Salta i links e vai al contenuto

È giusto sacrificare la mia felicità solo per non ferirlo?

Ciao a tutti, voglio raccontare la mia storia. Ho conosciuto il mio fidanzato 4 anni fa, abbiamo 11 ani di differenza, io ho 24 ani e lui 35. Dopo 2 ani abbiamo deciso di andare a vivere insieme. Fino a qualche mese fa è andato tutto a meraviglia fino a quando lui si è impigrito: non aveva voglia di fare niente, non uscivamo più e non mi dava una mano in casa. Devo riconoscere che mi ha aiutata tanto sia lui che ii suoi genitori, economicamente e moralmente, mi sento in debito con loro. Qualche giorno fa abbiamo parlato dei suoi difetti, mi ha anche chiesto di sposarlo, e io non li ho risposto niente perché non sono sicura di volerlo fare ancora, dopo di che mi è venuta anche una crisi di nervi. Lui mi ama tantissimo ma mi sto chiedendo se x me è lo steso, non sono sicura di amarlo come prima. La domanda è: è giusto che sacrifichi la mia felicità solo x non ferirlo e non farlo stare male??? Pensate che debba lasciarlo oppure basta fare una vacanza lontano da tutto e da tutti x schiarirmi le idei. Ho davvero bisogno di un consiglio, che devo fare???????? Un bacio a tutti e grazie

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

33 commenti

Pagine: 1 2 3 4

  1. 1
    casadolce -

    io voto la vacanza! Ma tu devi fare le cose per desiderio, perchè pensi che sia la persona migliore che ti possa stare accanto nonostante i difetti.. ma se pensi minimamente che i suoi difetti ti possano far male, mica devi prendere le decisoni più importanti della tua vita per una quetsione di sensi di colpa o perchè ti senti in debito o in dovere con lui.
    molla tutto, parti, frequenta amiche,… o stai sola.. e poi vedi il da farsi. abbraccio

  2. 2
    fab74 -

    Scappa subito da un’uomo così….e te lo dico io che sono uomo!!
    Se ora è così figurati dopo che siete sposati, non cambia stanne certa….in bocca al lupo!
    Anche io ho avuto una storia con una ragazza che aveva 10 anni meno di me….è finita perchè nonostante tutto i tempi sono diversi, le esigenze sono diverse e le visioni della vita sono diverse….
    25 lei e 35 lui non è la stessa cosa di 35 lei e 45 lui per esempio.
    Sei ancora giovane per poter solo minimamente pensare di stare insieme ad una persona per pietà….

  3. 3
    maximum -

    ma certo, dai retta alla tua compare casadolce, fatti una vacanza, molla tutto, trovatene un’altro nel frattempo.
    guai a provare a risistemare sinceramente le cose, guai a farsi anche un pó di autocritica.

    la tua “felicitá” é tutto, i sensi di colpa e le responsabilitá niente…

    avanti cosí, andate a sfracellarvi per bene il muso che ve lo meritate solamente.

    cristo, se sei in debito con lui su piú piani, allora parlatene seriamente di questa problematica e non iniziare con “non son sicura di amarlo ancora”…e allora mollo tutto.
    tu, sei sempre perfetta ?
    non fai mancare niente ?
    in cosa consiste il tuo amore ?
    nello star bene e appena non é piú cosí te ne vai ?

    ma di che pasta siete fatte ?

    ma c’é l’avete un minimo di sostanza o é sempre solo gelatina in quella testa che ci avete ?!?!

    mere opportuniste come al solito, fin che sto bene va bene, fin che sto povero cristo mi aiuta e fa cose per me ok, quando c’é un periodo di calo, ohhhh non so se lo amo ancora….e l’altro giorno quell’altro mi ha fatto gli occhi dolci…

    ma va—-censura

  4. 4
    Feanor -

    Si giusto, una bella vacanza è la soluzione… ovviamente!
    Fatti una bella vacanza a Cuba, tromba come un riccio…

    Vedrai che questo sarà il rimedio GIUSTO per arrivare alla soluzione…

    Diamine… mi sembra talmente elementare 😉

  5. 5
    andy -

    in cucina.
    senza se e senza ma.

    è un continuo, un fiume in piena e vanno fermate, ci vuole una diga.

    telenovelas e pentole, piatti e telenovelas: non c’è altra soluzione, come ai bei vecchi tempi.

    arrivare con naturalezza a scrivere ste cose è la fine.

    si dete tornare al tempi in cui una femmina deve autovergognarsi già SOLAMENTE nel PENSARLE, mentre invece il processo di spudoratizzazione è divenuto inarrestabile.

    chiudere il rubinetto, fin quando siamo ancora in tempo, è UN DOVERE di TUTTI gli uomini!!

    IN CUCINA, FEMMINE!!!

  6. 6
    christopher -

    stavolta quoto Andy e Feanor.

    Hai scritto poco di voi, ma sì, sembra la solita tiritera del: “non-mi-fa-più-sentire-speciale-quindi-lo-lascio”

    e agli uomini chi li fa sentire speciali ?

    le amanti ?

    bah.

    siamo come dei cani che si mordono la coda

  7. 7
    PEDRO -

    Fab74…ma non ti vergogni ?

  8. 8
    vicky4023 -

    ragazzi io non ho mai fatto mancare niente a mio fidanzato,e sopratutto non sono mai andata con un alto uomo,mai,mai,mai.Sicuramente non e x una cosa sola che mi fa pensare di lasciarlo ma x tante cose mese insieme…io ho massimo rispetto di mio ragazzo,ma credete che basta x far andare avanti un rapporto??????

  9. 9
    fab74 -

    PEDRO: “…non aveva voglia di fare niente, non uscivamo più e non mi dava una mano in casa….”
    Se per te è normale che in un rapporto ci sia una persona che non ha voglia di fare niente, non ha voglia di uscire, non aiuta l’altra persona bene per te. Se per te è normale ti auguro una vita in pantofole sul divano con la pancia e la birra in mano mentre la tua donna fa tutto e quando ha finito magari ti fa anche un pomp..o.
    E perchè dovrei vergognarmi scusa? Per aver espresso una mia idea?
    Allora facciamo un gioco: la tua donna non vuole fare più niente, non fa i lavori in casa, non vuole uscire e se va bene “te la da” una volta al mese…..si impigrisce e diventa di una noia mortale.
    A te andrebbe bene così? Se si buon per te…a me no quindi capisco Vichy4023. L’errore che ha fatto e che ho scritto è che è ancora tanto giovane per impegnarsi in un eventuale matrimonio….
    Ragazzi miei io sono per l’equilibrio in tutte le cose. Che la donna stia in cucine è giusto come è giusto che l’uomo faccia altri lavori in casa, è giusto che ognuno abbia i suoi spazi, è giusto che ognuno viva la propria libertà all’interno e nel rispetto del rapporto che si ha con l’altra persona.
    L’uomo con la clava esisteva millenni fa e oggi non ha più senso di esistere una figura del genere, comunque se la volete incontrare (la figura non la clava) potete andare in qualsiasi paese islamico e vedete che le donne sono inserite nella società proprio come volete voi. Seconda e ultima cosa è inutile che vi arrabbiate con il mondo femminile se siete stati cornuti e mazziati, l’equazione lamiadonnaèt...a=tuttesonotroie non esiste ed è sbagliata.
    Forse questo vostro rifiuto del mondo femminile proviene da una ferita che vi portate ancora dentro e che continua a sanguinare, quando diventerete adulti e soprattutto uomini vedrete che anche il vostro atteggiamento cambierà. Buona giornata

  10. 10
    fab74 -

    E poi comunque a tutti questi bei maschioni che scrivono qua e disprezzano il mondo femminile vorrei chiedere:
    Ma non è che magari non riuscite a tenervi stretta una donna al vostro fianco? Ma non è che ogni volta che ci provate fate un buco nell’acqua?
    Ma non è che per caso “una scopata e via” è più facile perchè si rischia meno di sbagliare e non ci si mette in discussione?
    Ma non è che per caso “una scopata e via” è sinonimo di insicurezza e debolezza interiore?
    Ultima domanda e vi prego di rispondere: Che cos’è un UOMO per voi?

Pagine: 1 2 3 4

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili