Silja Genghini -

    Che un ottantenne deputato possa considerare il proprio abuso di potere come una goliardata e che possa affermare di ritirare le dimissioni per le pressioni ricevute in tal senso (vorrei vederle: molto spesso le mascalzonate sono giustificate in questo modo, senza peraltro dare effettivamente conto della entità e della natura delle “pressioni”), diciamo che fa integralmente parte del quadro generale che offre la politica, il modo di intendere il mandato parlamentare, la convinzione che fare le leggi pone al di sopra delle leggi, ecc.-
    Ma quello che lascia sgomenti è la totale perdita del senso dello Stato da parte dei nostri reggitori ed amministratori:
    1) il sen. Selva pretende di usare una autambulanza come un taxi, presumo senza neppure pagarlo;
    2) il comandante della guardia di Finanza nel lasciare l’incarico afferma di aver sempre fatto gli interessi del Corpo, che non é propriamente il senso del giuramento prestato alla Repubblica; ciò dopo aver detto “sempre ai suoi ordini” al capo dell’opposizione laddove gli ordini dovrebbe riceverli dal Governo in carica; andrà in lista alle prossime elezioni?
    3) la dott. Forleo inebriata dalla sua immagine sui giornali, travalica nei suoi provvedimenti l’ambito delle sue competenze, e, non contenta, si permette anche di replicare al Capo dello Stato; (vedi sopra)
    4) i senatori a vita (in genere ex capi dello Stato o personalità che hanno dato lustro all’Italia) sono pubblicamente trattati da rimbambiti se il loro voto è discordante rispetto agli interessi contingenti;
    5) un senatore, condannato definitivamente per reati gravissimi, mantiene il suo seggio, percepisce le relative prebende, non sconta la meritata pena, e si vuole che a lui sia dovuto uno sciagurato indulto;
    6) il portavoce dell’ex ministro degli affari esteri usa la Farnesina per i suoi accoppiamenti più o meno leciti;
    7) la moglie del detto ministro “si sbatte il culo” (sua espressione) per ottenere dalla Regione contratti per una clinica;
    8) il Governatore di una Regione afflitta da un mare di immondizia, confessa di avere firmato uno dei contratti relativi alla materia, senza averlo letto;
    e l’elenco potrebbe continuare ben oltre i caratteri a disposizione!
    Ma quando si porrà fine a tutto questo? Davvero dobbiamo subire e pagare per costoro senza poter cambiare nulla? Che tristezza, che amarezza. Silja Genghini

  4. 4
    Carlalberto Iacobucci -

    E’ per questo ed altro ancora cara Silja che abbiamo l’obbligo di cacciarli. Considerato che i lor signori non potranno mai rappresentare nemmeno se stessi è gioco forza che non sarebbero mai idonei a raffigurare il nostro Paese.
    Ciao Carlalberto

  5. 5
    Lorenza -

    E’ meno immorale un senatore che a 80 anni fa questa caxxata dei senatori a vita che, non eletti da nessuno, continuano a tenere in vita questo governo che, peraltro, ha eletto a segretario della camera un ex terrorista e tra i suoi deputati si ritrova indagati plurimi come Caruso e Farina e che ai suoi vertici si ritrova un vicemninistro diessino che è stato intercettato e sappiamo per cosa…

  6. 6
    DAGO44 -

    Lorenza il nostro Parlamento è tutto Immorale,come giustamente fai notare tu ci sono Indagati,plurindagati,intercettati,ma comunque e ripeto comunque qualcuno li avrà pur votati se stanno lì.Non sonbo certo Berlusconiano,ANZI…Ma quando c’era iL Berlusca era un fuoco di fila continuo,una lamentela continua della sinistra che doveva beccarsi come presidente del Consiglio un Indagato come Berlusconi.Ma la musica non è cambita nemmeno con Prodi.Per quanto riguarda invece Selva (non mi va di chiamarlo Onorevole) bisognerebbe prenderlo a calci nel culo.Perchè usare un mezzo di soccorso per i propri comodi non è esattamente da cittadino Italiano.Sapessi quante persone purtroppo ci lasciano le penne solamente perchè l’Ambulanza non è arrivata in tempo,o addirittura perchè non c’era proprio.Saluti DAGO44

  7. 7
    Carlalberto Iacobucci -

    Caro Dago, il Parlamento intero è impuro. Vedi Mele dell’UDC ora affermano che l’imputarsi è stato un atto di risolutezza. A me che il Mele vada in Via Veneto a fare quel che vuole, seppur gesto non nobile non mi dice un bel nulla. Invece mi tormenta il fatto che proprio da quel partito il Pierferdinando afferma: Il problema sta nell’impoverimento della politica e nella sua riduzione a tecnica di gestione degli interessi…una deriva in cui si è smarrito il filo che collega le decisioni politiche alla volontà dei cittadini.
    Ciao Carlalberto

  8. 8
    Lorenza -

    Io volevo solo far notare la sproporzione. Ma dico vogliamo mettere sullo stesso piano un ladro di polli con dei terrrositi?!? Quanto all’On Berlusconi mi pare che siano bastate 600 ispezioni della finanza a Fininvest, con esito negativo, e tante accuse con altrettante assoluzioni. Preferisco ancora la giustizia al giustrizialismo becero.

  9. 9
    edilio45 -

    sono colpevole, siamo colpevoli. colpevoli di vivere un’illusione che ci ha convnti che tutto va bene, ci danno la nostra dose di calcio, ci lasciano esprimere il nostro pensiero, ci permettono di fare satira, ci convincono che il superfluo ci è indispensabile, che se non abbiamo questo o quel prodotto tecnologico, questo o quel detersivo, quella determinata forma fisica ecc., non siamo nessuno neanche dei normali.
    e noi felici ci crogioliamo al sole aspettanto che qualche altro lanci quel sasso che modifica tutto questo rendendoci, senza alcuna nostra fatica, quel mondo pulito e onesto che desideriamo
    edilio

  10. 10
    DAGO44 -

    L’Onorevole MELE,ha agito così perchè lontano dalla famiglia,quindi è di oggi la notizia che in parlamento discuteranno del ricongiungimento dei parlamentari con le loro famiglie,Quindi discuteranno per un ulteriore eventuale altro AUMENTO DI STIPENDIO.Quindi discorso parlamento,parlamentari per me fisce qui.DAGO44

Pagine: 1 2

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili