Salta i links e vai al contenuto

Lo vedo che ormai si è rotto qualcosa nel nostro rapporto

Lettere scritte dall'autore  

Come sarebbe chiudere una storia di un anno e mezzo e ricominciare? Sarà difficile? Vorrei trovare la forza e il coraggio di chiudere tutto.
E’ ormai troppo tempo che sto male, che non riesco a stare bene. Non sono più tranquilla con me stessa, convivo con il nervoso. Io non voglio vivere così, voglio tornare ad essere felice, voglio ritrovare i giorni in cui avevo la voglia di ridere e di scherzare, in cui sapevo divertirmi.
Ormai tutto questo non esiste più, riesco a vedere solo tristezza in me. Ma purtroppo non ci riesco, mi sembra impossibile finire tutto e ricominciare da capo. So che se continuiamo la nostra storia ce la ricorderemo come una storia brutta, fatta di litigate, e i giorni belli li dimenticheremo.
Ma è più forte di me e di lui, non riusciamo a lasciarci. Ne abbiamo parlato l’altra sera, nessuno dei due riuscirebbe a lasciare l’altro. Ma come fare? Se qualcosa ormai si è rotto nel nostro rapporto non riusciremo più ad aggiustarlo, nessuno dei due è in grado. Ma io e lui eravamo così illusi che potevamo vivere una storia felice e contenta. E ora? Io ora non sto bene, e si vede nemmeno lui. Ma appena non ci vediamo magari per tre o quattro giorni, a causa della scuola, abbiamo la voglia di stare insieme. E poi? dopo magari due orette litighiamo. Anche per motivi assurdi, come questa mattina, io ho parlato mentre stavo mangiando e abbiamo iniziato a fare una brutta discussione. Oppure lui che mentre siamo nel letto sta attaccato al telefono a giocare a una cavolata di gioco io inizio a dare fuori di testa.
Lo vedo, che ormai si è rotto qualcosa nel nostro rapporto, lo vedono persino i nostri amici. Ma non saprei ricominciare, partire da zero? come farei.. mi sembra quasi impossibile. Dovrei prenderlo e parlarli e dirli cosa?
“Scusami se il nostro rapporto non è più perfetto, scusa se non sono pi perfetta, scusa se non sono capace a farti stare più bene. Scusami. Ma ora è meglio che io e te finiamo la nostra storia, ad andare avanti ci faremo solo del male. Soffro io e soffri te. E la nostra storia la ricorderemo come una storia triste. Io ti amo e sarà difficile stare senza di te. Io ti voglio, e ti vorrò per chissà quanto. Ma io sto male da troppo tempo. Mi dispiace.”
E’ strano persino scriverlo, ci eravamo ripromessi che stavamo insieme qualsiasi cosa poteva succedere. Ma ormai non sembra più che è così.
Alla fine ho poi 18 anni, e ho una vita davanti e chissà quanti ne potrò trovare nella mia vita, ma ora mi sto preoccupando del presente. E di domani, dopo domani, fra tre giorni, fra una settimana, tre quattro settimane, due mesi… Non sono pronta a perderlo. Mi mancherebbe troppo, mancherebbe una parte di me.

L'autore ha scritto 2 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

3 commenti

  1. 1
    sele -

    Ciao che tu mi creda o no anche il mio ragazzo è come te.
    1 anno e mezzo che stiamo insieme e litighiamo per cvolate.
    E anche lui siamo a letto e gioca con il telefono e se gli chiedo di smettere si incazza..

    Sarà un momento cosi, non è perchè per un periodo non andate d’accordo che debba finire tutto..
    Pensaci bene, se ti manca cosi tanto è perchè non deve finire.

  2. 2
    LUNA -

    @E’ ormai troppo tempo che sto male, che non riesco a stare bene. Non sono più tranquilla con me stessa, convivo con il nervoso. Io non voglio vivere così, voglio tornare ad essere felice, voglio ritrovare i giorni in cui avevo la voglia di ridere e di scherzare, in cui sapevo divertirmi.

    mi sembra che tu questo riesca a sentirlo in modo chiaro, che tu sappia ascoltarti, e c’è gente più grande di te che ha difficoltà a centrare così bene una sensazione di tensione e voglia invece di serenità e anche di sentirsi maggiormente in pace con se stessi, ritrovando il proprio lato entusiasta per la vita in genere. Cosa indipendente dall’età, ma posso dirti che io, che alla tua età ho vissuto storie importanti come te, ho avuto più difficoltà a centrare quella sensazione di autoascolto più al doppio dei tuoi anni (dopo i 30, ora ne ho 37) piuttosto che a 18. Anche se a 18 avevo le tue stesse paure e perplessità, però l’istinto era meno coperto da sovrastrutture, anche da decisioni che comunque ti cambiano maggiormente la struttura della vita stessa… ma quando guardo indietro penso che quella capacità di ascolto, allora, è stata “una saggezza interiore”. E penso che la sensazione che tu descrivi e che va ascoltata sia la stessa, che si abbiano 18, 28, 38 o 88 anni 😉

    Può essere sì una situazione passeggera la vostra, ok, però che tu ti senti così rispetto a come vanno le cose tra voi adesso rimane un fatto. Comunque mi pare tu senti che così non si può continuare.
    Non ti sto dicendo di mollare, perché questo lo sapete voi, ma di non cercare di mettere a tacere il fatto che ti senti a disagio.
    Magari se vi allontanate un po’ e la tensione cala potrete ritrovarvi, con maggiore calma, fuori dal meccanismo dei dispetti, anche involontari, o forse no, perché vi siete scoperti incompatibili, con tutta la più buona volontà.
    Però Lisa il punto non sta tanto nel fatto che il mondo sia pieno di ragazzi che puoi conoscere (vero) o di quanto possa essere faticoso ricominciare, quanto nel fatto che in questo momento soffri di una tensione continua e della fatica quotidiana che nel presente comporta.

  3. 3
    malinca -

    Stessa situazione…che tristezza!! Sono periodi che capitano comunque a tutti gli essere umani! E’ più importante fare di tutto pur di salvare il rapporto,per non avere rimpianti. Non ci si lascia alla prima difficoltà…MAI!!! Ne a 18,20,40! Se ci scegliamo e perchè ci vogliamo,l’amore non finisce se c’è dal primo momento,cambia semplicemente forma..ma c’è e ci sarà sempre(mie folli idee)

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili