Salta i links e vai al contenuto

Ragione o sentimento

Ciao a tutti, sono nuova di qui e Vi racconto la mia storia, sperando di ricevere i Vostri pareri, e sperando che raccontando ciò mi possa sentire almeno un pochino meglio.
Sono una donna di 33 anni, lui 38, siamo stati insieme 2 mesi e mezzo, due mesi vissuti intensamente, week-end fuori, pranzavamo insieme, spesso cenavamo anche insieme, ho conosciuto la sua famiglia, alcuni suoi amici, volevo aspettare un altro po’ per presentarlo ai miei, e lui prese molto male questa cosa, e diceva di sentirsi umiliato.
Dopo il 1°mese insieme, la mia vita familiare viene un po’ scombussolata (vivo con i miei, lui con sua madre a cui è molto legato) e questo periodo nero per me, mi creava un po’ di nervosismo; anche lui non viveva una situazione facile in famiglia e al lavoro, e questi problemi anziché avvicinarci, ci portavano a litigare per ogni minima cosa, quasi ogni giorno, lui nelle ultime discussioni reagiva male, MOLTO male, urlava, piangeva, chiudeva il telefono in faccia… e a me questa cosa a lungo andare aveva iniziato a spaventarmi (lui usciva da una brutta storia sentimentale) .
Arriva il fatidico giorno, in cui io gli chiedo di vederci, non per andare a fare la solita passeggiata, ma x parlare di noi, lui reagisce male, dice che sono immatura, che trovo ogni pretesto per litigare, ecc., e alla fine io stufa di questo suo continuo atteggiamento gli dico che, visto che non vuole nemmeno ascoltare ciò che ho da dirgli, per me è finita, era di domenica… lui si fa VIVO (di persona) fino al mercoledì, presentandosi sotto al mio ufficio, e sotto casa mia, regalandomi anche un anello, chiedendomi un’ultima possibilità (datagli + volte) ed io rifiuto.
I primi tempi mi tempesta di messaggi e telefonate, poi buio e silenzio!
Siamo rimasti in amicizia, lui dichiarava di essere ancora innamorato di me, ma il mio istinto mi diceva che non era così, anche perché non mi cercava più da tempo, abita a soli 5 minuti di auto da casa mia, e in 2 mesi che non stavamo più insieme, non mi ha mai invitata fuori per una pizza o un caffè, per parlare di noi a 4 occhi, se glielo facevo notare, lui mi rispondeva che io godevo (secondo lui) a dirgli queste cose e a farlo sentire in colpa, e che, se anche me lo avesse chiesto cosa sarebbe mai cambiato (assurdo! ) .
Ci vediamo prima di Pasqua, per darci gli auguri e sul suo cellulare iniziano ad arrivare telefonate di una certa Anna, lui sbianca, e getta il cellulare sui sedili posteriori, ma prima di fare ciò, dice che deve inviare un sms urgente.
Subito dopo Pasqua, parlavamo al cellulare e lui mi dice “visto che ora hai ritrovato la tua serenità familiare, possiamo concederci un’altra chance”, questa frase mi ha dato sui nervi, perché in 2 mesi che ci siamo lasciati, mi sembra che abbia fatto ben poco, per cercar di riconquistarmi, e poi mi fa “in questi 2 mesi, non c’è stata nessuna, una mi corteggiava, ma io ci sono uscito 2-3 volte, ma non è successo nulla, le ho solo dato corda, è una mezza pazza”, sinceramente non so Voi, ma io non credo, che una ragazza per quanto squilibrata possa essere, chiama un uomo tante volte al cellulare, se con lui non c’è stato NULLA, preciso una cosa per me IMPORTANTE: i sabati e le domeniche e i gg. di festa il suo cellulare era sempre spento (lui diceva che non prendeva mai la linea) .
Comunque in base a tutto ciò, io non gli credo, e gli dico che dovrebbe avere le palle per dire la verità, lui nega, nega e inizia a giurare su, suo padre morto (cosa che fa spesso) che quella ragazza l’ha vista una sola volta nel suo studio, e non c’è mai stato nulla, poco prima aveva detto che ci era uscito 2-3 volte insieme, io continuo a non credergli, e lui inizia ad offendere e a dire che devo sparire dalla sua vita, perché non gli credo e non lo merito, definendomi verme (tutto questo per sms) , provo a chiamarlo, e mi chiude il telefono in faccia… e solo il giorno prima mi aveva detto “sono innamorato di te”.
Questo è successo 4 gg. fa, da allora mi aspettavo un messaggio di scusa, ma non il silenzio che è proseguito!
Non ritornerei mai più con lui, dopo quello che mi ha detto, mai più, però sto male, male, male da cani, perché anche se solo ora lo ammetto qui, io avevo creduto e sperato in quel “sono ancora innamorato di te” e invece ora mi sento solo presa in giro nei sentimenti, e umiliata.
Non ritornerei più con lui, è vero, ma avrei voluto che il nostro rapporto (in ricordo di quello che c’è stato tra noi) finisse nel modo + civile possibile, ma così non è stato.
Lui è molto fragile di carattere, io ero quella + forte, e lui si aggrappava a me, anche ora che eravamo amici, quindi per questo, il suo silenzio, mi ha anche meravigliata.
Vi sembrerò matta, ma ho anche pensato di presentarmi sotto al suo ufficio, guardarlo negli occhi e dirgli “le cose che mi hai scritte per messaggio l’ultima volta, abbi il coraggio di dirmele in faccia” ma a cosa servirebbe? Conservo un ricordo stupendo di quei 2 mesi insieme, ed è questo a farmi stare così tanto male, forse ci siamo conosciuti in un momento sbagliato per entrambi.
Perdonatemi per aver scritto tutto ciò, e ditemi voi cosa fareste e come reagireste al mio posto? Grazie in anticipo per le vostre risposte.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

1 commento a

Ragione o sentimento

  1. 1
    Phil95 -

    Immatura te che hai avuto il coraggio di affrontare la situazione?
    Ma semmai è immaturo lui!

    L’unico errore è stato quello di mantenere l’amicizia: tra uomo e donna l’amicizia non può e non potrà mai esistere, soprattutto se c’è stato un rapporto più profondo.

    Taglia definitivamente i ponti e cerca altre opportunità!

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili