Salta i links e vai al contenuto

Sabato sera… notte

Ciao a voi tutti,

questa notte non riesco proprio a dormire, come neppure sono riuscito a divertirmi andando fuori in un locale sul mare in città, a dire il vero quando mai in questi ultimi 2mesi?
Cosicchè, rientrando anche abbastanza presto, sono andato su Youtube e figuriamoci se non trovavo gli originali, di una serie di brani, che dalla metà egli anni ’80 in poi, fino al ’96, cantavo e suonavo in “modo confidenziale”, come tradizione voleva, in un locale di una città vicina, quando il proprietario organizzava serate a tema…poche parole ogni due volte al mese…al sabato sera.
Bei ricordi, peccato che purtroppo, le parole e la musica stessa, sono diventate il tema portante della mia vita, ma a dire il vero, visto dove ci troviamo tutti quanti noi, la nostra strada disastrata.

Erano quelli tempi dove la musica la si suonava veramente “a mano”, c’erano i primi synth, che facevano capolino con buona diffusione, ma come nel primo brano, di Bruno Martino, il mio buon Hammond b3 lo “accendevo” un’ora prima, perchè sennò rimaneva scordato di 1/2 tono…poi con il Leslie(altoparlante rotante) per quel famoso suono “vibrato-rotante” ricordate il suono d’organo dei Procol Harum nel brano “A whiter shade of pale”? (Senza luce dei Dik-Dik per la versione italiana) sennò avrebbe avuto l’effetto di un grammofono che perde la corda, poi all’epoca pianoforte mezzacoda che era del locale…quindi il top per un determinato tipo di musica.

Ma ritornando al mio discorso, sapevo che girando, su quel sito, mi sarebbero prese la malinconia e la tristezza a livelli alti, d’altronde pure chi stava con me piaceva questo genere musicale, confidenziale, le piacevano le mie interpretazioni, che avevo “salvato” in “live”, quando ancora suonavo e avevo messo su cd, anche qui a casa voleva che le cantassi un brano o magari l’altro ed avendo il mio buon pianoforte qui a disposizione lo facevo più che volentieri e lei le cantava con me…

Si! è sabato sera, un sabato sera nero, orrido, vuoto perchè svuotato di tutto, ricco solo di tristezza, malinconia, avrei la voglia di sentire per un attimo sfiorarmi da un filo di vento umano il viso, sentire una mano che accarezza la mia, un piccolo sorriso regalato dagli occhi…poche cose ma che per me vorrebbero dire molto…la vera ricchezza…
Ma è vero in fondo è solo un sabato sera qualunque, senza senso, senza nome, come lo sono tutti questi ultimi, da due mesi abbondanti, che non hanno più un significato…un strada…una logica di felicità…solo una grande malinconia e le mie lacrime scivolano via da sole, solcando il mio viso, senza che nessuno riesca a trattenerle…

YouTube1 YouTube2 YouTube3 YouTube4 YouTube5 YouTube6 YouTube7 YouTube8 YouTube9 YouTube10 YouTube11

L'autore ha scritto 8 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Cultura - Me Stesso

7 commenti

  1. 1
    SnowAnd75 -

    Caro Maxim,
    leggo il tuo post e lo leggo di domenica mattina, dopo un sabato in cui anche io non sono riuscito “proprio a dormire”.
    E’ stata per me una triste nottata di un triste sabato(come capita ormai da qualche settimana..) e come hai detto te, piena di un opprimente senso vuoto.
    In cui non solo è mancato un filo di vento umano, ma in cui la sensazione che questo mancherà per un tempo imprecisato, indefinito, è diventata pesante, schiacciante.
    Il problema in questo caso, sono i pensieri, i ricordi.
    Nel bene e nel male, anche se qualcuno prova a portarli via, rimangono ancorati a “pelle” e “cuore”, che siano legati canzoni, emozioni o immagini (san pietroburgo, il sole che tramonta a mezzanotte, l’hermitage che si accende…una splendida giornata che sembra infinita…come posso dimenticare? come vorrei poter dimenticare e cancellare ogni cosa..).
    Ma allora è giusto portare con noi i ricordi? E’ giusto che ci siano “lacrime che scorrono via, senza che nessuno riesca a trattenerle”? Vorrei essere abbastanza saggio per dire di si, per dire che aiutano a crescere e a diventare migliori.
    Ma non sono così saggio. Spero solo che per te, come per tutte quelle belle persone che ho trovato in questi luoghi, quello che ti fa in qualche modo soffrire dei ricordi, si attenui, è rimangano soltanto le belle emozioni (…che comunque si leggono nel tuo post..).
    Caro Maxim, non so se sei d’accordo con me, ma per l’ennesimo fine settimana, eccomi qui a ripetere che meno male, domani è lunedì..
    Ciao..

  2. 2
    Maxim_Max -

    Ciao SnowAnd75,

    infatti meno male che domani è lunedì…

    Maxim.

  3. 3
    scalamir -

    MENO MALE CHE DOMANI E’ LUNEDI, anche per me!
    un abraccio a tutti

  4. 4
    darklady -

    gli anni ’80 erano i migliori in tutti i sensi, non solo in fatto di musica…oramai stiamo andando alla deriva…peccato ke ero piccolina in quel periodo…

  5. 5
    tina -

    Caro Maxim,
    ho letto la tua storia un pò qui e un pò lì…
    e devo confessarti che questa è la lettera che mi è piaciuta di più perchè in questa lettera ti sei finalmente lasciato andare e sei finalmente te stesso: una persona sensibile, che ha sofferto le pene dell’inferno ma che, nonostante tutto e nonostante quello che ha volutamente mostrato altrove (rabbia, disprezzo, desiderio di vendetta…)ha ancora dentro di sè tanto amore…probabilmente non potrai più condividerlo con lei, però ti auguro di tornare ad essere felice al più presto con una donna che sappia apprezzare quello che il tuo cuore ha da offrire…
    non avevo mai commentato i tuoi post perchè mi metteva a disagio la tua durezza, pur sapendo cosa si prova ad essere traditi. ma adesso che hai tolto la maschera ti sento molto più vicino e ti auguro di cuore di tornare presto a sorridere. anche se so che è molto molto difficile.
    ciao maxim.
    tina.

  6. 6
    Maxim_Max -

    Ciao Tina,

    hai centrato in pieno come sono veramente, anche il nik Maxim lo dice di per sè, perchè oltre che essere una elaborazione del mio nome(spero che si sia capito) ho dato il massimo di me stesso e se si ripresenterà una storia, avvincente e positiva, darò sempre tutto me stesso, non ci riuscirei a dare “spezzoni” di me, ma come potrei?

    Certo però che in questa, per ora, ipotetica persona dovrei vedere “una luce particolare” nei suoi occhi, d’altronde non posso dire di non averla vista in lei, non potrei mentire su questo(pensa che poi è stata lei a cercarmi mandandomi un sms, in quanto il num. del mio cell. è scritto sulla targa del mio studio) però visti i fatti…purtroppo è andata a finire malissimo per me.

    Aggiungo che le maschere sono solo gli strumenti di difesa utili subito, che sia io, come chiunque, adottiamo come reazione al vero strazio in cui si viene gettati, dopo simili shock, ma poi le stesse cadono perchè chi si è veramente alla fine esce sempre allo scoperto.

    Maxim.

  7. 7
    Maxim_Max -

    Ciao Darklady,

    come si suol dire ogni periodo, o meglio, ogni decennio porta con sè cose belle e cose orride, ma come dici nel tuo commento, la realtà odierna è quella che vede sempre in maggior numero fatti negativi che portano proprio alla deriva questa società consumistica in tutto.

    Maxim.

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili