Salta i links e vai al contenuto

Vi racconto la mia storia

Lettere scritte dall'autore  

Ciao a tutti,
vi racconto “brevemente” la mia storia, ho 25 anni, sono stato fidanzato due anni e mezzo con una ragazza mia coetanea. L’inizio non è stato proprio roseo nel senso che io mi sono innamorato a prima vista lei no, ci vedevamo tutti i giorni, andavamo a letto insieme, insomma ci comportavamo quasi da fidanzati ma lei sottolineava sempre che non voleva legami e se semplicemente mi azzardavo a dirle ti voglio bene si incazzava. Tanto che quando ha scoperto che mi ero innamorato ha detto che preferiva non vedermi più. Ho passato più di un mese di inferno, non mi sono mai arreso anche se sembrava di lottare contro i mulini a vento (parole sue) sino a quando non so come e perché lei ha cambiato idea e ci siamo fidanzati.. Ero la persona più felice del mondo, per lei ho rinunciato a l’erasmus e a tante cose, in linea di massima questi due anni e mezzo sono stati felici. Salvo che per alcuni “dettagli”, era molto gelosa di me, le poche volte che uscivo con gli amici o facevo tardi a lavoro aveva dubbi che io potessi stare con un’altra. A lei invece tutto era permesso, è capitato che conoscesse nuovi amici maschi e ci uscisse sino a tarda notte, a volte in gruppo a volte anche sola. Sono stato geloso anche io e mi sono arrabbiato diverse volte, ma certi suoi comportamenti non mi andavano giù come il fatto che preferiva passare capodanno separati perché non le andavano a genio i miei amici e alla fine per due anni di fila sono andato io con i suoi perché per me l’importante era stare insieme. I problemi più grossi sono nati da quando, subito dopo la laurea, ho iniziato a lavorare, stavo fuori 12 ore al giorno ma tutti i giorni come rientravo in città correvo da lei che spesso si arrabbiava perché magari capitava che a mezzanotte o l’una mi addormentavo..
Gli ultimi mesi abbiamo litigato spesso, le cose a lavoro andavano male, grossi problemi finanziari in azienda, ho avuto un periodo di depressione ero sempre stanco, arrabbiato e senza forza, (non prendo lo stipendio da tre mesi) . Mi occupo di contabilità e sono quello che risponde ai fornitori quindi potete immaginare lo stress.. Non ha mai avuto comprensione, nonostante le dicessi che facevo tanti sacrifici anche perché volevo costruire un futuro insieme.. ed è capitato che ho urlato in maniera pesante diverse volte, ma non ho mai smesso di amarla. Dopo un’ultima sua scenata sono sparito per 4 giorni, non ne voleva più sapere poi sembravamo aver fatto pace, sino a quando un sabato che ero fuori, non decide di uscire con un ragazzo che le aveva presentato un’amica in biblioteca, al che io mi arrabbio malamente e non ci sentiamo per due giorni, ci rivediamo e lei mi annuncia che è finita. Parliamo tutta la notte, facciamo l’amore, dormiamo insieme ma la mattina seguente mi dice le cose non cambiano non ti amo più.
Con l’ultimo briciolo di dignità che mi è rimasto decido di non farmi più sentire per una settimana, sino al giorno del suo compleanno, mi presento da lei, volevo cercare di sistemare le cose ma ha ribadito che non ne vuole più sapere e sono andato via. Da allora, due mesi ormai, non mi sono fatto più vivo e nemmeno lei. Inutile dirvi che sto soffrendo come un cane, non mi sono informato su cosa faccia, ma vivendo nella stessa città so che si è data alla bella vita e probabilmente sta con quel tizio della biblioteca, più piccolo di un anno di lei…
Nonostante tutto non riesco a togliermela dalla testa e sto vivendo malissimo.
Mi date un parere
Grazie

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

7 commenti

  1. 1
    anto -

    Il peggior tipo di donna al mondo. Scappa a gambe levate e trovatene in fretta un’altra, quella è da dimenticare al più presto e da evitare in futuro. Mi dispiace per te che hai perso tante occasioni per causa sua, ma la vita è così, succede a tutti di sbagliare strada: anche se quel rapporto era “comodo”, meglio per te se lei è andata via. Se proprio dovesse tornare, non sarà certo per fare contento te, ma solo se stessa, quindi non c’è niente che tu possa fare se non sparire come ha fatto lei, ed aspettare che il lei maturi, se mai succederà, quello in cui tu speri. Nel frattempo fai del tuo meglio per trovarne un’altra: la dignità di un uomo dovrebbe avere sempre la meglio sul dolore causato da una donna, specie se di quel tipo.

  2. 2
    colam's -

    Concordo ! Con questa NoContact totale, chi non ti ama non ti merita. Che sia finita questa storiaccia per te e’ un’opportunita’ ed una fortuna.

    Per il futuro vedi tu, se vuoi cercane un’altra, senno’ si sta bene anche da soli !

  3. 3
    qiu -

    Virke ma sta ragazza è di un egoismo raccapricciante.. O_O

  4. 4
    Giorgia -

    E’ una legge di natura sentirsi attratti da chi non ci ama o crede di amarci.
    Non hai detto molto su cio’ che lei ha fatto per te.
    Al tuo posto non mi sentirei meravigliato se ti ha lasciato.
    Il suo comportamento appare superficiale e fragile ,io non passerei mai un capodanno lontana dal mio Amore.
    Secondo me le hai permesso troppe cose.Ora decidi tu se farti calpestare ancora.
    Un saluto.

  5. 5
    andy -

    briciolo di dignità che ti è rimasto?

    è grazie a zerbini come te se queste fanno la pacchia.
    la colpa non è di quelle non pensanti, ma degli zerbini.

    bisogna ritornare al caro bastone e carota, anzi no, meglio i muslim..
    in cucinaaaaaaaaaaaa

  6. 6
    rossana -

    Virke,
    a mio avviso, il tuo problema ha radice nel fatto di esserti innamorato di una donna che innamorata non era.

    questo tipo di relazione presenta sempre rischi altissimi, tanto più con una persona egocentrica come questa ragazza. in ogni caso, si è sempre egoisti quando non si è innamorati o si ama “troppo poco”…

    lasciala perdere. trovati una donna che corrisponda i tuoi sentimenti oppure rimani da solo. meglio soli che tiranneggiati!

  7. 7
    virke -

    Vi ringrazio molto per i vostri pareri, in questo tempo non ho fatto altro che colpevolizzarmi per gli errori commessi. Di fatto negli ultimi mesi della relazione l’ho trattata male, forse non l’ho evidenziato abbastanza… Ma era proprio un periodaccio e non ha avuto comprensione. Penso che non mi amava abbastanza però mi manca da morire e non riesco proprio a farmene una ragione. Col tempo forse qualcosa cambierà o almeno spero

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili