Salta i links e vai al contenuto

Sciacallaggio, reato e stupidità

Sciacallaggio e circonvenzione per sciacallaggio e simili, non sono solo atti criminosi, sono veri e propri atti di stupidità. Se ne sentono tante, e con tutti i mezzi tecnologici e sì perché ormai anche gli sciacalli si sono automatizzati, come tutti i delinquenti professionisti. Se ne sentono di signorine nude “casualmente ” abbracciate a vips, calciatori e foto con mafiosi, messaggi telefonici con sottofondi pericolosi, insomma sembra che intorno ad ogni atto di Sciacallaggio, ci siano anche delle circonvenzioni, ma poi questa gente che fa? Passato il minuto di “Famigeratismo”? Nulla, la gente se li scorda, come prima ritornano ad essere i nessuno della situazione, ma con fedina penale sporca. Sono sempre stata anti manzetti che praticano queste cose, e già su questo sito, nel 2008, avevo teorizzato questo fenomeno, perché la gente si sa ama più apparire che essere, ma apparire a tutti i costi è da stupidi, soprattutto apparire male. Per cui raccomando alle “signorine/i go go ” e chi li aiuta a fare una riflessione su stesse perché fanno la figura delle pezzenti, in più non si diventa famosi dando fastidio agli altri, ma come ho detto prima si ritorna peggio nell’oblio, ma con un carico in più, ecco penale. Vise.

L'autore ha scritto 107 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Attualità - Riflessioni

34 commenti a

Sciacallaggio, reato e stupidità

Pagine: 1 2 3 4

  1. 1
    viseminara -

    So di menti malate che copiano e clonano e creano indirizzi mail da id già esistenti ,la gente corrotta è capace di tutto, e fanno effrazioni in casa mentre suona il campanello da un altro lato o usano numeri di telefono, sospesi, e dimenticati in altre case o persi.basta avere un commerciante compiacente, un addetto in queste società,o altro.L’utente ignaro ha più mail e non lo sa.Lo scopo è anche di entrare nei conti correnti bancari o nella vita delle persone per estorsioni varie.E peggio ancora.fORTUNATAMENTE LI BECCANO SEMPRE.

  2. 2
    glosstar -

    Tanto la lettera che il tuo successivo post sono incomprensibili.

    Se non articoli in maniera coerente il tuo pensiero, rendi impossibile a chiunque capire cosa vuoi dire…ammesso che veramente tu voglia o abbia qualcosa da dire.

  3. 3
    viseminara -

    Mi pare di essermi espressa in italiano corrente, e di aver parlato di un argomento molto attaule……….forse non leggi i giornali?

  4. 4
    glosstar -

    Cara Viseminara,

    il tuo Italiano corrente pare che funzioni a…corrente alternata. Una vera e propria sinusoide dove mescoli lo sciacallaggio e le signorine abbracciate a vip e calciatori. Menzioni la circonvenzione di incapace declinandola nel famigeratismo (sarebbe bello sapere cos’e’) e mi risulterebbe quantomai interessante conoscere in cosa consista definirsi anti manzetti (stiamo parlando di tagli bovini?)

    Su una cosa tuttavia siamo d’accordo, ovvero che molta gente ama piu’ apparire che essere. Per tutto il resto provero’ a sfogliare con maggiore attenzione la stampa nazionale, chissa’ mai che non riesca a trovare il glossario che mi aiuti a decifrare il tuo scritto.

    P.s. Non voglio essere offensivo bensi’ ironico. Sto infatti dicendo che forse quel che scrivi e’ chiaro per te che sai cosa vorresti scrivere. A chi legge, il tuo messaggio risulta piuttosto ermetico e confuso.

  5. 5
    viseminara -

    Mio caro glossstar, prima menzioni il mio italiano, dicendo che non mi so spiegare o non so scrivere, non ho ben capito, ma sono curiosa, fai il professorino? . Poi dici che non capisci l’argomento. Anche nei concorsi letterari e nei libri magari, che non sono meno importanti della stampa ti assicuro troverai queste informazioni, sempre che tu li bazzichi, sai sono luoghi eruditi. Tu travisi volutamente le mie parole e non sto nemmeno a spiegarti che lo sciacallo , le signorine( manzette ) e le famigerate sono lo stesso soggetto, anche perchè la puntegiatura, ma condita con paroloni obsoleti e popmposi per fare impressione, non nascondono una natura molto poco informata, oserei dire di paese (senza essere offensiva anch’io sempre). Triste sapere che non leggi nemmeno , perchè sia in altri blog, che in alcuni libri la figura della manzetta è facilmente individuabile, ma cercherò di essere buona e intendo spiegartela nuovamente . Manzetta: ragazzetta scialba e di poco talento che sfrutta notizie false o rende false testimonianze, o circonvenziona con le foto anche nuda e atteggiamenti vari i vips e non solo per fare carriera nel mondo dello spettacolo , tipe pronte a concedere anche favori sessuali (lettera mia in questo blog, settembre 2008 sfoglia anche questo TRA PARENTESI UN ARTICOLO DI MOLTO SUCCESSO).Mio caro non voglio essere cattiva , ma ,non mi sembri un sepulveda così eruto da poter giudicare, sempre senza offesa. LEGGI E POI SE VUOI RISCRIVI. UN CONSIGLIO credimi da amica: prima di scrivere su un argomento , è sempre meglio informarsi, altrimenti corri il richio di fare la figura dell’ignorante, o dello stolto.distinti Saluti vise( tra parentesi io ho scritto per il giornale di Sicilia, nei blog del corriere della sera e per la stampa).

  6. 6
    viseminara -

    P.s considera sempre, che nei blog e su internet in generale, la gente manifesta le proprie idee, in piena liberta di opinione, fortunatamente senza censura politica, o blocchi per ripicca sceme,di gente ancora più scema. Solo gli stupidi, pensano che i blig siano nocivi essi sono la massima espressione dell’ingegno umano, se vuoi sapere cose della gente e sui blog che devi andare a cercarla, non sui giornali , ai quali i redattori dovrebbero dare più spazio e più libero accesso , per sapere davvero cosa succede e ciò che la gente pensa e qui che lo trovi. Tra parentesi sono sempre notizie vere, più vere che da altre parti.

  7. 7
    glosstar -

    Mia cara Viseminara,

    colgo l’occasione per confermarti che il romanzo della vita a tutt’oggi e’ fermo nel refill della mia Bic nero punta fine e forse mai vedrà la luce per posarsi sugli scaffali di una qualsiasi libreria. Proprio per questo non ho avuto la fortuna di “bazzicare” i concorsi letterari ove avrei potuto erudire il mio sapere e diventare editorialista presso uno qualsiasi dei quotidiani a tiratura nazionale come invece e’ successo a te.

    Dimessamente, quel che scrivo altri non e’ se non la lista della spesa settimanale o la carta d’auguri che mi pregio di inviare in occasione delle feste consacrate. Riguardo poi alla lettura, riconosco di non andare oltre qualche biglietto da visita, il “bugiardino” sull’etichetta del vino (…indicato con le carni bianche, rosse con il pesce, la frutta secca e il dolce) e se proprio voglio distrarmi non disdegno l’elenco telefonico.

    Scherzi a parte, la menzione sul tuo italiano “corrente” te la sei fatta da sola. Io quell’italiano l’ho soltanto aggettivato definendolo a “corrente alternata e lungi da me il voler fare il professorino o l’erudito Sepulveda–autore che peraltro amo–il mio suggerimento aveva il solo scopo di invitarti a esprimere meglio quel che vuoi comunicare anche perché e’ evidente il tuo desiderio di essere letta.

    Scrivere per se stessi, per dare voce alla propria anima, può anche infischiarsene di sintassi e forma tanto nessuno leggerà mai quel pensiero. Tutto questo però cambia, quando comunicare agli altri il nostro sentire diventa l’obiettivo dello scrivere. E’ proprio qui che l’esposizione del pensiero richiede una visione d’insieme cristallina da parte di chi, quel pensiero si prepara ad articolare.

    CONTINUA

  8. 8
    glosstar -

    Visualizzare mentalmente ciò che si andrà a narrare aiuta infatti a definirne struttura, forma, e sequenza temporale. Inoltre, la conoscenza approfondita della propria lingua, estrinsecata da un vocabolario ricco e articolato, consente un duplice risultato: 1) l’impiego di parole chiare, precise e appropriate e 2) la riduzione dei vocaboli utilizzati con conseguente creazione di periodi brevi e sintetici. Infine, l’uso di una sintassi corretta regolata da una punteggiatura coerente, offre a chi legge il piacere di un concetto finito, conciso, e soprattutto comprensibile.

    Sono nato e cresciuto nella più Europea delle città italiane e quanto fin qui narrato serve a spiegarti quanto poco provinciale sia il mio “esaminare” il tuo scrivere. Mosso infatti dall’ambizioso titolo dell’’argomento posto in discussione (“Sciacallaggio, reato e stupidità”) mi sono irrimediabilmente perso nel decifrarne il contenuto a scapito del desiderio di dibatterne. E a quanto pare non sono l’unico, visto che a distanza di giorni siamo io e te soltanto i partecipanti a questa discussione. Persino l’altro tuo soggetto dal promettente titolo, “Intercettazioni e caccia alle streghe” non mi pare che goda di miglior attenzione e/o fortuna.

    Desidero quindi ricordarti che nel blog del Corsera e della Stampa può commentare chiunque e pur volendoti dare credito di aver scritto nel Giornale di Sicilia, in questo forum, a tutt’oggi io soltanto son quello che si sforza di capire cosa tu voglia dire.

    A conclusione di questo scritto e alla luce di quanto sopra esposto chi dovrebbe farsi una “doccia” di umiltà forse non sono io.

    Con rispetto, glosstar

    P.s. E ora puo’ cominciare la discussione su veline e “manzette” che si accompagnano a calciatori e vip; su furti d’identità e menti malate che clonano email e numeri di telefono; sul fatto che Internet e’ rimasta l’ultima fonte di informazione anarchica e indipendente…

  9. 9
    viseminara -

    Sai, il primo a dire che una scrittura chiara e senza “Virtuosismi popmposi”aiuta a comunicare è stato Dante nel 13 esimo secolo. Vuoi concedermi che forse lui era uno scrittore più fortunato di te, e si ammetterlo a male in cuore anche di me. Ringrazio per la fiducia nel credere che ho lavorato per il giornale di sicilia, ma io faccio anche lo scrittore professionista, sono attualmente autrice del testo pluripremiato : Sindrome da onnipotenza acquisita , premio clessidra 2007, al premio circe, altri premi e vanta anche un ingresso a socio onorario presso l’accademia letteraria internazionale terra del vesusio. Attualmente sono a concorso con un altro testo intitolato: L’altra faccia del potere e gli infami. E’ la frustrazione di non essere diventato tu scrittore a farti essere così MALFIDATO e così pieno di astio per chi fa questo lavoro, o davvero fai il professorino, pomposo e senza scintilla? In più non credo che tu abbia come dire i “titoli” per esprimere un giudizio qualificato su questo articolo o su altri.Non è vero che i giornali pubblichino facilmente commenti e blog di altri, certe volte neanche nei forum lo fanno. Se fossi stato giornalista lo sapresti. Il tuo modo di esprimerti, mi da l’impressione di uno che ha compiuto uno studio tecnico, ma privo di lucentezza di talento. Motivo forse per cui, ti limiti a questo mucchio di insulsaggini, da pseudo insegnante non qualificato. OPS GIà DETTO .Ripeto non sei informato sull’argomento , qui si parlava di “manzette” cioè signoririne facili, e di chi perpetra impunemente estorsioni e circonvenzioni a danno di famosi O meno. Non di veline. Che , forse, in alcuni casi , possono anche essere manzette,ma di cui non possiamo affermare con certezza. Argomento: Veline l’hai tirato fuori tu, non so ti piacciono? Ne difendi qualc’una in particolare? E’ questo il motivo del tuo astio? Io mi ritengo una persona umilissima, nel qual caso in cui non dubitino della mia attività. Sono curiosa tu che fai nella vita?

  10. 10
    viseminara -

    Se analizzerai questi testi , troverai che sono più analitici, più informati, sicuramente e più coraggiosi, perchè cercano di affermare delle realtà , anche dure. Discuisiscono di fatti, per lo meno di notizia, che per un giornalista o per chiunque abbia lavorato in questo campo si basa su fatti. Esempio: Caso: marrazzo. Tu che fatti hai portato? A parte qualche velina! Carine in alcuni casi sicuramente, ma non specifiche a fare lavori intellettuali perchè non eruditamente qualificate. Ne convieni? l’argomento veline a quanto pare di scatena la suscettibilità. So di alcune che firmano prima il cognome e poi il nome, per cui sicuramente non sono qualificate. Esempio: Coccia Marco e non giustamente Marco Coccia, in più poi le pubblicano queste cose, sottolineando poi errori minimi di gente che non ha la stessa inesperienza. Tu di che Coccia Marco sei? Premesso che non sono tutte così?………..Fortunanamente ci sono quelle più umili e meno rompipalle. Infine io sono contraria a qualsiasi estorsione anche a questa.

    “ti scatena” , tanto per no far parlare impunitamente queste soggette. A volte scappa il tasto! A te cos’è scappato? Non certo l’eloquenza eh?

Pagine: 1 2 3 4

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili