Salta i links e vai al contenuto

Scienza, oroscopi e fede

Chi segue l’oroscopo? Ci credete veramente? Perché? Eppure molti dicono di seguirlo poco, ma appena notano un giornale che ne pubblica le “divinazioni” tutti pronti a leggerli. Perché? Perché l’uomo ha sempre bisogno di conforto? Perché si sente rassicurato? Siate sinceri. A che segno appartenente, rispondete dicendolo per favore? Sapete il vostro ascendente?

L'autore ha scritto 107 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Spiritualità

5 commenti a

Scienza, oroscopi e fede

  1. 1
    Fabio -

    Conosco il mio segno (Sagittario) ed ascendente (Pesci), ho 27 anni e
    per un pò di tempo quella degli oroscopi per me è stata una mania.
    Consultavo 3/4 oroscopi al giorno, nella speranza di trovarne uno che mi
    desse buone notizie; era un periodo in cui ero innamorato non corrisposto
    di una ragazza e mi sembrava che consultare l’oroscopo mi aiutasse a
    superare la difficoltà del momento. Ovviamente mi illudevo soltanto, ma
    quando siamo deboli ci si attacca alle speranze più stupide.
    Oggi non leggo più l’oroscopo, ma quando mi capita di conoscere
    un’altra persona (donna) mi interessa saperne il segno, dal quale traggo
    una serie di conclusioni, che in un modo o nell’altro qualcosa c’azzeccano.
    Sarà il caso o verità scientifica? Non lo so, basta non fissarsi troppo!

    Un saluto, Fabio

  2. 2
    silvana_1980 -

    ma si dai è un passatempo divertente però devo dire che qualcosa l’oroscopo lo indovina, qualche altra la canna in pieno…vabbè…chiamalo svago se vuoi quando uno non si spiega qualcosa o non ha nessuno a cui chiedere un parere guarda l’oroscopo del giorno e si fa un idea
    poi magari la giornata va diversamente, spesso anzi
    devo dire che l’oroscopo indovina i tratti caratteriali dei segni e l’influenza dell’ascendente. Io che sono una pesciola son sognatrice, ma ho la forza di carattere del mio ascendente toro che mi salva. Ho amici e colleghi dei gemelli che sono in genere come li descrivono nervosi e iperattivi aperti alle novità. Conosco gente della bilancia mio padre compreso decisamente lunatica, o gente del cancro mia madre compreso decisamente apprensiva.
    Non condannerei gli oroscopi ma chi ci specula poi sopra col denaro (maghi, maghelli, streghe, stregoni, e compagnia cantante).
    A leggere una rivista con l’oroscopo non è mai morto nessuno basta prenderla per com’è…una specie di gossip.

  3. 3
    luca -

    Personalmente ritengo gli oroscopi inutili e talvolta pericolosi. Gli astrologi sostengono che l’esatta posizione dei pianeti e delle costellazioni dello zodiaco al tempo della nascita di una persona possa influenzarne tutta l’esistenza. L’oroscopo si basa sulla posizione di questi corpi celesti in un dato momento.
    Molti però potrebbero obiettare che ’astrologia ha origini antiche e che se per millenni gli astrologi hanno operato ci sarà un motivo. E’ vero! Circa 4.000 anni fa i babilonesi cominciarono a predire il futuro osservando la posizione del sole, della luna e dei cinque pianeti più visibili. Ritenevano infatti che le forze esercitate da quei corpi celesti fossero in grado di influire sul comportamento umano. In seguito basarono le loro predizioni anche sui segni dello zodiaco.
    Nel corso degli anni sono poi sorti astrologi che hanno tentato di predire avvenimenti talvolta apocalittici che hanno condizionato profondamente il comportamento di molti (Nostradamus in primis!) Anche gli astrologi dei nostri tempi non sono stati capaci di predire avvenimenti significativi. Dopo aver preso in esame più di 3.000 predizioni astrologiche, ho letto che due ricercatori scientifici sono giunti alla conclusione che solo il 10 per cento d’esse si era dimostrato attendibile. Qualunque attento analista farebbe predizioni migliori.
    Pur riconoscendo l’influenza degli astri su alcuni fenomeni terrestri (maree, periodi per la raccolta o l’imbottigliamento), credo che ognuno di noi sia padrone di se stesso e del proprio futuro e responsabile delle proprie azioni

  4. 4
    civettarossa -

    Sono una appassionata di astrologia e la studio da anni.Sono sagittario ascendente cancro e prima ho iniziato ad analizzare me e poi altri tema astrali.. molte cose però sono vere..nel senso che ho scoperto comportamenti che leggendo il soggetto su carta tramite un tema astrale e poi conoscendolo è venuto fuori che era proprio cosi. Non credo molto che solo il segno solare ci dia qualcosa ma un intero tema astrale con ascendente,venere,marte etc.
    Si ci credo ma solo perchè ho letto e toccato con mano ..

  5. 5
    libera -

    L’analisi attenta di un tema natale può dare risultati impressionanti. La difficoltà sta nell’interpretare con esattezza. Cosa che in genere, non può essere fatta in pochi minuti ma solo dopo un lungo e accurato studio del tema stesso e dei transiti. Tanto per fare uno dei tantissimi esempi possibili, un Saturno che transita in IV casa ha il generale significato di affrancamento dai legami con la famiglia d’origine. Come questa rottura possa avvenire è ciò che non è facile predire con esattezza. Va valutata la posizione del pianeta all’origine, gli aspetti con le varie case ecc. Potrebbe darsi che la rottura avvenga per un matrimonio che porta la persona ad allontanarsi, anche fisicamente dalla famiglia. O per un lutto, per la vendita di un immobile ecc. Quindi, l’evento in sè è già scritto che avverrà, l’astrologo o l’interessato deve fare un’analisi approfondita sulle modalità di realizzazione.
    Quanto all’essere padroni del proprio destino, vorrei credere che fosse così. In tal caso credo che saremmo tutti felici, soddisfatti, ricchi e in salute. E’ in nostro potere, no? Ma credo ognuno possa sperimentare che tutta una serie di eventi interviene sempre a modificare i nostri progetti. In realtà il grosso della nostra esistenza è fuori dal nostro controllo. Quello in cui siamo liberi è il modo in cui ci rapportiamo alle situazioni che ci capitano e come (e se ) le affrontiamo. Il che è dato poi dalla nostra natura, che acquisiamo alla nascita, per cui non è poi una così grande libertà.

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili