Salta i links e vai al contenuto

Recuperare un amore

Salve a tutti,
come molte persone mi ritrovo ad affrontare la rottura di un rapporto sentimentale, e volevo condividere questo momento per avere magari consigli e opinioni da altre persone, magari potrei stare meglio. Vi racconto la mia storia.
Io e Simone (siamo entrambi uomini) ci siamo conosciuto all’inizio di settembre, è scattato subito qualcosa tra di noi, in modo semplice, naturale.
Da quella sera entrambi abbiamo sentito il bisogno di stare insieme il maggior tempo possibile, anche perché lui sarebbe ripartito dopo 1 settimana.
Non viviamo nello stesso paese, di base stiamo nella stessa città ma lui frequenta l’università all’estero.
Quella settimana è stata fantastica, e alla fine siamo arrivati alla conclusione che entrambi sentivamo il desiderio di continuare a sentirci ancora, e di trovare una soluzione per riuscire a vederci ogni tanto.
Un fattore molto importante è stato il mio superare un grosso blocco emotivo, in quanto purtroppo, per colpa di una persona poco sincera e corretta del passato, ho contratto il virus dell’HIV, in forma lieve, quindi in sostanza sto bene, e lui ha dimostrato grande maturità e grande interesse nei miei confronti, dicendomi che se dovevamo stare un po’ attenti nell’ambito del sesso non era un problema. Stava bene con me e non considerava minimamente un ostacolo per la nostra relazione questa cosa.
La nostra relazione è andata avanti per un mese in maniera virtuale, ci siamo sentiti e visti via web ogni giorno, per molte volte al giorno, ogni momento libero era dedicato per sentirci.
Poi io sono andato a trovarlo e anche li abbiamo passato insieme dieci giorni bellissimi, durante i quali ci siamo resi conto che la cosa stava andando oltre. Prima il tutto si basava sulla prima settimana di “magia”, chiamiamola così, poi era cresciuto.
Quando sono ripartito per tornare a casa l’ho visto per la prima volta esporsi, lui è un tipo che difficilmente dal vivo da a vedere quello che sente, ma quella sera pianse perché non voleva che me ne andassi. Questa cosa mi colpì molto e mi resi conto che teneva davvero a me e alla nostra storia.
Dopo la mia partenza abbiamo ovviamente continuato a sentirci ogni giorno via web, e lui un giorno mi confessò che quei dieci giorni passati con me erano stati fondamentali per lui, perché aveva capito che la cosa stava diventando un po’ più seria, cosa che lo rendeva felice e un po’ spaventato.
È passato un altro mese, e pochi giorni prima del suo arrivo qui, di punto in bianco mi disse che aveva capito che non provava per me sentimenti abbastanza forti da voler continuare ad affrontare una storia a distanza.
Nei giorni passati io ero stato un po’ più stressato del solito, e forse ho caricato inconsciamente su di lui il peso di questa cosa, facendolo sentire in dovere di rasserenarmi, in più lui cominciava un periodo difficile per lo studio, cosa che però non aveva mai esposto come un problema. Era sempre propositivo e proponeva spesso piccoli progetti da realizzare insieme.
Le cose che doveva fare aumentavano, e continuare a mantenere il ritmo delle nostre chiamate per lui era diventato stressante, quasi come un lavoro.
Io probabilmente, anzi di sicuro, ho sbagliato facendogli presente che mi sentivo trascurato ogni tanto. Ero abituato ad una sua costante presenza, e sono stato un po’ egoista non rendendomi conto che magari a volte mi chiamava meno spesso perché aveva tante cose da fare.
Allo stato attuale la relazione è finita, ed io non riesco a capacitarmi. Sento che c’è ancora del potenziale in questa relazione, ma lui al momento è deciso e dice di non provare per me abbastanza.
So che per lui non è stata una scelta presa con leggerezza, quando mi ha detto di volermi lasciare ha pianto con una sua amica, e so che mi vuole bene.
Quando abbiamo parlato gli ho detto che io voglio ancora stare con lui, e gli ho chiesto di non sentirci per un po’, per vedere se la mancanza della mia presenza nelle sue giornate può aiutarlo a capire se ha fatto una scelta avventata, o se davvero non prova più nulla.
Lui mi ha risposto che sicuramente vorrà vedere cosa succede dal momento in cui non ci sentiremo più, ma che per il momento è convinto così, poi non sa ovviamente cosa può succedere.
Io adesso non so come comportarmi. Sparisco dalla circolazione completamente, o ogni tanto dovrei lasciarmi andare per dargli qualche segnale che gli faccia capire che io ci sono?
Spero che qualcuno possa chiarirmi le idee, al momento mi sento parecchio triste e non so se credere che a volte le relazioni sono recuperabili.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Gay

4 commenti a

Recuperare un amore

  1. 1
    gyllie -

    Dagli tempo. Lascia che viva a modo suo le sue paure e le sue scelte. Servirà
    anche a te a capire se è lui che vuoi veramente. Lascia che i suoi sentimenti si
    chiariscano dentro di lui. Ogni tanto mandagli un segnale (gli auguri al suo
    compleanno, a Natale, o a una ricorrenza che sapete solo voi) senza sollecitare
    una riposta. Un pensiero, un messaggio nella bottiglia. Se tornerà, sarà una scelta
    sua, ben meditata e sarà sentimento vero e forte. Se non tornerà, saprà di averti
    amico comunque e prima o poi si farà comunque vivo in qualche modo, perché
    nella vita c’è sempre il momento, anche dopo tantissimo tempo, in cui si ha
    bisogno di un amico vero. Questo tipo di relazione è molto delicato, ostacolato,
    complicato, lo sai anche tu. Secondo me l’unica cosa che puoi fare è mandare il
    segnale che ci sei, che sai capire e che sai aspettare. E’ una cosa che rassicura e
    scalda il cuore molto più che un’insistenza ad accelerare o cambiare le cose. Se
    non arrivi a parole di rottura (che poi sarebbe più difficile da recuperare), se non
    sparisci, se sei capace di amarlo e basta (l’amore è così, è un atto unilaterale e
    solo qualche volta è corrisposto), allora ci sarà sicuramente spazio per qualche
    cosa tra di voi in futuro. L’attesa è dura, lo so. Coraggio.

  2. 2
    gianluca.jc -

    So che questa storia ha delle complicazioni. Ma so anche che quelle più grandi le
    abbiamo superate senza troppi problemi.
    Non so, sento che c’è del potenziale tra noi, e non riesco a smettere di sperare, a
    dare tutto per perso.
    Aspetterò, gli lascerò il suo tempo per pensare.

    Grazie mille

  3. 3
    FAUSTA FABRIZIO -

    L’AMORE .. se di vero amore si tratta nulla e nessuno potrà ostacolarlo… credo che se ci sono dubbi.. incertezze paure… nn si tratta di AMORE VERO… io smetterei di sperare e torturare ancora il tuo cuore,,, scusa per la sincerità …. prova a metterti nei suoi panni ,,, se si è allontanato.., credo sia quasi impossibile che ritorni sui suoi passi … ti avrebbe cercato… tu se ami lascia che il tuo cuore ami… ma sappi che nulla è per sempre… coraggio…
    affronta con realtà qst situazione molto delicata,,, e se lo ami davvero lascia che lui possa vivere con tranquillità qst sua scelta … credimi che se ti ama e ritorna a cercarti magari sarà per sempre… ma io nutro fortissimi dubbi!!!!

  4. 4
    fifi -

    L’AMORE .. se di vero amore si tratta nulla e nessuno potrà ostacolarlo… credo che se ci sono dubbi.. incertezze paure… nn si tratta di AMORE VERO… io smetterei di sperare e torturare ancore il proprio cuore,,, scusa per la sincerità …. prova a metterti nei suoi panni ,,, se si è allontanato.., credo sia quasi impossibile che ritorni nei suoi passi … ti avrebbe cercato… tu se ami lascia che il tuo cuore ami… ma sappi che nulla è per sempre… coraggio…
    affronta con realtà qst situazione molto delicata,,, e se lo ami davvero lascia che lui possa vivere con tranquillità qst sua scelta … credimi che se ti ama e ritorna a cercarti magari sarà per sempre… ma io nutro fortissimi dubbi!!!!

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili